keystone
SVIZZERA
01.08.2020 - 11:070
Aggiornamento : 12:42

«Uniti di fronte alle difficoltà»

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha tirato un bilancio per il Primo d'agosto

BERNA - L'epidemia di coronavirus ha caratterizzato i primi sei mesi di presidenza della Confederazione di Simonetta Sommaruga. La combinazione di pressione temporale e misure da decidere hanno rappresentato un forte peso per tutti i consiglieri federali. A suo avviso il rischio di ritrovarsi nella stessa situazione è però basso.

«La responsabilità che ho sentito in questi mesi è stata enorme», ha affermato ieri sera la Sommaruga in un colloquio con la televisione svizzerotedesca SRF in occasione della Festa nazionale. «Ma nei momenti di crisi sono una persona calma», ha sostenuto, ammettendo tuttavia di non aver sempre dormito bene.

La pressione è stata grande per tutti i membri del governo, ed essi non sono sempre stati dello stesso avviso, ma non si è mai reso necessario votare, ha sottolineato. Quale presidente della Confederazione è suo compito conciliare diversi punti di vista ed esperienze e trovare una via di mezzo di modo che alla fine tutti si ritrovino un po' nella decisione presa.

Alla popolazione la Sommaruga dà il voto "eccellente" per il suo comportamento. Vi è una certa fiducia nel Consiglio federale, ma è stato rilevante anche il fatto che la Svizzera ha appunto scelto una via di mezzo. Le misure non sono state adottate troppo presto, ma passo dopo passo, motivo per cui la popolazione ha compreso le decisioni e le ha rispettate.

La 60enne non si aspetta che qualora il numero dei casi di contagio salisse ulteriormente si torni alla stessa situazione come all'inizio dell'epidemia. «Ora siamo a un altro punto», ha sostenuto. Con le esperienze raccolte e le misure attuate negli scorsi mesi il rischio di una ricaduta completa è piccola, ha sottolineato la Sommaruga.

La presidente della Confederazione si rallegra di occuparsi di nuovo anche di altri dossier: «i temi climatici mi stanno a cuore», ha dichiarato. L'epidemia non deve ostacolare il lavoro su altri temi importanti per la Svizzera e il mondo. Tuttavia la crisi del coronavirus è ancora in primo piano: «Non dobbiamo mollare e sentire anche il Primo agosto che siamo un paese e che restiamo uniti».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 05:28:04 | 91.208.130.87