Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO
8 ore
Ballottaggio, due cittadini presentano ricorso
Ritengono di non aver ricevuto il materiale di voto entro i termini stabiliti
GINEVRA
9 ore
Minacce con il coltello e furti notturni, è paura in riva al lago
Diverse persone sono state derubate lo scorso mese nei pressi di un centro autogestito a Ginevra. La polizia al momento brancola nel buio
BASILEA
11 ore
Uomo in sedia a rotelle muore cadendo nel Reno
Il malcapitato è deceduto poco dopo il ricovero in ospedale
FRIBURGO
11 ore
Le donne sono considerate meno competenti degli uomini
Nessuna evoluzione in 50 anni nei campi considerati tipicamente maschili
BERNA
14 ore
Lobby a Palazzo federale: pubblicato un vademecum per i neoparlamentari
Le Camere federali hanno sviluppato una guida sulla (non) accettazione di vantaggi e sul segreto d'ufficio
BERNA
14 ore
Auto elettriche: un automobilista svizzero su due è interessato a comprarne una
Lo rivela un sondaggio pubblicato dal TCS. Gli interpellati sperano che l'uso di questi veicoli protegga di più l'ambiente
BASILEA CAMPAGNA
16 ore
Ritrovate monete di epoca romana
Sarebbero state sotterrate attorno all'anno 180 dopo Cristo. Verranno restaurate, catalogate ed esposte al Museo di Liestal
SVIZZERA
16 ore
«Non c'è nemmeno spazio per uno zaino»
L'associazione traffico e ambiente stima che negli ultimi anni lo spazio per i bagagli sui treni FFS sia diminuito drasticamente
BERNA
16 ore
Il PPD cerca un nuovo capogruppo
La ricerca segue la mancata elezione Lombardi al Consiglio degli Stati
ZURIGO
17 ore
I bimbi sordi a scuola da Google
Il colosso della Silicon Valley offrirà lezioni di robotica a una trentina di allievi nella lingua dei segni
SVIZZERA
04.06.2018 - 18:360

Bocciata l'iniziativa "Per vacche con le corna"

Oggi in Parlamento molti consiglieri nazionali hanno lodato la caparbietà di Capaul sottolineando come sia difficile raccogliere le 100'000 firme necessarie alla riuscita di una iniziativa popolare

BERNA - Non va concesso alcun contributo finanziario supplementare a quegli allevatori che decidono di non tagliare le corna agli animali, siano essi capre, mucche o tori. È quanto pensa il Consiglio nazionale che con 108 voti contro 42 e 33 astenuti ha bocciato l'iniziativa popolare "per vacche con le corna".

L'iniziativa è stata promossa dalla comunità di interessi "Hornkuh" (vacca cornuta) del contadino di origine grigionese e residente a Perrefitte (BE) Armin Capaul. Il testo chiede che gli agricoltori vengano indennizzati per i costi supplementari che devono sobbarcarsi se lasciano crescere le corna ai loro animali.

Oggi in Parlamento molti consiglieri nazionali hanno lodato la caparbietà di Capaul sottolineando come sia difficile raccogliere le 100'000 firme necessarie alla riuscita di una iniziativa popolare. Simpatia nei confronti della sua proposta sono state espresse sia da sinistra (soprattutto), ma anche da destra.

In molti hanno però evidenziato come il problema sollevato dal grigionese non abbia posto nella Costituzione. Questioni di questo tipo vanno risolte a livello di legge, ha sostenuto Markus Ritter (PPD/SG). I promotori dell'iniziativa hanno fatto di tutto per far passare le loro idee, senza successo, e neanche la possibilità di un controprogetto è stata loro accordata, ha replicato Silva Semadeni (PS/GR). Questo spiega perché si è arrivati alla situazione attuale, ha aggiunto.

Oggi, in Svizzera, nove mucche su dieci non hanno più le corna. La principale ragione che incita gli allevatori a privare gli animali di simili protuberanze è il timore che le bestie si feriscano tra loro oppure facciano del male all'uomo, ha spiegato Pierre-André Page (UDC/FR) a nome della commissione; lui stesso allevatore da 20 anni di mucche senza corna, dopo essersi occupato per 10 anni di "vacche cornute".

La legislazione in vigore prevede già incentivi finanziari per le forme di produzione particolarmente rispettose degli animali. Con l'iniziativa vi sarebbe inoltre il rischio che, per motivi di sicurezza, gli animali vengano tenuti in stalle a stabulazione fissa, il che non favorirebbe il loro benessere, ha precisato Page.

La decornazione non è un atto che viene sottovalutato: la rimozione degli abbozzi cornei dei vitelli avviene sotto anestesia, ha ricordato il consigliere federale Johann Schneider-Ammann. Gli animali non soffrono inoltre della mancanza delle corna: «Con o senza corna le mucche sono felici e riescono comunque a stabilire le gerarchie», ha aggiunto Page.

La minoranza non è dunque riuscita a convincere il plenum della bontà di conservare le corna agli animali da reddito. «Qui non si tratta di penalizzare gli allevatori che rimuovono le corna ma di ricompensare chi rinuncia alla decornazione», ha ad esempio affermato Beat Jans (PS/BS). L'iniziativa di Capaul permetterà invece di farlo: «È il sistema di stabulazione che deve adattarsi all'animale, non il contrario», ha sottolineato Regula Rytz (Verdi/BE).

I contadini meritano di ricevere un po' più di denaro per i loro sforzi in questo ambito, ha aggiunto Yvette Estermann (UDC/LU). Non vorrei che i nostri figli conoscano soltanto le mucche senza corna, ha aggiunto.

Diversi deputati di sinistra hanno anche criticato la decornazione: è un evento traumatico per l'animale, ha affermato Jans; il cono delle corna è un osso irrorato da sangue e attraversato da nervi, ha aggiunto Rytz. La maggioranza ha però ritenuto che non ci siano prove scientifiche che possano indicare una eventuale sofferenza dell'animale privato delle corna. Visto che anche il Consiglio degli Stati ha bocciato il testo di Capaul, il relativo decreto federale è pronto per le votazioni finali.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 05:01:20 | 91.208.130.89