ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Cosa ci dirà questa volta Berset?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
11 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
SVIZZERA
11 ore
«Introdurre una tassa per i non vaccinati»
Lo ha proposto Sanija Ameti, co-presidente del movimento Operation Libero
GRIGIONI
13 ore
In vacanza in hotel, ma solo se vaccinati o guariti
Al Kulm di St.Moritz la stagione turistica invernale inizia con una stretta sulle misure sanitarie
SVIZZERA
15 ore
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
16 ore
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
16 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
ZURIGO
17 ore
Un nuovo centro per i test covid all'aeroporto di Zurigo
È stato inaugurato oggi ed è in grado di effettuare 15mila tamponi alla settimana.
SVIZZERA
17 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
SVIZZERA
17 ore
«Nessuna quarantena per i viaggi d'affari»
Swismem si dice scettico sull'efficacia delle quarantene: «Non fermeranno la diffusione del virus».
TURGOVIA
27.11.2013 - 17:250
Aggiornamento : 22.11.2014 - 11:40

13 e 9 anni e mezzo ai padri che hanno abusato dei figli

La pena più pesante è stata inflitta al genitore sieropositivo

SIRNACH - Tredici e 9 anni e mezzo di prigione per i due padri che hanno abusato sessualmente dei figli e hanno diffuso le foto su internet. Nella sentenza su quella che è considerata la più grave vicenda di pedofilia giudicata in Svizzera, il Tribunale distrettuale di Münchwilen riunito a Sirnach, nel canton Turgovia, è andato oltre le richieste del procuratore.

La pena di 13 anni - di due anni e mezzo superiore alla richiesta della pubblica accusa - è stata inflitta a un cittadino tedesco oggi 35enne che ha vissuto con il figlio di 7 anni nel canton Turgovia e in Argovia.

L'uomo ha avuto ripetuti rapporti sessuali con il figlio che si sono protratti anche quando ha saputo di essere sieropositivo. Ha pure diffuso le foto dei rapporti su internet e ha "venduto" il figlio a clienti pedofili contattati attraverso una chat per 300 franchi a serata.

Il 35enne - che secondo il suo difensore si guadagnava da vivere come "callboy" e come attore di film porno omosessuali - era pure accusato di aver somministrato in alcune occasioni al figlio dell'ecstasy liquida, o "gocce del K.O.", per infrangere ogni sua resistenza.

Il Tribunale lo ha giudicato colpevole per tutti i capi d'imputazione. Il presidente della corte ha definito le sue colpe "esorbitanti" e ha precisato che si è rinunciato a far ricorso all'internamento sulla base di una perizia psichiatrica che quattro anni fa non prevedeva questa misura. La sentenza non è ancora passata in giudicato, ma il difensore del 35enne ha dichiarato che il suo assistito non intende fare ricorso.

Il coimputato condannato a 9 anni e mezzo di prigione - due in più rispetto alla richiesta del procuratore - è uno svizzero del canton Glarona oggi 42enne che era entrato in contatto con il tedesco attraverso una chat per pedofili. Anche lui ha confessato di aver avuto rapporti sessuali con il proprio figlio di 6 anni e di averne diffuso le foto su internet.

Gli abusi sui figli durarono dal 2007 fino al maggio del 2008, quando i due padri furono arrestati nell'ambito di un'operazione di polizia internazionale contro la pedofilia e la pornografia infantile su internet. Entrambi i condannati si trovano in stato di esecuzione anticipata della pena da cinque anni.

Un terzo imputato nel processo, che è stato dispensato dal partecipare al dibattimento, è il compagno e coetaneo dell'imputato principale. Il Tribunale ha confermato in questo caso la richiesta della pubblica accusa: 18 mesi di prigione con la condizionale per avere avuto rapporti omosessuali con il partner davanti al figlio.

Durante il dibattimento che si è tenuto a porte chiuse - soltanto i giornalisti erano ammessi - i due accusati si sono detti pentiti per le loro "atroci azioni". Entrambi sono pure stati condannati a versare risarcimenti per diverse decine di migliaia di franchi ai rispettivi figli.

In un articolo pubblicato oggi, un giornalista del "Tages Anzeiger" ha cercato di ricostruire cosa è successo al figlio dell'imputato principale. Il ragazzo, che oggi ha 13 anni, era stato affidato all'epoca al padre perché la madre si trovava in prigione. Dopo l'arresto del genitore è stato seguito per cinque anni di giorno in un istituto del canton Argovia e di notte presso una famiglia affidataria.

Di recente il giovane è stato trasferito in un istituto in Germania: una decisione, ha spiegato il legale che lo ha rappresentato al processo, presa dalle autorità argoviesi per una questione di costi.

Ats


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 08:25:18 | 91.208.130.87