Cerca e trova immobili

YVERDON-LES-BAINSIncendio a Yverdon, ipotesi dramma familiare

11.03.23 - 16:07
Una pistola è stata trovata vicino al padre e i corpi delle vittime presentano i segni di colpi d'arma da fuoco.
Keystone
Incendio a Yverdon, ipotesi dramma familiare
Una pistola è stata trovata vicino al padre e i corpi delle vittime presentano i segni di colpi d'arma da fuoco.

YVERDON-LES-BAINS - Le indagini della polizia cantonale vodese iniziano a fare luce sulle ragioni dell'incendio scoppiato giovedì in un’abitazione a Yverdon e costato la vita a una famiglia di cinque persone. Contrariamente a quanto pensato potrebbe non essersi trattato di un incidente. Prende sempre più corpo infatti la pista di un dramma familiare. I corpi presentavano ferite da arma da fuoco e una pistola è risultata in possesso del padre.

Ipotesi dramma familiare - «Gli accertamenti svolti dagli investigatori della polizia e l'esame medico-legale delle vittime hanno indotto gli inquirenti a favorire l'ipotesi di una tragedia familiare che si sarebbe verificata a porte chiuse», ha spiegato attraverso un comunicato stampa la polizia cantonale vodese. L'origine dell'incendio non è stata ancora formalmente accertata e le indagini proseguono. 

Vicino al padre è stata trovata un'arma che spinge gli inquirenti a pensare che potrebbe essere stato l'autore degli altri quattro omicidi prima di porre fine alla sua vita. 

Origini dell'incendio ancora sconosciute - Non è stato ancora possibile stabilire formalmente le cause dell'incendio, ma i periti hanno rilevato la presenza nei vari ambienti dell'abitazione di una grande quantità di materiale infiammabile, probabilmente benzina, che spiega l'entità dei danni all'edificio. 

Le cinque vittime sono state formalmente identificate come membri della stessa famiglia, composta da tre ragazze di 5, 9 e 13 anni, la madre di 40 e il padre di 45. Le indagini sono condotte dagli investigatori della brigata criminale e della brigata di polizia scientifica della polizia di sicurezza, sotto l'egida del Pubblico Ministero.

Esplosioni come petardi - Secondo diversi testimoni, giovedì intorno alle 6.30 del mattino si è sentita una forte esplosione, prima che l'edificio prendesse fuoco. Una ventina di pompieri sono intervenuti sul posto, ma senza riuscire a salvare le cinque persone che vivevano nella casa. Le indagini proseguono con il supporto dei pompieri della Scuola di Scienze Criminali dell'Università di Losanna.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE