Immobili
Veicoli

ZURIGOScarcerato l'ex numero uno di Raiffeisen

13.06.18 - 07:46
Pierin Vincenz ha ritrovato la libertà dopo tre mesi e mezzo di detenzione preventiva. «Contesto le accuse e mi difenderò con tutti i mezzi»
Keystone
Scarcerato l'ex numero uno di Raiffeisen
Pierin Vincenz ha ritrovato la libertà dopo tre mesi e mezzo di detenzione preventiva. «Contesto le accuse e mi difenderò con tutti i mezzi»

ZURIGO - L'ex numero uno della banca Raiffeisen Pierin Vincenz è stato rimesso in libertà oggi dopo tre mesi e mezzo di detenzione preventiva. Nelle sue prime dichiarazioni ha criticato la lunga carcerazione. Le indagini proseguono.

La sezione III del Ministero pubblico del canton Zurigo sta indagando nei suoi confronti per sospetta amministrazione infedele. Vincenz si sarebbe arricchito personalmente attraverso acquisizioni operate da Aduno, società di servizi finanziari zurighese di cui era presidente del Consiglio d'amministrazione (Cda), e da Investnet, società di partecipazioni argoviese di cui detiene il 15% delle azioni.

L'inchiesta è a buon punto e per questo motivo Vincenz è stato rilasciato «con l'imposizione di diverse misure» alternative al carcere, ha detto oggi la procura. Anche un suo collega di affari, pure ex membro del Cda di Aduno, è stato rimesso in libertà. Secondo i servizi del procuratore, le indagini proseguono contro «tutti i sospettatati». Oltre a Vincenz e al collega sono interessate «altre persone nella stessa cerchia professionale».

Vincenz e il collega erano stati posti in detenzione preventiva lo scorso 27 febbraio. In maggio la misura era stata prolungata dal Tribunale per le misure coercitive dopo che l'accusa aveva scoperto nuove transazioni dubbie su cui indagare.

Il caso era scoppiato in dicembre quando la magistratura zurighese aveva avviato un procedimento penale dopo la denuncia sporta da Aduno nei confronti del suo ex presidente.

Subito dopo il rilascio, Vincenz ha criticato la lunga carcerazione preventiva - in tutto 106 giorni - disposta contro di lui, a suo dire in modo inatteso, definendola «inutile e del tutto sproporzionata». «Contesto le accuse mosse contro di me nel procedimento penale e mi difenderò con tutti i mezzi per controbatterle», ha fatto sapere Vincenz in una dichiarazione diramata dalla sua agenzia di comunicazione.

Il 62enne ha poi affermato di non augurare a nessuno quel che ha vissuto nelle ultime settimane. «Nonostante le circostanze sto abbastanza bene e ringrazio tutti coloro che in questi tempi difficili mi hanno sostenuto».

Vincenz ha perso molti dei suoi mandati negli ultimi mesi, compresa la presidenza nel Cda del gruppo energetico grigionese Repower. In precedenza si era già ritirato dalla stessa funzione in diverse società, tra cui Aduno, Leonteq e soprattutto l'assicurazione Helvetia. Vincenz ha diretto Raiffeisen dal 1999 al 2016.


 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA