Cerca e trova immobili

BERNAPrenotano per 60, ma alla fine non si presentano

15.06.24 - 00:00
La beffa di una comitiva di ciclisti a un ristoratore del canton Berna: «Fa male». Gastro Suisse: «Accade sempre più spesso».
Deposit Photos
Fonte 20 Minuten
Prenotano per 60, ma alla fine non si presentano
La beffa di una comitiva di ciclisti a un ristoratore del canton Berna: «Fa male». Gastro Suisse: «Accade sempre più spesso».

BERNA - «Avevamo preparato tutto, i tavoli, il cibo e le bevande, ma poi... non si sono presentati. Che senso ha tutto questo?».

Sono amareggiati i proprietari di un ristorante del cantone di Berna che qualche giorno fa hanno dovuto fronteggiare l'ennesimo caso di no show.

Un tour operator aveva infatti prenotato per 50-60 ospiti un buffet e alla fine non si sono presentati. «Fa male», scrivono sulla loro pagina Facebook. Al di sotto, la fotografia delle bibite preparate e dei tavoli accuratamente apparecchiati.

Da qui la richiesta al tour operator di versare un contributo per le spese di 250 franchi, a cui però non intende fare seguito.

I "no show" sono in aumento - Secondo Patrik Hasler-Olbrych, portavoce per i media di Gastro Suisse, i "no show" sono un problema rilevante per il settore. E a causa dell'incremento del fenomeno, sono parallelamente aumentate le pressioni imprenditoriali per far pagare, spiega il portavoce a 20 Minuten. Una pratica legalmente ammissibile, spiega.

In un sondaggio condotto da Gastro Suisse nel 2021, circa la metà delle aziende intervistate (49%) ha registrato un aumento dei no-show rispetto all'anno precedente, andamento che potrebbe essere correlato alla pandemia. Nonostante ciò, il 50,7% degli intervistati ha dichiarato che non intende addebitare alcun costo per chi non si presenta al ristorante dopo aver prenotato in futuro.

Richiedere un acconto? - Stando a Gastro Suisse, in Svizzera è prassi comune chiedere almeno il numero di telefono al momento della prenotazione. Ciò contribuisce a creare un certo livello di impegno e può sensibilizzare gli ospiti a cancellare la prenotazione, se necessario.

Tuttavia, per alcune strutture non è più abbastanza: alcune hanno iniziato a fare richiesta di un deposito al momento della prenotazione. Addebito che viene deciso dalle singole strutture e non stabilito dall'associazione, spiega il portavoce.

Il post è stato poi cancellato - I ristoratori, che desiderano rimanere anonimi, non vogliono commentare ulteriormente. Hanno dichiarato, su richiesta di 20 Minuten, di essere in contatto con il fornitore di tour in bicicletta che a sua volta ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE