Cerca e trova immobili

LOSANNAAcrobazie durante la guida: condannato grazie ai video trovati nello smartphone

24.11.23 - 12:55
Il Tribunale federale ha confermato la pena per un giovane conducente dei Grigioni
Foto Deposit
Acrobazie durante la guida: condannato grazie ai video trovati nello smartphone
Il Tribunale federale ha confermato la pena per un giovane conducente dei Grigioni

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) ha confermato la condanna di un giovane conducente per aver violato diverse norme della circolazione stradale. Durante l'indagine relativa ad un incidente mortale, in cui non era coinvolto, la giustizia grigionese aveva scoperto alcuni video che lo mostravano in acrobazie spericolanti alla guida.

L'incidente in questione era avvenuto nei Grigioni nella notte tra il 14 e il 15 settembre del 2018, quando un'automobile che circolava ad alta velocità è uscita di strada schiantandosi contro un trasformatore. Uno dei passeggeri, catapultato fuori dalla vettura, aveva riportato ferite mortali. Una seconda automobile, con all'interno alcuni giovani, era poi sopraggiunta sul luogo del tragico incidente.

Le autorità intervenute sul posto, ai fini delle indagini, avevano poi sequestrato i telefonini di tutti i presenti radunatisi attorno a quel che era rimasto della vettura accidentata.

Su uno dei dispositivi recuperati dalla polizia, sono emerse alcune riprese che mostravano palesemente gravi infrazioni della circolazione commesse da uno dei testimoni (non coinvolto nell'incidente), tra cui eccesso di velocità. Ma sullo smartphone sono state rinvenute anche immagini che lo mostravano alla guida con i piedi sul volante o mentre era seduto sulla portiera e con il corpo fuori dal finestrino. Acrobazie queste che sono state sanzionate con una pena sospesa di 13 mesi di reclusione e 75 aliquote giornaliere, oltre ad una multa di 910 franchi.

Nella sentenza pubblicata oggi il Tribunale federale ha respinto il ricorso del giovane imputato, il quale aveva sostenuto che i compromettenti video ritrovati sul proprio cellulare erano il frutto di una scoperta fortuita e che non potevano essere utilizzati in un processo.

L'argomentazione però è stata respinta dalla Corte penale, poiché in caso di incidente stradale, a maggior ragione se con esito mortale, è legittimo che i dati di un cellulare sequestrato vengano analizzati per ricostruire il corso degli eventi. L'esperienza dimostra altresì che le persone che commettono atti spericolati alla guida tendono a immortalare le loro "imprese".

In questo caso, anche se l'imputato non era uno dei protagonisti coinvolti nell'incidente di settembre, i giudici di Mon Repos hanno ritenuto che non si potesse definire il ritrovamento dei dati multimediali una scoperta casuale.

Infatti, i tribunali grigionesi si sono imbattuti nelle infrazioni stradali proprio mentre stavano indagando su un incidente della circolazione. Il legame di questi eventi è abbastanza stretto da consentire l'utilizzo dei video. 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

curiuus 4 mesi fa su tio
Ul solit sbarbatell... pori nümm... 😒

Peter Parker 4 mesi fa su tio
Un altro bravo ragazzo che “ non è un criminale senza scrupoli e senza alcun rimorso”….o ancora “ ma ogni bravo ragazzo può commettere errori scellerati”…. La meglio gioventù…… che tiene al prossimo.

fugu 4 mesi fa su tio
Gioventù bruciata... Sempre più incidenti causati da sbarbini senza esperienza di guida, e la gente innocente è alla mercé di questi sciocchini. Multe non servono, non si può regolare sempre tutto con i soldi, che in ogni modo sborsano i paparini. In un caso come quello descritto, multa sì, ma anche galera senza sconti e via la patente per tre anni. Non si gioca con la vita degli altri.

Dapat 4 mesi fa su tio
Trombiert gewesen!…. Prossima volta prima di fare il giocoliere/regista ci penserà!!! Che serva da monito ai vari ex muli circolanti

medioman 4 mesi fa su tio
Che sfi&a…

Pocahontas 4 mesi fa su tio
Gli è andata proprio male!!! che serva da lezione ai brillanti di tavoletta e volante!!
NOTIZIE PIÙ LETTE