Cerca e trova immobili

ZURIGODa nessun'altra parte c'è così tanta gente che lavora nel tempo libero

24.08.23 - 13:01
Travail.Suisse lancia l'allarme. Oltre un terzo dei dipendenti svizzeri è esausto a causa della pressione lavorativa
20MInuten
Fonte JB/TES/20minuten
Da nessun'altra parte c'è così tanta gente che lavora nel tempo libero
Travail.Suisse lancia l'allarme. Oltre un terzo dei dipendenti svizzeri è esausto a causa della pressione lavorativa

ZURIGO - «In nessun altro posto in Europa i dipendenti lavorano altrettanto intensamente come in Svizzera. E in nessun altro posto in Europa così tanti dipendenti lavorano nel tempo libero per poter soddisfare le esigenze del loro datore di lavoro». A dichiararlo è Travail.Suisse.

Il sindacato fa riferimento ai risultati dell'indagine europea sulle condizioni di lavoro. Quindi lancia l'allarme: «C'è un'urgente necessità di intervento», soprattutto nelle professioni e nei settori in cui sul lavoro lo stress si accumula per più fattori.

Intensità e pressioni
Il 59% dei dipendenti ha dichiarato di lavorare spesso o sempre a ritmi elevati. Ciò pone la Svizzera ben al di sopra della media europea (49%). Colpisce anche che il 36% dei dipendenti abbia dichiarato di dover lavorare nel tempo libero per poter soddisfare le esigenze del lavoro. Ciò colloca la Svizzera ben al di sopra della media europea per quanto riguarda gli straordinari.

Grande libertà di scelta per i collaboratori svizzeri
L'Unione svizzera degli imprenditori sostiene invece che concentrare l'attenzione sul lavoro nel tempo libero fa sì che vengano ignorati gli altri aspetti positivi dello studio. In termini di condizioni di lavoro, ad esempio, la Svizzera ha ottenuto risultati significativamente migliori rispetto alla maggior parte degli altri paesi.

L'Unione svizzera degli imprenditori, inoltre, non giudica del tutto negativi i risultati relativi al lavoro nel tempo libero. I dati Seco mostrerebbero anche che i dipendenti in Svizzera hanno un elevato grado di libertà di scelta rispetto alla media europea: «Ciò è vantaggioso per l'organizzazione del tempo».

Esaurimento fisico ed emotivo
Affermazioni, queste, che cozzano con quanto dichiarato da un terzo dei lavoratori, che si dice fisicamente o emotivamente esausto. L'indagine europea conferma così i risultati del "Barometro del buon lavoro", sondaggio rappresentativo annuale condotto da Travail.Suisse. I disturbi fisici sono spesso associati all’elevato carico di lavoro. Tra il 51 e il 56 per cento dei dipendenti dichiara di soffrire di mal di schiena, dolori muscolari o mal di testa.

Anche per l'Unione svizzera degli imprenditori i dati del sondaggio europeo non sono positivi: «Le aziende e i dirigenti sono tenuti a prendere sul serio questa situazione e, ove possibile, ad adottare misure per migliorarla». Va però notato che lo studio afferma quanto segue: «Rispetto ai paesi vicini, la percentuale di lavoratori esausti in Svizzera era la più bassa». Anche in questo senso la situazione in Svizzera sembra essere relativamente buona.

Secondo Travail.Suisse è urgentemente intervenire soprattutto nelle professioni e nei settori in cui il carico di lavoro è elevato e c'è poca libertà sul lavoro. La richiesta: «Sono necessari miglioramenti significativi e compensazioni adeguate per proteggere la salute dei dipendenti nei contratti collettivi di lavoro, ma anche a livello legale», afferma Thomas Bauer.

L'Unione svizzera degli imprenditori è del parere che sia importante permettere ai dipendenti di avere la massima influenza possibile sull'organizzazione dell'orario di lavoro: «Limitare gli effetti positivi dell'autonomia nell'organizzazione del lavoro e dell'orario di lavoro, nonché essere troppo rigorosi in merito a turni e impegni lavorativi non fa altro che aumentare lo stress e non favorisce il recupero».

COMMENTI
 

Voilà 6 mesi fa su tio
Da nessun altra parte la settimana lavorativa senza straordinari è lunga come in Svizzera.

Lello 6 mesi fa su tio
guardiamo il lato positivo,due terzi dopo il lavoro si fanno gli affari propri,sono contento di essere in quei due terzi

Y2KBug 6 mesi fa su tio
Se tutti comprassero auto in base alle loro tasche , Lugano sarebbe pieno di Fiat Panda

Signore 6 mesi fa su tio
Scritto molto sinteticamente: il problema è che c'è uno 0,..% che si arricchisce a dismisura e condanna il resto alla degenerazione, chi più chi meno. Basterebbe una migliore ridistribuzione della ricchezza.

gigipippa 6 mesi fa su tio
Ricordo che il mondo del lavoro negli ultimi 25 anni è semplicemente diventato un campo di battaglia, dove le guerre le vincono i banchieri e gli azionisti.

Dan1962 6 mesi fa su tio
Normale stipendi elevati esigenze elevate e così se no state nel Vostro paese

TheQueen 6 mesi fa su tio
Risposta a Dan1962
ma cosa c'entrano gli stranieri? Mamma mia, ma che hai? Vedi stranieri dappertutto...

Libero 6 mesi fa su tio
Siamo obbligati a fare più lavori per sopravvivere se vogliamo restare gente onesta

UtenteTio 6 mesi fa su tio
La gente deve lavorare per pagare i conti a fine mese, come la cassa malati ed i loro manager che annualmente lo stipendio aumenta come i premi per i pazienti, sarà un caso? In Svizzera abbiamo troppi approfittatori che hanno interessi sottobanco da tutelare, non per nulla all'interno dei CdA è pieno di politici in carica dai CC fino a Berna o ex.
NOTIZIE PIÙ LETTE