Cerca e trova immobili

SVIZZERA«La sopravvivenza delle stazioni sciistiche dipende dalla neve artificiale»

14.01.23 - 11:25
Lo afferma il ricercatore dell'Università di Dortmund Christoph Schuck, che ha pubblicato uno studio sui comprensori svizzeri.
Tipress
Fonte Ats
«La sopravvivenza delle stazioni sciistiche dipende dalla neve artificiale»
Lo afferma il ricercatore dell'Università di Dortmund Christoph Schuck, che ha pubblicato uno studio sui comprensori svizzeri.

ZURIGO - I comprensori sciistici non sopravviveranno senza la neve artificiale. Lo rivela un recedente studio. «Le nostre ricerche mostrano che l'innevamento con i cannoni è in un certo senso una garanzia di sopravvivenza», ha sottolineato l'autore.

Il professore dell'Università tecnica di Dortmund Christoph Schuck ha studiato le 545 stazioni sciistiche esistenti in Svizzera. «O, a medio termine, dovranno cessare le loro attività, o dovranno realizzare investimenti per produrre neve artificiale», ha detto in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung.

Visto che non bisogna più aspettarsi regolarmente inverni con molta neve, i comprensori devono adattarsi, ha aggiunto. «L'utilizzo dei cannoni è ciò che si può fare di più efficace».

Lo studio mostra che nemmeno ad alta quota le cose andranno meglio. Perché? «La grandezza del comprensorio è determinante. Fino ad oggi, ad esempio, gli impianti che utilizzano meno di sette installazioni hanno dovuto chiudere», ha sottolineato Schuck.

L'esperto ha anche fatto notare che un riorientamento turistico non può compensare la catena di valore aggiunto creata dagli sport invernali. «Numerose altre attività dipendono dallo sci: dagli hotel, ai ristoranti, fino ai negozi che noleggiano sci e snowboard».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

MAHE93 1 anno fa su tio
Pensiamo ai problemi seri pf
NOTIZIE PIÙ LETTE