20min/Michael Scherrer
SVIZZERA
27.06.2021 - 08:050
Aggiornamento : 12:30

L'addio al telelavoro che fa temere per le vacanze

Da ieri non è più obbligatorio lavorare da casa. Ma molti dipendenti vorrebbero rimandare il rientro in ufficio.

L'esperto: «C'è la paura di un contagio che potrebbe rovinare un viaggio pianificato».

Fonte 20 Minuten / Barabara Scherer
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

Telelavoro

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Addio al telelavoro: da ieri 26 giugno l'obbligo è diventato una raccomandazione, come annunciato dal Consiglio federale. Una decisione molto attesa dall'Unione svizzera degli imprenditori, secondo cui il provvedimento era ormai superato grazie alle misure di protezione adottate nelle aziende.

Tra i dipendenti che dallo scorso gennaio si sono ormai abituati a svolgere il lavoro dal proprio domicilio, non manca invece chi vorrebbe evitare il rientro in ufficio. Ma da ieri (o comunque dopo il weekend) in molti si devono riabituare a uscire di casa. Per motivarli, lunedì nelle filiali dei chioschi Valora sarà tra l'altro offerto un caffè ai pendolari.

Ma come mai molti lavoratori temono il ritorno in ufficio? Secondo l'esperto del personale Matthias Mölleney dipende dal momento in cui questo allentamento è stato introdotto: «In molti stanno attualmente pianificando le vacanze estive e ora hanno paura che un contagio possa rovinare il loro viaggio». L'esperto si aspetta quindi che il grande ritorno volontario negli uffici non avvenga prima di agosto. Tuttavia, le aziende hanno la facoltà di ordinare il rientro, in quanto - lo ricorda Mölleney - non esiste il diritto di lavorare da casa. «Ma consiglierei ai datori di lavoro di non intraprendere ora azioni radicali».

Questione di vaccino - Sono soprattutto i lavoratori che non hanno ancora ricevuto entrambe le dosi del vaccino che potrebbero temere maggiormente il rientro in azienda. Questo perché anche negli uffici viene revocato l'obbligo generale di mascherina. «E se i dipendenti non si sentono a loro agio, ne risentono anche le loro prestazioni» afferma ancora Mölleney. La misura del telelavoro andrebbe quindi tolta gradualmente. In questo modo ci potrebbe per esempio essere un periodo di transizione, in cui tornano in ufficio soltanto coloro che sono completamente immunizzati. E nel momento in cui saranno vaccinati tutti i collaboratori che lo desiderano, potrà allora avvenire il rientro completo.

E per quanto riguarda i dipendenti che non hanno nessuna intenzione di farsi vaccinare? Non è una scusa per restare a casa. E nemmeno un aspetto su cui si deve basare la decisione aziendale per il rientro in ufficio: «Tali lavoratori sono consapevoli di correre il rischio di essere infettati» conclude Mölleney.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Um999 3 mesi fa su tio
Questo articolo è una offesa verso coloro che hanno perdo il lavoro a causa del COVID o verso chi ha lavorato incessantemente , e qui si discute che tornare a lavorare in ufficio potrebbe rovinare le vacanze? Aberrante leggere questo …
Trin 3 mesi fa su tio
Lavoro in telelavoro a rotazione. A casa dispongo di un locale adibito a ufficio dove posso lavorare senza essere disturbato e quindi non ho problemi logistici. Il telelavoro mi permette di risparmiare 1 ora e 30 minuti di trasferta giornaliera in auto, non inquino, non creo traffico e spendo diversi soldi in meno in benzina. Quando sono in ufficio lavoro da solo senza altri colleghi nello stesso locale. L'azienda per la quale lavoro ha deciso di continuare il telelavoro anche dopo le ultime decisioni del Consiglio Federale e di mantenere l'obbligo della mascherina nei locali chiusi anche con la doppia vacinazione. Un'ottima politica aziendale dove prevale la sicurezza e l'interesse per la salute dei collaboratori.
Um999 3 mesi fa su tio
E certo a quanto pare il contagio si prende unicamente al posto di lavoro e dal collega. Quindi tutti quelli che fanno telelavoro sono trincerati in casa? Ma smettiamola con questa informazione del terrore.
Tato50 3 mesi fa su tio
Macchè programmazione delle vacanze ! A casa non hai il capo che ti rompe l'anima tutto il giorno e magari è stato nominato perché parente di qualche "pezzo grosso" ma del lavoro non capisce un tubo !!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-15 22:44:08 | 91.208.130.87