AFP
Si può entrare solo con il certificato.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
NEUCHÂTEL
53 min
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
Svizzera
1 ora
Precipita da una diga per 20 metri, sopravvive
L’operaio 23enne è stato trasportato dalla Rega nei Grigioni
SVIZZERA
1 ora
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
SVIZZERA
2 ore
La Chiesa evangelica conferma: l'ex presidente ha commesso abusi
Le conclusioni di un'indagine su Gottfried Locher sono state presentate oggi a Berna.
BERNA
2 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
FOTO
SVIZZERA / LAOS
3 ore
La Svizzera tende la mano al Laos
Ignazio Cassis ha firmato oggi un accordo di cooperazione allo sviluppo con il Paese asiatico.
SVIZZERA
3 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
GRIGIONI
4 ore
Un principe si compra il suo maniero
Rudolf von Liechtenstein ha acquistato il Castello di Marschlins nei pressi di Igis-Landquart.
SVIZZERA / BELLINZONA
4 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
5 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
BERNA
8 ore
Abu Ramadan a processo per discriminazione razziale
Il controverso predicatore aveva incitato all'odio durante un sermone tenutosi nella moschea di Bienne.
GINEVRA
8 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
BASILEA CITTÀ
8 ore
Città europea dell'ambiente: Basilea si candida
La città renana prevede d'investire almeno 300mila franchi. La spesa supererà invece i 5 milioni.
SVIZZERA
8 ore
Passeggeri che restano a terra (a causa dei requisiti Covid)
Negli aeroporti elvetici fino al 10% dei viaggiatori viene respinto all'imbarco
SVIZZERA
25.06.2021 - 10:000
Aggiornamento : 14:07

Da sabato si può tornare a fare festa nei club, ma solo in teoria

In realtà, per i giovani, non c'è abbastanza tempo per ottenere il certificato Covid entro sabato

Molti locali dovranno quindi far slittare ancora l'apertura, nonostante «l'illusione kafkiana» fornita dal Consiglio federale

ZURIGO - La decisione del Consiglio federale di permettere a club e discoteche, chiusi da quasi un anno, di riaprire già da sabato è stata una sorpresa, anche per i proprietari dei locali.

Ora, i gerenti stanno lavorando senza sosta per preparare tutto il necessario, tra cui il personale, i DJ e le bevande. Alcuni club, come l'Hive di Zurigo, hanno già annunciato che saranno pronti ad accogliere i clienti già da sabato.

Tuttavia, per gli svizzeri che hanno voglia di tornare a ballare e far festa, c'è un problema, e riguarda i requisiti per entrare nei locali. Infatti, è obbligatorio presentare all'ingresso il certificato Covid (che si può ottenere, nel caso non si sia ancora stati vaccinati o guariti da poco, solo tramite un tampone).

Problema? Il tempo
Ciò che preoccupa i locali è che è praticamente impossibile riuscire ad ottenere un appuntamento per un tampone prima del fine settimana. Nei grandi centri di test, solo pochi appuntamenti sono ancora disponibili prima di domenica, e la maggior parte delle farmacie offrirà di nuovo appuntamenti solo dalla prossima settimana. La situazione è simile in diversi Cantoni: da Zurigo, a San Gallo, a Lucerna.

Anatol Gschwind della discoteca Hive ha ammesso giovedì pomeriggio che al momento regna il caos: «Manca la possibilità di fare appuntamento per i test, e per chi riesce non si sa nemmeno se i funzionari facciano in tempo a trasferire i risultati negativi nel certificato». 

Visto che i giovani - per cui la campagna vaccinale ha aperto da poco - hanno per gran parte ricevuto solo una dose e sono troppi pochi ad essere completamente vaccinati, per il club non ha senso aprire se non si possono far entrare persone in altro modo. «Speriamo di avere una soluzione entro sabato», altrimenti, «l'apertura dovrà essere posticipata (almeno) di una settimana», ha concluso Gwschind.

Un'apertura illusoria
Per chi non vedeva l'ora di riaccogliere i clienti, così, scatta ora la frustrazione. «La situazione attuale ricorda un po' il castello di Kafka: lo si vede, ma non si può entrare», ha commentato Alexander Bücheli, direttore generale della Commissione dei bar e dei club (BCK) di Zurigo. Non solo i club, ma anche i centri di test e le farmacie sono stati «presi alla sprovvista» dalla decisione del Consiglio federale.

Il BCK sta ora cercando di ottenere un'eccezione per il primo fine settimana, in modo che sia sufficiente una prova scritta e personale di un risultato negativo del test invece del certificato Covid. Vari club sono anche in trattative con le farmacie per vedere se sia possibile offrire orari di apertura speciali per il fine settimana.

«Nonostante le aperture comunicate mercoledì, questo fine settimana non sarà ancora il momento di festeggiare. Il tempo concesso per adempiere ai requisiti è semplicemente troppo breve» ha detto Bücheli.

Tamponi direttamente nei locali
Vista la situazione, alcuni club come il Viertel di Basilea stanno valutando la possibilità di gestire un centro di test integrato nel locale. Tuttavia, è un progetto dispendioso e complicato, in quanto deve esserci una persona o un'istituzione medica responsabile - con una licenza del Dipartimento cantonale della Sanità - e di sufficiente personale formato per effettuare i test.

Tamponi nei club? Secondo Bücheli, è la strada sbagliata da percorrere: «Ha più senso espandere le strutture esistenti. È anche importante tenere presente che la campagna di vaccinazione continua e nessuno sa per quanto tempo avremo bisogno di un gran numero di test». Secondo Bücheli, poi, è compito delle autorità «fornire l'infrastruttura dei test in modo che chiunque lo desideri possa ottenere un certificato in modo veloce e gratuito».

Posta all'Ufficio Federale di Sanità Pubblica (UFSP), la domanda se altri test saranno resi disponibili fino a quando tutti saranno stati in grado di farsi vaccinare rimane, per ora, senza risposta. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Intanto in Israele vaccinati fino ai denti sono tornati all'obbligo della mascherina a causa dell'aumento dei casi, perché il vax protegge un .ax (in compenso regala indimenticabili momenti di effetti collaterali).
Jhonny 1 mese fa su tio
Perche rimandare? Mia nonna puo entrare
TheOsage 1 mese fa su tio
Con tutti quelli che partono in vacanza. Io dovuto prendere appuntamento un mese fa per essere sicuro di avere l'appuntamento il giorno prima di partire!
Gio58 1 mese fa su tio
Lacci e lacciuoli vari per indirizzare sempre più alla vaccinazione "obbligatoria"!! La prossima sarà il tampone a pagamento per i non vaccinati. Il tutto naturalmente condito con la salsa terroristica delle varie varianti.
Leonardo-P 1 mese fa su tio
@Gio58 👏👏👏👏👏👏
pillola rossa 1 mese fa su tio
@Gio58 Non mi avranno mai 😁
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-04 18:52:10 | 91.208.130.86