Archivio Keystone
SVIZZERA
30.11.2020 - 11:350
Aggiornamento : 14:54

Caritas: «Più aiuti per i poveri del coronavirus»

L'organizzazione sottolinea l'importanza di fornire assistenza, soprattutto nella situazione attuale

BERNA - La crisi del coronavirus sta aggravando la povertà in Svizzera: ne è convinta Caritas Svizzera, che invita quindi Confederazione e Cantoni ad adottare ulteriori misure per aiutare le persone in difficoltà finanziarie.

Caritas ha nel frattempo lanciato la più grande operazione di soccorso della sua storia per la popolazione svizzera e «una fine non è prevedibile», ha dichiarato oggi in conferenza stampa a Berna Bruno Bertschy, responsabile progetti. Dall'inizio della pandemia, il numero di richieste di consulenza sociale è salito a 10'000, il doppio rispetto agli altri anni, ha precisato.

Nonostante i pacchetti di aiuti della Confederazione e dei Cantoni, molte persone dipendono dal sostegno, ha detto Bertschy. Soprattutto nella Svizzera romanda il numero è aumentato durante la seconda ondata pandemica. L'aiuto complessivo fornito finora da Caritas ammonta a 12,2 milioni di franchi, di cui 9,7 milioni provengono dalla Catena della Solidarietà. Queste donazioni hanno reso possibili azioni di soccorso per 100'000 persone.

Richieste a Confederazione e Cantoni - Alla conferenza stampa, trasmessa anche online, l'organizzazione umanitaria ha avanzato richieste concrete alla Confederazione e ai Cantoni. Ad esempio il fatto che persone singole e famiglie dovrebbero essere sostenute per due anni attraverso pagamenti diretti mirati e che l'attuazione dovrebbe essere basata sul sistema di prestazioni complementari, ha detto il direttore della Caritas Hugo Fasel.

Inoltre Caritas chiede che l'indennità per lavoro ridotto venga portata al 100% per le persone che vivono una situazione precaria.

Anche i fondi per la riduzione dei premi dovrebbero essere aumentati in modo significativo, di almeno il 50% nei prossimi due anni, ha detto Fasel. In questo modo si terrebbe conto del ritardo nei casi di assistenza sociale.

Queste misure socio-politiche sono urgenti, ha aggiunto, in quanto "la rete sociale ha delle lacune". Secondo Fasel, le richieste di Caritas sono modeste. Va ricordato che dietro tutte le statistiche federali sulla disoccupazione ci sono persone disperate con paure esistenziali, ha puntualizzato.

In molti casi si tratta di famiglie con figli minorenni e, con una frequenza superiore alla media, anche di famiglie monoparentali. Inoltre nella Svizzera romanda è risultato evidente che di fronte a una situazione di crisi, i numerosi lavoratori sans-papiers non godono di nessuna sicurezza sociale. Per questo motivo Caritas chiede di "sganciare" gli aiuti sociali dal permesso di soggiorno.

In alcuni luoghi, i lunghi periodi di attesa per il sostegno statale aggravano la situazione, il che significa che le persone senza riserve finanziarie si trovano in difficoltà esistenziali, precisa l'organizzazione.

Alimentari più economici - Caritas Svizzera e le 16 organizzazioni regionali Caritas hanno sostenuto finora circa 14'000 persone bisognose con aiuti finanziari diretti in modo che potessero pagare l'affitto, le fatture della cassa malattia e altre spese. Finora, 78'000 persone hanno beneficiato di progetti a carattere regionale.

Un contributo importante è dato dai 21 mercati di Caritas, dove, tra l'altro, si possono acquistare prodotti alimentari a prezzi ridotti. Entro la fine dell'anno, qui saranno distribuite gratuitamente anche mezzo milione di mascherine.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-27 02:46:10 | 91.208.130.85