Foto Stefan Huwiler
SVIZZERA
13.01.2020 - 10:270

Ben 65'000 firme contro la legge sulla caccia

I promotori del referendum le hanno consegnate oggi alla Cancelleria federale

BERNA - Sono 65'000 le firme contro la legge sulla caccia che oggi le organizzazioni per la protezione dell'ambiente e degli animali hanno consegnato alla Cancelleria federale.

Con la nuova revisione della legge «specie animali protette potrebbero essere abbattute preventivamente, cioè senza aver mai causato alcun danno» si legge in una nota stampa. «Castori, aironi cenerini, cigni reali o linci potranno in qualsiasi momento finire sulla lista delle specie regolabili».

Urs Leugger-Eggimann, segretario centrale di Pro Natura e presidente dell’associazione promotrice del referendum “Inaccettabile legge per l'abbattimento”, esprime il proprio ringraziamento per questo risultato: «Siamo felici che il popolo svizzero abbia l’opportunità di lanciare un segnale importante alle urne in favore di una protezione delle specie al passo con i tempi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 7 mesi fa su tio
Per fortuna esistono i treni-;)))
Il vero Andrés Bignasca 7 mesi fa su tio
Per proteggere l'agricoltura!!! In altre parole, per proteggere il nostro cibo!!!
Il vero Andrés Bignasca 7 mesi fa su tio
@Il vero Andrés Bignasca @miba
pulp 7 mesi fa su tio
Vogliamo parlare degli aironi? 20 o 30 anni fa erano giustamente protetti, visto che erano rari da noi (se ne avvistavano sporadicamente alcuni in fase migratoria) Oggi nidificano e basta attraversare il piano di magadino per rendersi conto di quanto sono…. Va ricordato ai paladini animalisti che gli aironi, non mangiano solo pesci (motivo per il quale sono fortemente invisi ai pescatori) ma anche rane o serpenti e se ne fanno un baffo se mangiano rospi protetti e rarissimi che per nostra fortuna esistono ancora in Ticino). Si tratta quindi di "regolare" (ovviamente con i preavvisi dei vari uffici caccia e pesca) delle situazioni che sono mutate nel tempo. Tutto qui…. E un consiglio ai soliti animalisti da poltrona…. andate e conoscete il territorio sul campo, non dal divano o leggendo qualche articolo di qualche invasato animalista….
tartux 7 mesi fa su tio
@pulp Devo ammettere che non conosco il caso specifico dell'airone (non so quale impatto abbia su altre specie di amfibi piccoli rettili e mammifei esso possa avere) ma non é il solo uccello che preda rane e altri anfibi col suo ragionamento bisognerebbe andare a colpire anche cormorani falchi nibbi etc.. Posso dire che per la caccia regolatoria di certe specie per imedire che un predatore rischi di far sparire altre specie i promotori dell'iniziativa non hanno problemi. Il problema é che questa legge sembra essere invece più una scappatoia per sparare ai lupi e alle linci e quando si voterà son sicuro che la campagna s'incentrerà prettamente su quello.
Tato50 7 mesi fa su tio
@pulp Sono due anni che ho acquistato per pescare un nuova canna. È sovrapposta e ogni tanto se fa freddo la metto in testa. C'è scritto BERETTA- ;))
miba 7 mesi fa su tio
A chi e/o cosa serve la caccia nel nostro paese?
tartux 7 mesi fa su tio
@miba La caccia di erbivori come cervi stambecchi et altri é essenziale visto che i grandi predatori o sono scomparsi o sono ancora troppo pochi per regolare la popolazione autonomamente. Senza caccia i cervi mangerebbero praticamente la grand parte di arbusti e germogli deteriorando i boschi sono a degradarli o farli "ammalare". La caccia se ben fatta é non solo necessaria ma ecologicamente necessaria per salvaguardare le foreste
Il vero Andrés Bignasca 7 mesi fa su tio
@miba @miba per proteggere la nostra agricoltura!
miba 7 mesi fa su tio
@tartux Ti ringrazio per le tue precisazioni
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 17:07:11 | 91.208.130.85