Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
ZURIGO
3 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
4 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
5 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
6 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
6 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
7 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
7 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
8 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
9 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
SVIZZERA
9 ore
Quattrocento milioni alla ricerca
Il Governo federale finanzia i ricercatori svizzeri per permettere loro di partecipare al programma “Orizzonte Europa”
SVIZZERA
10 ore
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
SVIZZERA
10.12.2019 - 12:470
Aggiornamento : 18:05

Ducrot alla testa delle FFS, ecco le reazioni

La SEV si augura che il nuovo Ceo fissi «giuste priorità», mentre il presidente della commissione dei trasporti definisce «una buona notizia» la sua nomina

BERNA - Una nomina importante. Una carica prestigiosa. Vincent Ducrot è stato scelto oggi dai vertici delle FFS quale successore di Andreas Meyer alla testa dell'ex regia federale. «Conosce i trasporti pubblici svizzeri come le proprie tasche e dal 1993 al 2011 ha già lavorato per le FFS, di cui dieci anni alla testa di Lunga percorrenza», indicava la nota nella quale veniva rivelata la nomina.

SEV: «Fissare le giuste priorità» - Una nomina che ha provocato, naturalmente, altre reazioni. Il sindacato del personale dei trasporti (SEV) si augura che il nuovo Ceo «stabilisca le giuste priorità». «Non ha certo un compito facile davanti a sé», ha dichiarato la vicepresidente Barbara Spalinger in una nota. «Ducrot ora deve riportare la calma nell'azienda».

«Buona notizia» - Da parte sua il presidente della commissione dei trasporti degli Stati, il vodese Olivier Français, ritiene «una buona notizia» la sua nomina. «Conosce bene i meccanismi decisionali ed è ambizioso», precisa il senatore PLR contattato da Keystone-ATS. «Ci aspettiamo da lui una visione sul lungo termine per lo sviluppo della rete, sia da un punto di vista della capacità che della velocità».

«Rinforzare il ruolo del servizio pubblico» - Anche il presidente socialista Christian Levrat ha accolto molto positivamente la nomina. Sul proprio profilo Twitter parla di «scelta intelligente» e di «una bella occasione per rinforzare il ruolo del servizio pubblico in seno alle FFS».

Sommaruga «contenta» - Pure la ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga si è detta «contenta» della scelta fatta dalle FFS: «Ducrot conosce molto bene il nostro Paese e il settore ferroviario ed è consapevole della grande importanza che riveste il servizio pubblico e il partenariato sociale», si legge in una nota diramata dal DATEC.

Ducrot guadagnerà «un milione al massimo» - Andreas Meyer, presidente dimissionario, era il Ceo di un'impresa vicina alla Confederazione di gran lunga più pagato. Il suo successore guadagnerà meno, ma la sua remunerazione potrà comunque raggiunge un milione di franchi.

Il salario di Andreas Meyer, che si aggira attorno a un milione di franchi, è stato oggetto fin dall'inizio di critiche. Al momento della sua entrata in carica, nel 2007, aveva ottenuto 100'000 franchi in più del suo predecessore, suscitando malcontenti. Al salario del Ceo vanno poi aggiunti i contributi per la previdenza professionale a carico del datore di lavoro.

Per smorzare le polemiche, il Consiglio di amministrazione delle FFS aveva già indicato in settembre - al momento delle dimissioni di Meyer - che la remunerazione del nuovo Ceo sarebbe stata inferiore di circa il 20%. «Il salario fisso e variabile ammonterà complessivamente a 800'000 franchi, esclusa la cassa pensione», aveva dichiarato Monika Ribar, presidente del Consiglio di amministrazione al quotidiano romando Le Temps. Complessivamente potrà  quindi raggiungere «al massimo» un milione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Thor61 1 anno fa su tio
Ci manca pure che non sia contenta la ministra SS, fa finta di non sapere chi lo ha scelto e che il nuovo direttore è un semplice esecutore di scelte calate dal CF, con minimi spostamenti decisionali personali. Gichiamo a fare i "Privati"!!! Buon lavoro al direttore.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 22:58:19 | 91.208.130.87