Keystone
Vincent Ducrot
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LIECHTENSTEIN
16 min
Distratto da una cicca, finisce contro un albero
Il singolare incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Vaduz
ZURIGO
1 ora
Personale d'albergo a scuola di LGBT
Sempre più hotel svizzeri mandano i dipendenti a corsi che permettono loro di familiarizzarsi con il mondo omo, bi e transessuale
BASILEA CAMPAGNA
1 ora
Il camion perde la ghiaia, strada chiusa oltre un'ora
La carreggiata in direzione est è stata ricoperta per alcune centinaia di metri, ciò che ha reso necessari intensi lavori di sgombero
ZURIGO
2 ore
Proteste anti-WEF, poliziotto ferito
Un agente zurighese è stato colpito all'occhio da un razzo pirotecnico, riportanto lesioni «non irrilevanti»
SVIZZERA
3 ore
Depositata l'iniziativa «per premi meno onerosi»
Il Partito socialista ha racimolato 118'000 firme in soli dieci mesi. Carobbio: «La velocità con cui sono state raccolte ne dimostra l'importanza»
ZURIGO
4 ore
Ragazza investita mentre attraversava le strisce
La giovane di 17 anni è rimasta gravemente ferita ieri sera a Horgen
SVIZZERA
5 ore
Identificazione automatica delle targhe: «Non basta la modifica dell'ordinanza»
La decisione del Tribunale federale fa fare dietrofront al Dipartimento di giustizia e polizia che ha deciso di rinunciare alla revisione del testo
VAUD
6 ore
Ogni giorno 50'000 spinelli fumati, ma la cocaina rende di più
Uno studio permette «di capire l'universo in cui vivono i consumatori di droga»
SVIZZERA
6 ore
Lotta alla corruzione: la Svizzera retrocede
Nella classifica sulla trasparenza siamo scesi dal terzo al quarto posto. Ma nel 2020 le cose potrebbero migliorare
BERNA
6 ore
C'è un uomo pericoloso, la polizia usa il taser
L'allarme è stato dato intorno alle 19.40. Poco prima dell'1.00 gli agenti hanno fatto irruzione
FOTO
ZURIGO
7 ore
Sulla Limmat il risveglio è bianco... ma è un fake
Si tratta di "neve industriale". Affinché si formi, sono necessarie temperature fredde, nebbia alla giusta altezza e ciminiere industriali
GRIGIONI
8 ore
Giuseppe Conte non viene a Davos
Lo si apprende da fonti dello stesso WEF
SVIZZERA
8 ore
Così gli aeroporti svizzeri si preparano per il coronavirus
Tutte le misure messe in atto, soprattutto a Zurigo, anche se per ora siamo lontani dagli scanner di temperatura di Stati Uniti e Cina
SVIZZERA
8 ore
Lem sopprime 21 posti a Ginevra
Il taglio si spiega con il cambiamento dei ruoli all'interno dell'azienda e della loro distribuzione nel mondo
BERNA
8 ore
Addio all'ex presidente delle FFS
Hans Eisenring si è spento sabato a 87 anni. «Ha lanciato progetti avveniristici»
SVIZZERA
8 ore
La moneta di Roger Federer torna in vendita
Swissmint ne mette a disposizione altri 37mila esemplari, il sito di vendita è subito k.o.
VAUD
10 ore
Aereo si schianta al suolo: due morti
L'incidente è avvenuto al confine con il canton Friborgo
SONDAGGIO 20 MINUTI
11 ore
Alloggi e omofobia: come voterete il 9 febbraio?
Tra poco più di due settimane i cittadini saranno chiamati alle urne. Partecipate al nostro sondaggio
SVIZZERA
17 ore
Un accordo con Trump: cosa porterebbe alla Svizzera?
Nell’ambito del WEF Simonetta Sommaruga ha spiegato che la Confederazione è interessata al libero scambio con gli Stati Uniti
BERNA
18 ore
Offre mille franchi a chi gli ha rubato la targa, gliela riportano
Il trentunenne vittima del furto è legato sentimentalmente a quel numero, tanto da non voler denunciare il ladro
BERNA
10.12.2019 - 11:020
Aggiornamento : 12:48

Nuovo ceo delle FFS: il successore di Andreas Meyer sarà Vincent Ducrot

Le Ferrovie federali hanno confermato le indiscrezioni di stampa. «Sicurezza, puntualità e pulizia sono per me prioritari», ha sottolineato il 57enne

di Redazione
Leg/Do/Ats

BERNA - Il Consiglio d’amministrazione delle FFS ha nominato il friburghese Vincent Ducrot ceo delle FFS. Oggi direttore generale dei Trasporti pubblici friburghesi, il 57enne succederà all’inizio di aprile 2020 ad Andreas Meyer, che lascerà la carica alla fine di marzo. «Ducrot conosce i trasporti pubblici svizzeri come le proprie tasche e dal 1993 al 2011 ha già lavorato per le FFS, di cui dieci anni alla testa di Lunga percorrenza», indica l'ex regia federale in una nota.
 
«Vincent Ducrot conosce a fondo la ferrovia integrata, è molto ben inserito nel settore dei trasporti pubblici nonché nel mondo politico e ha buone relazioni con i partner sociali», ha dichiarato Monika Ribar, presidente del Consiglio d’amministrazione delle FFS. In un’epoca caratterizzata da una forte crescita del traffico e da un gran numero di cantieri, le FFS devono stabilizzare e migliorare il proprio core business senza perdere di vista le tendenze future. «Proprio in questo Vincent Ducrot è la persona giusta per raccogliere le sfide dei prossimi anni.»

Il futuro CEO delle FFS ha precisato quanto sia importante il dialogo con il personale, i clienti, i committenti e i partner sociali. Nell’esercizio ferroviario è fondamentale saper convincere con la qualità: «Sicurezza, puntualità e pulizia sono per me prioritari», ha sottolineato Ducrot. «A questi si aggiunge una buona informazione alla clientela, soprattutto in caso di disagi nel traffico ferroviario.» Ed è più che felice di tornare alle FFS.

Il Consiglio d’amministrazione ha colto l’occasione per ringraziare sentitamente l’attuale CEO Andreas Meyer.

In mattinata, la notizia della nomina di Ducrot era stata anticipata dall’Aargauer Zeitung e dal Blick. A supporto di tale tesi, il foglio argoviese citava fonti del settore ferroviario. Il Blick citava invece l'ex amministratore delegato delle FFS, Benedikt Weibel: «È una scelta favolosa», ha affermato il 73enne. Due diverse fonti confermavano la notizia anche a Keystone-ATS.   

In settembre, Ducrot, 57 anni, aveva smentito di nutrire ambizioni per il posto di Meyer, dichiarando al Freiburger Nachrichten di essere «troppo vecchio» per l'incarico. Tuttavia, aveva aggiunto: «Non bisogna mai escludere niente».

L’ingegnere bilingue francese-tedesco ha studiato al politecnico di Losanna. Stando almeno al suo profilo Linkedin, il 57enne non parlerebbe italiano.

Le ricerca di un successore di Meyer non era compito facile. Il suo sostituto dovrebbe infatti anche accontentarsi di un compenso inferiore al milione di franchi. 

Un friburghese appassionato di trasporti pubblici - Vincent Ducrot, futuro CEO delle FFS, è un uomo che conosce molto bene il settore dei trasporti pubblici. Per oltre otto anni, il friburghese ha iniettato dinamismo nei trasporti pubblici del suo cantone (TPF).

Prima di assumere la direzione delle TPF il 1° luglio 2011, aveva già lavorato per le Ferrovie Federali Svizzere dal 1993. Tra il 1999 e il 2011 era stato a capo del traffico a lunga percorrenza. Aveva anche rappresentato le FFS nel comitato direttivo della linee ferroviarie friburghesi.

Il suo impegno personale ha portato ad una crescita senza precedenti delle TPF. Sotto la sua guida, il numero di passeggeri è passato da 25,7 milioni nel 2011 a 32,4 milioni l'anno scorso. Il coronamento della sua visione è giunto solo pochi mesi fa, con l'apertura del centro operativo e di manutenzione di Givisiez.

Questa struttura, frutto di un investimento di 120 milioni di franchi, ospita treni, autobus e filobus, una novità assoluta in Svizzera. Lo scorso marzo, Ducrot ha invitato la stampa per presentare i quattro edifici di 44.000 metri quadrati, di cui 16.000 sotterranei. Il sito, alla periferia di Friburgo, offre lavoro a 700 persone e ha una superficie complessiva di 70.000 metri quadrati, l'equivalente di 13 campi da calcio.

Vincent Ducrot ha trasformato le TPF in holding ed è il promotore del costante ammodernamento delle infrastrutture, con un investimento medio annuo di 90 milioni di franchi svizzeri, e della messa in servizio di nuove stazioni (Belfaux, Pensier, Münchenwiler-Courgevaux, Montbovon e Châtel-St-Denis). Con la crescita dell'azienda, il numero di dipendenti è pure aumentato passando da 700 a quasi 1200. Nel 2018 le TPF hanno realizzato un fatturato di 154,1 milioni di franchi (+11%) e un utile di 10,9 milioni di franchi, quasi il doppio rispetto all'anno precedente.

Di formazione informatico, Ducrot ha contribuito alla digitalizzazione dell'azienda. Dopo la maturità a Bulle, il futuro direttore generale delle FFS ha ottenuto la laurea come ingegnere elettrico al Politecnico federale di Losanna (PFL). Ha conseguito anche un titolo post-laurea presso il Center for Industrial Management (BWI) del Politecnico federale di Zurigo (ETH Zurich). Ducrot è vedovo e padre di sei figli (quattro ragazze e due ragazzi).

Commenti
 
Norys Cerda Lara 1 mese fa su fb
Ha proprio la faccia di uno che risolverá i problemi 😂😂
Sergio Nobile 1 mese fa su fb
Mah, dubito che cambierà qualcosa. Vediamo che pasticci riescono a combinare l'anno prossimo con le coincidenze dei nuovi collegamenti...
Flavio Boffi 1 mese fa su fb
Speriamo ad avere in futuro un posto a sedere... questo sarebbe, da anni, molto gradito per il nostro Cantone Ticino!
vulpus 1 mese fa su tio
Ottima scelta si direbbe. Però le FFS durante questo periodo di transizione dovrebbero già preoccuparsi di formare un delfino, da non arrivare al pensionamento del direttore e poi tornare ad approvviggionarsi all'estero.
volabas 1 mese fa su tio
La partenza direi con il piede giusto .Buon lavoro
Vesna Setek 1 mese fa su fb
E prezzi!
KilBill65 1 mese fa su tio
Ma….Speriamo sia meglio di Meyer!!…...
occhiaperti 1 mese fa su tio
@KilBill65 Non ci vuole molto per essere migliore che AM! Egli ha rovinato le FFS....
Francesca Molteni Beti 1 mese fa su fb
Speriamo che migliorino le cose, a parte che far peggio del suo predecessore la vedo dura....
interceptors 1 mese fa su tio
Le premesse mi sembrano buone! Buon lavoro, che non sarà poco..
Giulio Clementi 1 mese fa su fb
Ottimo profilo. Buon lavoro monsieur Ducrot.
Alessio Nesurini 1 mese fa su fb
Chi si accontenta gode
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-23 17:22:44 | 91.208.130.86