Ambasciata di Svizzera in Italia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 min
Lontani dal fisco e dal freddo ecco i paradisi dei pensionati
Quali sono le mete fiscalmente allettanti per trascorrere la vecchiaia? Ecco dove conviene andare per il "buen retiro"
VIDEO
SVIZZERA
7 ore
Quando l'educazione viene impartita (anche) con la violenza
Le punizioni corporali e psicologiche fanno purtroppo parte della quotidianità di alcune famiglie
SVIZZERA
10 ore
Scarpe di King Roger in tv: fu pubblicità occulta
Il caso risale allo scorso luglio, durante la trasmissione "Sportpanorama Plus" della SRF
ZURIGO
11 ore
Al Telefono amico il "Prix courage Lifetime Award"
Il premio è stato consegnato per celebrare gli oltre 60 anni di aiuto telefonico.
SCIAFFUSA
11 ore
Rissa presso un distributore, grave un 64enne
L'uomo è rimasto ferito durante una colluttazione con un 34enne
VALLESE
14 ore
Lettera sospetta alla Cancelleria: conteneva amido
La polverina era stata inclusa in una missiva nella quale erano criticate le norme anti coronavirus.
SVIZZERA
14 ore
Over 65 soddisfatti della loro situazione finanziaria
Gli ultra sessantacinquenni fanno affidamento su riserve, come emerge da uno studio dell'UST
ZURIGO
14 ore
Infantino ha il Covid
Il numero uno della Fifa avrebbe «sintomi lievi» ed è in auto-isolamento
SVIZZERA
14 ore
Condanne sospese per Blancho e Illi
Sono stati riconosciuti colpevoli di propaganda proibita in favore di Al Qaida
SVIZZERA
15 ore
Cioccolato dolce, lacrime amare: la pandemia si fa sentire
Chocosuisse si dichiara preoccupata per i posti di lavoro e chiede regolamentazioni più favorevoli
SVIZZERA
15 ore
In città gli incidenti fanno più male
Lo dice il rapporto Sinus. E i numeri non piacciono all'Upi
GRIGIONI
15 ore
Ammonimento per il presidente della corte retica
Brunner non era mai incorso in altri casi di violazione dei doveri d'ufficio.
SVIZZERA
16 ore
Migros aumenta i salari nel 2021: fino a +0,5%
«Siamo lieti di aver trovato un accordo in questa situazione complicata» ha detto Sarah Kreienbühl, della Direzione
SVIZZERA
16 ore
PostFinance taglia 130 posti di lavoro, ma ne crea 80 nuovi
La ristrutturazione è dovuta alla trasformazione digitale dell'azienda
SVIZZERA
16 ore
«Non stiamo reagendo come lo scorso mese di marzo»
Come ogni martedì, un gruppo di esperti della Confederazione risponde alle domande dei giornalisti.
SVIZZERA
17 ore
Addio PPD, benvenuta Alleanza del Centro
Il 60,6% degli affiliati ha votato per il cambiamento di nome, ma manca il voto dell'assemblea dei delegati
SVIZZERA
17 ore
General Electric vuole sopprimere altri 80 posti in Svizzera
Una decisione definitiva sarà presa alla conclusione della procedura di consultazione a livello europeo e svizzero
SVIZZERA / ITALIA
18.10.2016 - 07:040

Fiera di essere italofona? «Sì, la Svizzera lo è», tutta

Parola dell'ambasciatore svizzero in Italia, il luganese Giancarlo Kessler, rappresentante dell'unico Paese ospite agli Stati Generali della Lingua italiana a Firenze

sondaggio chiuso

FIRENZE - Per quanto riguarda la promozione della lingua di Dante, i nostri vicini sfoderano in questi giorni l'artiglieria pesante. Il premier Renzi, ministri, vice ministri, top manager ed esperti si trovano infatti a Palazzo Vecchio a Firenze per discutere di italiano nel mondo agli Stati Generali della lingua italiana, convegno alla sua seconda edizione organizzato dal Ministero degli esteri italiano.

Della partita sarà anche il nostro Paese: italofono e unico Stato ospite, sarà rappresentato dal ticinese Giancarlo Kessler, ambasciatore svizzero a Roma sul podio oggi nella seconda giornata di incontri. Gli abbiamo chiesto quanto la Svizzera possa tenere alti i colori dell'italofonia e se si possa fare causa comune con Roma per promuoverla.

Signor Kessler, il tema degli Stati Generali della Lingua italiana di quest'anno è "Italiano lingua viva". L'impressione di molti, in Ticino, è tuttavia che l'italiano non sia poi così vivo e apprezzato in tutta la Svizzera. A Firenze la Confederazione può davvero presentarsi come un Paese italofono e fiero di esserlo?

Sono molto contento di partecipare a questa seconda edizione degli Stati Generali della Lingua italiana non solo come Ambasciatore di Svizzera, ma anche come rappresentante della Svizzera italiana. Per quanto riguarda la sua domanda, nei fatti, chi segue l’attualità politica in Svizzera sa che l’insegnamento delle lingue nazionali è sempre oggetto di un vivace dibattito a tutti i livelli istituzionali. Certamente il plurilinguismo è stato e sarà una caratteristica importante del nostro Paese. E di questo penso che la Svizzera possa davvero essere fiera. Direi che da noi fa parte del senso comune che la conoscenza di più lingue, e ovviamente delle diverse culture che esse veicolano, assume un ruolo fondamentale per la comprensione reciproca e sostiene significativamente la coesione nazionale.

In questo senso è molto significativo che, nel “Messaggio concernente la promozione della cultura negli anni 2016–2020”, il Consiglio federale ed il Parlamento  abbiano riconosciuto inequivocabilmente che le lingue minoritarie in Svizzera, tra queste l’italiano, richiedono un’attenzione e un sostegno rinforzati. Per questo motivo sono stati stanziati mezzi supplementari dell’ordine di 800’000 CHF all’anno a favore dell’insegnamento dell’italiano, in Svizzera, ma al di fuori della Svizzera italiana. A queste misure si aggiungono anche quelle in favore dell’editoria che “il Messaggio sulla cultura” prevede e delle quali potranno usufruire anche le case editrici della Svizzera italiana.

Quanto sono importanti per la promozione dell'italiano in Svizzera le iniziative patrocinate dal Ministero degli affari esteri italiano nel nostro Paese? (Comitati Dante Alighieri, Istituto di Cultura italiano a Zurigo, ecc.)

Tutte queste Istituzioni promuovono sempre iniziative di prim’ordine che costituiscono tasselli importanti per la tutela e la valorizzazione della lingua italiana e della cultura italiana, includendo efficacemente nella loro iniziativa anche il supporto alla produzione culturale di qualità che viene dalla Svizzera a italiana. Noto anche un sempre più chiaro interesse da parte di Italia e Svizzera di mettere insieme conoscenze, forze e risorse per perseguire questo obbiettivo. L’invito al nostro Paese da parte italiana di partecipare, unico Stato estero, agli Stati Generali della Lingua italiana è un segnale che apprezziamo e da questi incontri ricaviamo sempre nuovi stimoli e spunti per accrescere ulteriormente la nostra collaborazione e finalizzarla più precisamente. Su un piano più operativo e generale, non dimentichiamo poi che in Svizzera vivono circa mezzo milione di abitanti di origini italiane e che i Governi italiani dedicano anche risorse finanziarie per i corsi di italiano nel nostro Paese.

Perché la Svizzera, in qualità di Paese italofono, non collabora come partner ufficiale agli Stati Generali della Lingua italiana? 

Tengo qui ricordare che il Dipartimento degli affari esteri collabora sin dalla prima edizione con l’Italia nell’ambito della Settimana della Lingua italiana (17-23 ottobre, ndr). Ogni anno le nostre rappresentanze diplomatiche all’estero realizzano un numero rilevante di attività per la promozione della lingua ma soprattutto della cultura della Svizzera italiana e collaborano regolarmente con le rappresentanze italiane. Come già detto siamo l’unico paese invitato agli Stati Generali. Infine, grazie ai maggiori fondi che l’Ufficio federale della Cultura potrà mettere a disposizione si potranno realizzare ulteriori progetti comuni a sostegno della lingue e della cultura italiana.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marco Allegrini 4 anni fa su fb
Ho lavorato a Losanna dal 1992 al 1998 e quando sono arrivato i miei colleghi sentendomi parlare italiano pensavano che arrivavo dall' italia.. Non sapevano neanche che esistesse il Ticino e che in Svizzera si parlava anche Italiano.. La lingua italiana é ritenuta una lingua di poco valore..
Christian Candolfi 4 anni fa su fb
Invece a me è successo che a villa san Giovanni in Calabria,imbarcandomi per la Sicilia,l'addetto ai biglietti dopo avermi chiesto da dove arrivassimo...mi fece i complimenti per il mio italiano ???? e io invece di dare inutili spiegazioni,lo ringraziai del complimento...???
Amos Bianchi 4 anni fa su fb
Non me ne sbatte a dirti il vero :-)
Paolo Monteverdi 4 anni fa su fb
Talmente fiera che in alcuni cantoni l'hanno tolta come lingua di studio .... Mahhh
Mi Pa 4 anni fa su fb
Giá...in CH (Ticino a parte) la lingua italiana vale quanto quella albanese.
Tedesco 4 anni fa su tio
fiera di essere svizzera !!! italiofona mica tanto ??
Alìbabà 4 anni fa su tio
@Tedesco Italofona mica tanto?? O italofona mica tanto!! Allora parla Tedesco! La Costituzione del nostro cantone nel Preambolo afferma che "Il popolo ticinese è fedele al compito storico di interpretare la cultura italiana nella Confederazione elvetica" e al Titolo I "Il Cantone Ticino è una repubblica democratica di cultura e lingua italiane".
"Repubblica Elvetica" 4 anni fa su tio
La zona italofona comprende altri stati oltre l'Italia e la Svizzera: San Marino, Slovenia e Croazia. La lingua italiana va promossa perché noi italofoni abbiamo il diritto di farlo. Evviva gli italofoni!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 07:02:30 | 91.208.130.89