Cerca e trova immobili

SAN PAOLOPiange il Brasile, piange il mondo del calcio: Pelé è morto

29.12.22 - 20:06
Si è spento a 82 anni uno dei più grandi di sempre
Imago
Piange il Brasile, piange il mondo del calcio: Pelé è morto
Si è spento a 82 anni uno dei più grandi di sempre
Calciatore, dirigente, politico ma soprattutto eccezionale ambasciatore (del pallone).
CALCIO: Risultati e classifiche

SAN PAOLO - L’ultimo dribbling non gli è riuscito. L’ultima partita si è chiusa con una sconfitta. Edson Arantes do Nascimento è morto. Pelé è morto.

A 82 anni, uno dei simboli del calcio brasiliano e mondiale ha chiuso gli occhi per l’ultima volta. Lo ha fatto alla clinica Albert Einstein di San Paolo dove, da fine novembre, dopo l’ennesimo ricovero, era ormai di casa. L’ex campionissimo brasiliano stava lottando dall’autunno dello scorso anno contro un tumore al colon. Era stato operato, aveva avuto la brutta notizia delle metastasi diffusesi a fegato e polmoni, aveva continuato a lottare. Si era sottoposto a cicli di chemioterapia e, sempre con positività, aveva più volte rassicurato chi gli stava vicino. Fino alle ultime settimane quando il suo corpo, provato da un’esistenza lunga e dispendiosa, ha lentamente cominciato a cedere. Non c’è più stata risposta ai trattamenti e, così, l’unica opzione rimasta ai medici è stata quella di rendere meno difficile e doloroso il momento, spostando l’anziano mito nel reparto di cure palliative. Lì è stato accudito dai figli, che lo hanno contemporaneamente protetto, coccolato e tenuto in contatto con il mondo esterno. Fino all’ultimo saluto.

“Larger than life”, direbbero di Pelé quegli statunitensi che lo hanno accolto, permettendogli di chiudere la carriera a metà anni settanta, e che lo hanno reso immortale regalandogli un ruolo nel criticato ma apprezzato film di John Huston “Fuga per la vittoria”. “Larger than life” perché il brasiliano non è stato solo un calciatore tra i più grandi di sempre, tra i più vincenti di sempre, conosciutissimo nonostante non godesse dell’esposizione mediatica dei giocatori di oggi (e nemmeno quella di cui hanno goduto i campioni anni ‘80-’90): è stato anche un dirigente sportivo, un politico (ministro sotto il presidente Cardoso) ma soprattutto uno strepitoso ambasciatore. Per le Nazioni Unite, per l’UNESCO ma prima di tutto per il suo amato pallone.

Riconoscibilissimo, credibile perché mai toccato da scandali, eroico per essere arrivato in cima partendo dalle enormi difficoltà della giovinezza, Edson ha legato il suo nome e il suo sorriso a tutto quello che negli ultimi quarant’anni (molto abbondanti) è stata la propaganda pallonara. Celebrazioni, pubblicazioni, videogiochi, grandi eventi: è stato un simbolo. È stato anzi egli stesso il calcio. E proprio come Edson ha più volte detto di voler essere chiamato e ricordato. Edson in onore di Thomas Alva Edison. Quest’ultimo ha rivoluzionato il mondo con le sue invenzioni. Pelé - ci perdoni - ha “solo” rivoluzionato il calcio. 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

sergejville 1 anno fa su tio
il giocatore più completo della storia del calcio: destro, sinistro, testa, punizioni, rigori, potenza, fantasia, costanza, dribbling, grinta, reti, assist e ovviamente una marea di trofei. Ma non solo: ambasciatore del calcio brasiliano e del paese in generale, primo atleta nero brasiliano ad essere conosciuto prima e venerato poi, nell'intero pianeta. PELÉ!

Serfol 1 anno fa su tio
RIP O' Rey

Gpm8 1 anno fa su tio
Il piu grande, immenso e fantastico

RobediK71 1 anno fa su tio
Questa cosa, partiti poveri, ma smettiamola c’è qualche calciatore famoso nato ricco forse ?

gp46 1 anno fa su tio
Risposta a RobediK71
Per restare in Brasile, Kakà ad esempio...

klich69 1 anno fa su tio
ADDIO GRANDE CI VEDREMO, SONO DAL 69.

Nonna Sintetica 1 anno fa su tio
Ciao Edson... per me sei stato tu il più grande e non solo per me: sei stato e continuerai ad essere lo spunto, il riferimento, per tanti e anche per quei pochi che poi sono diventati a loro volta grandi, i nomi altisonanti di oggi.

Alex 1 anno fa su tio
R.I.P Uomo immenso!🙏❤

Pagno 1 anno fa su tio
Il più grande come giocatore è come uomo di sport. Grazie per averci dato la la passione per questo sport in un momento dove i soldi contavano poco rispetto ad adesso, dove i giocatori sono diventati affamati di soldi.

Fumarola4 1 anno fa su tio
lui un campione vero! gli altri non sono proprio niente in confronto a lui..lo era già all'epoca senza tanti media!! maradona?😂messi?😂 cristiano il mercenario?😂😂PELÈ UNICO VERO GRANDE CAMPIONE!! O'Rey e ho detto tutto!

Alessandro Fornera 1 anno fa su tio
⚽️💕💜🍀✨

italo luigi 1 anno fa su tio
Fantastico come giocatore e uomo. Grazie 'O Rey'

Capra 1 anno fa su tio
Livello altissimo di giocatore , idem uomo ! Non le pippe attuali

Se7en 1 anno fa su tio
R.I.P 🕯️🙏

Boss 1 anno fa su tio
grande giocatore e sopratutto UOMO .
NOTIZIE PIÙ LETTE