Cerca e trova immobili

PARTITO COMUNISTAModifica della legge COVID-19: troppo emergenziale e sbilanciata!

21.05.23 - 11:50
Partito Comunista
Ti-Press
Modifica della legge COVID-19: troppo emergenziale e sbilanciata!
Partito Comunista

Il prossimo 18 giugno 2023 saremo chiamati a esprimerci sulla modifica della legge COVID-19 del 16 dicembre 2022, che chiede di prorogare sino a fine giugno 2024 una serie di misure previste dalla base legale attualmente in vigore. Tra di esse figura la possibilità di rendere disponibili nuovi medicamenti che prevengono un decorso della malattia anche se non ancora omologati in Svizzera, di continuare a rilasciare un certificato COVID-19 e di obbligare i datori di lavoro a proteggere le persone più a rischio, ad esempio consentendo loro di lavorare da casa. Qualora la proroga dovesse essere respinta dal popolo, le disposizioni previste andranno a decadere a metà dicembre 2023.

Posto che la Confederazione ha già dichiarato la fine della pandemia (così come ormai anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS) e revocato tutte le restrizioni, la proroga di alcuni provvedimenti in vista di un ipotetico deterioramento del quadro sanitario rischia di implicare un trasferimento di poteri al Consiglio federale oltremodo ampio, prematuro ed evitabile. In questo contesto, il Partito Comunista non nasconde una crescente preoccupazione rispetto al pericolo di improntare il nostro ordinamento a logiche emergenziali, che tendono a rimettere in discussione il primato del Parlamento e le procedure istituzionali ordinarie. Considerato che in questo caso una delega parlamentare più stretta avrebbe potuto peraltro meglio inquadrare a priori l’attività governativa, vi è perciò il timore di fondo che il protrarsi di situazioni di squilibrio istituzionale venga a oggi accolto in maniera eccessivamente acritica e non risulti sempre del tutto giustificato.

Del resto, per quanto alcune misure possano risultare condivisibili (e nel caso potranno comunque essere ancora emanate al momento opportuno), ve ne sono altre la cui controversia avrebbe dovuto imporre una maggiore attenzione quanto alla delega accordata al Governo: ciò è in particolare il caso del Certificato COVID, una cui diretta introduzione non è stata di principio esclusa e sulla cui estensione avevamo già espresso delle criticità nel 2021, soprattutto qualora fosse andato a intaccare diritti fondamentali come l’istruzione e determinate garanzie di tutela sul posto di lavoro.

Detto ciò, sorgono anche degli interrogativi sul motivo per cui diversi provvedimenti più interessanti non sono stati prorogati, come quelli relativi al sostegno economico, ai casi di rigore, alle indennità per perdita di guadagno, alle indennità per lavoro ridotto e all’assunzione dei costi dei test da parte della Confederazione; un’esclusione, questa, che in presenza di un certificato COVID e data la recente giurisprudenza del Tribunale federale potrebbe essere problematica anche dal profilo legale.

Sulla scorta delle motivazioni esposte, consapevole che in caso di necessità una proroga di alcune disposizioni potrebbe garantire una maggiore legittimità all’operato del Consiglio federale ma anche dell’ampiezza e dell’inattualità della delega proposta, il Partito Comunista intende pertanto lanciare un chiaro segnale politico e invita la popolazione a votare NO alla modifica della legge COVID-19.

Partito Comunista

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Don Quijote 1 anno fa su tio
Quello che serve adesso è un vaccino contro la paturnia del covid, rinco...

Tracy 1 anno fa su tio
UN BEL NO. L’OMS vuole integrare la vaccinazione contro il COVID-19 nei programmi di immunizzazione PER TUTTA LA VITA ma noi dobbiamo essere liberi di scegliere cosa metterci nel nostro corpo. Per l'OMS, Gli Stati parte devono continuare a IMPEGNARSI PER AUMMENTARE la copertura vaccinale contro la COVID-19 per tutte le persone appartenenti a gruppi ad alta priorità (come definito dalla roadmap SAGE dell'aprile 2023) con i vaccini ‘’raccomandati dall'OMS’’ e continuare ad affrontare attivamente le questioni dell'accettazione e della domanda di vaccino con le comunità. (Strategia per la vaccinazione globale contro il COVID-19 in un mondo che cambia ; Tabella di marcia SAGE -; Dichiarazione di buone pratiche sull'uso dei vaccini contro il COVID-19 mirati a diverse varianti; Collaborazione in corso con l'IVAC e altri per riassumere gli studi sull'efficacia del vaccino; Fattori comportamentali e sociali nella vaccinazione: strumenti e indicazioni pratiche per raggiungere un'elevata diffusione del vaccino e soprattutto ‘’Mantenere i guadagni’’ quello sicuramente funziona alla perfezione.

Brissago 1 anno fa su tio
Il mio voto sarà un bel : NOOOOOOO !

Mat78 1 anno fa su tio
Risposta a Brissago
Una legge per le emergenze sanitarie è troppo “emergenziale”. Esilarante, anche l’italiano, fra l’altro.

APR-DRONE 1 anno fa su tio
L'unica VERA scelta possibile é VOTARE NO !!! Fermare per sempre questo carosello di IPOCRISIA. Certificato del piffero inutile per tutti: Sia vaccinati che non. Uno strumento che ha peggiorato sensibilmente la percezione generale introducendo una falsa sicurezza. Introdurre nuovi rimedi medici accorciando i termini peggiorando de facto le condizioni e la sicurezza dei popoli facendo leva su sentimenti come la paura è turpe, peritoso, vituperevole.
NOTIZIE PIÙ LETTE