Immobili
Veicoli

L'OSPITENo ad un duplice attacco il 15 maggio

10.05.22 - 15:27
Graziano Pestoni, presidente dell'Associazione per la difesa del servizio pubblico
Graziano Pestoni
No ad un duplice attacco il 15 maggio
Graziano Pestoni, presidente dell'Associazione per la difesa del servizio pubblico

L’Associazione per la difesa del servizio pubblico (ASP) è molto preoccupata. Il decreto cantonale in votazione il 15 maggio, che vuole fissare un limite di spesa, costituisce infatti un duplice attacco.

Innanzi tutto è un attacco al servizio pubblico. Se questa proposta fosse accolta tutto il servizio pubblico sarebbe in difficoltà: EOC, Organizzazione sociopsichiatrica cantonale, scuola, servizi sociali e amministrativi, case per anziani, istituti per minori, trasporti pubblici. Impedirebbe contributi sempre più indispensabili per ridurre i premi delle casse malati, per promuovere le cure dentarie o ancora interventi a favore dell’economia e dell’occupazione.

In secondo luogo è un attacco alla democrazia. Esso impedirebbe al parlamento di svolgere il proprio lavoro, definito in modo chiaro e trasparente dalla nostra costituzione. Infatti, i rappresentanti del popolo, anche se lo volessero, non potrebbero più accettare nuovi compiti e nuovi interventi anche se giudicati importanti e magari pure urgenti.

I promotori di questa proposta dimenticano che i cittadini, nel nostro ordinamento giuridico, dispongono già, e da lungo tempo, di due preziosi strumenti per controllare le decisioni parlamentari o per proporre nuove disposizioni: i diritti di referendum e di iniziativa popolare.

L’ASP confida pertanto che il 15 maggio la popolazione respinga questi modi estranei alla nostra tradizione e alle nostre istituzioni, inutili e controproducenti, portatori solo di burocrazia. Le nostre istituzioni non necessitano di altri strumenti e tantomeno di museruole che impedirebbero il loro corretto lo svolgimento.

NOTIZIE PIÙ LETTE