CRISI ENERGETICAGreggio russo, approvato il price cap: 60 dollari al barile

03.12.22 - 17:50
Lunedì 5 dicembre il 94% del greggio russo destinato all'Europa sarà bloccato
Depositphotos (ekina1)
Fonte Ats Ans
Greggio russo, approvato il price cap: 60 dollari al barile
Lunedì 5 dicembre il 94% del greggio russo destinato all'Europa sarà bloccato

BRUXELLES - Il Consiglio Ue ha approvato l'introduzione del tetto a 60 dollari al barile per la commercializzazione via mare del greggio russo verso Paesi terzi. Il meccanismo prevede il divieto per gli operatori, europei o di Paesi terzi, di usare servizi marittimi europei - trasporti, assicurazioni, finanziamenti, intermediazioni - se il greggio viene venduto a un prezzo superiore al tetto fissato.

Il 'cap' è regolabile, al fine di rispondere agli sviluppi del mercato (sarà rivisto ogni due mesi). Ma il target è che sia sempre del 5% al di sotto dei prezzi correnti. Il tetto per i prodotti raffinati verrà fissato in un secondo momento.

Le condizioni - «Mentre il divieto dell'Ue d'importare greggio e prodotti petroliferi russi via mare rimane pienamente in vigore, il limite di prezzo consentirà agli operatori europei di trasportare il petrolio russo in Paesi terzi, a condizione che il suo prezzo rimanga rigorosamente al di sotto del limite», spiega il Consiglio in una nota.

Colpire la Russia e garantire la stabilità dei mercati - «Il tetto al prezzo è stato specificamente concepito per ridurre ulteriormente le entrate della Russia, mantenendo al contempo stabili i mercati energetici globali grazie a forniture continue. Contribuirà quindi anche a contrastare l'inflazione e a mantenere stabili i costi dell'energia in un momento in cui i costi elevati - in particolare i prezzi elevati dei carburanti - sono fonte di grande preoccupazione nell'Ue e in tutto il mondo».

«È previsto un periodo di transizione di 45 giorni per il greggio russo acquistato via mare al di sopra del limite di prezzo, a condizione che sia caricato su una nave nel porto di carico prima del 5 dicembre 2022 e scaricato nel porto di destinazione finale prima del 19 gennaio 2023", precisa il Consiglio, sottolineando che "non esiste una disposizione equivalente per i prodotti petroliferi». Se il tetto verrà modificato dalla Coalizione, è previsto «un periodo di transizione di novanta giorni (90) per i servizi marittimi e il trasporto marittimo di petrolio greggio russo (e prodotti petroliferi)».

Le sanzioni - Il 'cap' prevede diversi meccanismi di sanzioni in caso di esclusione. «Se una nave battente bandiera di un Paese terzo trasporta intenzionalmente petrolio russo al di sopra del massimale, agli operatori dell'Ue sarà vietato assicurare, finanziare e fornire assistenza a questa nave per il trasporto di petrolio o prodotti petroliferi russi per 90 giorni dopo che il carico è stato scaricato; se un'imbarcazione dell'Ue, o una nave battente bandiera dell'Ue, viola il tetto, sarà soggetta alle conseguenze previste dalla legislazione nazionale di ciascuno Stato membro».

«Le sanzioni Ue - precisa il Consiglio - si applicano all'interno della giurisdizione (territorio) dell'Ue, ai cittadini dell'Ue in qualsiasi luogo, alle società e alle organizzazioni costituite secondo la legge di uno Stato membro - comprese le filiali di società dell'Ue in Paesi terzi, nonché a bordo di aeromobili o navi sotto la giurisdizione degli Stati membri». Il divieto di trasportare petrolio russo via mare si applica a tutte le navi dell'Ue, ossia alle navi battenti bandiera dell'Ue, nonché alle navi di proprietà, noleggiate e/o gestite da società o cittadini dell'Ue. Ciò riguarda anche gli agenti che agiscono per loro conto.

Ok da G7 plus e paesi asiatici - «La coalizione che sostiene il price cap al greggio russo comprende al momento il G7 plus ma è aperta anche ad altri partner, che potranno partecipare senza fare grandi proclami ma accettando di acquistare il petrolio di Mosca a un prezzo inferiore a 60 dollari al barile. E abbiamo diversi Paesi, soprattutto in Asia, che hanno indicato in modo informale di volerlo fare».

Lo sostiene un alto funzionario Ue in via confidenziale. «Sentiremo grandi boati dal Cremlino in questi giorni ma è un segnale di nervosismo», aggiunge. «I russi hanno problemi a vendere il greggio non a prezzi scontati e non possono fermare la produzione».

Lunedì stop al 94% del greggio russo destinato all'Europa

Lunedì 5 dicembre è il giorno in cui entra in vigore l'embargo Ue alle importazioni (via mare) di petrolio russo e, stando alle stime della Commissione, circa il 94% del greggio di Mosca destinato all'Europa sarà bloccato.

Il 5 febbraio sarà poi la volta dei prodotti petroliferi raffinati. Sempre lunedì entrerà in vigore il tetto ai prezzi del greggio concordato col G7 (più l'Australia).

«La Russia - precisa un alto funzionario Ue - dipende dai servizi vari legati al G7 plus, come trasporto, assicurazioni o finanziamenti, per muovere un milione di barili al giorno: sarà difficile per loro trovare alternative nel breve-medio termine».

COMMENTI
 
TonyPalloni 1 mese fa su tio
ma usando briciolo di buonsenso, chi accetta imposizione del genere, da stati che distribuisce ai suoi cittadini la stessa merce con oltre il 60% di tasse e dazi?quante petroliere russe hanno causato disastri ambientali che hanno causato compAgnie occidentali? e gridano al inquinamento per 4 sfiati di gasdotto nuovo fiammante palesemente sabotato e ignorato appena pronto, credendoci forti. ucraina usa gas e benzina russA, anche per generatori regalati da noi.
TonyPalloni 1 mese fa su tio
come accenna a scendere prezzo benzina, ecco servita nuova motivazione per aumenti. a me se uno decide lui prezzo mia merce, smetto di rifornirlo, oggi se non paghi prima, nessuno invia o lascia piu' niente.
fracassi 1 mese fa su tio
questi pagliacci del consiglio EU pensano di essere furbi😂 spero che la svizzera possa avere in futuro uno spazio nella zona BRICS chiaro che se dovesse essere respinta sarebbe una scelta comprensibile.
Matan 1 mese fa su tio
E dall'altra parte la BRICS (probabilmente tra non molto BRICS+) fanno passi da gigante. Mi domando chi danneggiano maggiormente queste sanzioni.
Chris_El_Suizo 1 mese fa su tio
Poveri illusi, come darsi la zappa sui piedi, poi qualcuno dica ancora che la crisi energetica è colpa della Russia!!! Ma chi si credono di essere per fissare un price cap? Non hanno capito che il coltello dalla parte del manico ce l`ha chi possiede sul suo territorio le fonti energetiche? Cosa credono che gli americani ci verranno in aiuto con petrolio a prezzi stracciati? Poi non meravigliatevi se fra una settimana la benzina schizza alle stelle ancor più di quanto non lo è già! I politici farneticano e il popolo paga!
NOTIZIE PIÙ LETTE