Immobili
Veicoli

SPAGNADopo la fusione British Airway e Iberia, l'International Consolidated Airlines Group perde 2,5 miliardi

05.11.21 - 08:57
I primi nove mesi del 2021 sono però positivi rispetto al 2020, dove la perdita era stata di 5,9 miliardi
Keystone
Fonte Ats
Dopo la fusione British Airway e Iberia, l'International Consolidated Airlines Group perde 2,5 miliardi
I primi nove mesi del 2021 sono però positivi rispetto al 2020, dove la perdita era stata di 5,9 miliardi

MADRID/LONDRA - International Consolidated Airlines Group (Iag), nata dalla fusione delle compagnie aeree British Airway e Iberia, conclude i primi nove mesi dell'anno con una perdita di 2,5 miliardi, dimezzata rispetto ai 5,9 miliardi dello stesso periodo dell'anno scorso. Nel terzo trimestre il rosso scende a 452 milioni di euro, rispetto ai circa 2 miliardi dello stesso periodo del 2020.

Agli attuali prezzi del carburante e tassi di cambio, Iag prevede che la sua perdita operativa 2021 sarà di circa 3,0 miliardi di euro.

La capacità passeggeri nel trimestre è stata del 43,4% del 2019, in aumento rispetto al 21,9% del secondo trimestre. Gli attuali piani di capacità passeggeri per il quarto trimestre prevedono circa il 60% della capacità del 2019. Le merci trasportate nel terzo trimestre sono aumentate del 37,2% rispetto al 2020, raggiungendo il 73,4% dei livelli del 2019, nonostante una riduzione dei voli solo cargo mentre la capacità passeggeri è aumentata, con 657 voli solo cargo operati nel trimestre rispetto ai 1.371 del secondo trimestre.

"Tutte le nostre compagnie aeree hanno mostrato miglioramenti con la perdita operativa del Gruppo più che dimezzata rispetto ai trimestri precedenti. Nel terzo trimestre, il nostro flusso di cassa operativo è stato positivo per la prima volta dall'inizio della pandemia e la nostra liquidità è più alta che mai, raggiungendo 12,1 miliardi di euro su base proforma alla fine di ottobre", afferma Luis Gallego, amministratore delegato di Iag.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA