Immobili
Veicoli

UNIONE EUROPEASchengen, Bruxelles apre ai controlli ai confini interni

14.12.21 - 16:36
Il periodo massimo della misura potrà essere di due anni. E solo in casi eccezionali che dovranno essere giustificati
Depositphotos (foto d'archivio)
Fonte ats
Schengen, Bruxelles apre ai controlli ai confini interni
Il periodo massimo della misura potrà essere di due anni. E solo in casi eccezionali che dovranno essere giustificati

BRUXELLES - In casi eccezionali ma «prevedibili» ogni Stato membro può reintrodurre controlli ai confini all'interno dell'area Schengen «per un periodo di massimo due anni». Lo prevede la proposta di modifica del Codice Schengen approvata dalla Commissione Ue, che si focalizza tra l'altro sul dossier dei movimenti secondari dei migranti. I

Il Paese membro deve «giustificare la proporzionalità e necessità della sua azione tenendo in considerazione l'impatto sulla libertà di circolazione», si legge nella proposta. L'articolo 25 del Codice Schengen al momento limita la reintroduzione dei controlli per eventi «prevedibili» a massimo 6 mesi.

La proposta, impattando sull'articolo 28 del Codice Schengen, disciplina la possibilità di reintrodurre i controlli ai confini nell'area Schengen anche per i cosiddetti «eventi imprevisti». In questo caso il Paese membro può agire «unilateralmente» per un periodo limitato ai tre mesi.

Per quanto riguarda gli eventi prevedibili lo Stato membro, dopo sei mesi, deve notificare qualsiasi proroga della reintroduzione dei controlli alla Commissione accompagnandola da una valutazione del rischio. Dopo un periodo di 18 mesi l'esecutivo Ue è chiamato inoltre ad esprimere un parere sulla necessità e proporzionalità della reintroduzione dei controlli.

Nella proposta la Commissione si fa «promotrice» di misure alternative alla reintroduzione dei controlli, come il rafforzamento del pattugliamento delle forze dell'ordine nelle aree di confine. Con l'obiettivo di affrontare l'ingresso irregolare di persone la Commissione invita gli Stati membri a rivedere - o firmarne di nuovi - gli accordi bilaterali stipulati tra Paesi garantendo che saranno «complementari» al Patto di Migrazione e Asilo al quale Bruxelles sta lavorando.

La proposta va a esaminare anche i cosiddetti «attacchi ibridi» assicurando una serie di deroghe ai Paesi che rappresentano il confine esterno dell'Unione. Tra queste figurano l'aumento della sorveglianza di confine e la riduzione degli accessi di frontiera.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE