AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ARGENTINA
24 min
I medici «hanno ucciso Diego»
Nessuno di essi «ha fatto nulla per impedirlo», ha dichiarato l'avvocato di Dahiana Gisela Madrid
GERMANIA
2 ore
Stabile occupato: guerriglia e scontri con la polizia, 60 feriti
La polizia aveva il compito di effettuare un'ispezione, ma secondo gli occupanti voleva in realtà sgomberare
FOTO E VIDEO
CINA
2 ore
Cinque arresti nel più importante giornale pro-democrazia di Hong Kong
L'operazione di polizia è stata possibile grazie alla controversa "legge sulla sicurezza nazionale"
MESSICO
3 ore
Treno deraglia e colpisce le case, un morto e tre feriti
Non è ancora chiaro il motivo per cui il treno merci sia deragliato
PAKISTAN
3 ore
Niente hamburger gratis alla polizia: arrestati 19 dipendenti di un fast food
La denuncia social e il clamore causato dall'episodio hanno portato alla sospensione degli agenti e a un licenziamento
GERMANIA
3 ore
Vaccino CureVac efficace solo al 47%
Non sono così soddisfatti i criteri di successo prestabiliti
FOTO
CINA
3 ore
Il ritorno della Cina nello spazio
Tre astronauti sono partiti per una missione con equipaggio di tre mesi nella stazione spaziale
TURCHIA
14 ore
Sequestro di cocaina record: più di una tonnellata
La merce è stata trovata su una nave container proveniente dall'Ecuador
MONDO
15 ore
I media cinesi deridono una donazione di vaccini degli USA: 80 fiale
«Poco è stato fatto, ma molto è stato detto», ha scritto ad esempio l'agenzia stampa Xinhua
COREA DEL SUD
15 ore
Molka, o la paura di essere riprese dalla webcam di uno sconosciuto
Un fenomeno diffuso nel quotidiano sudcoreano e un incubo per milioni di donne. La denuncia: «Pochissimi pagano»
AUSTRALIA
18 ore
Un mare di ragnatele
Il fenomeno è stato osservato in questi giorni nello stato di Victoria
FRANCIA
19 ore
Il presunto basista del rapimento di Mia è arrivato in Francia
Rémy Daillet è stato arrestato all'aeroporto di Parigi Charles de Gaulle
STATI UNITI
06.05.2021 - 11:100
Aggiornamento : 16:19

Vaccini e brevetti, si riapre una vecchia ferita

Gli Stati Uniti favorevoli alla sospensione sui sieri anti-Covid. Una posizione che ha deluso le case farmaceutiche.

Katherine Tai, rappresentante per il commercio Usa: «Questa è una crisi sanitaria globale e le circostanze straordinarie della pandemia di Covid-19 richiedono misure straordinarie».

WASHINGTON D.C. - La presa di posizione degli Stati Uniti è di quelle che fanno rumore e non lasciano nessuno indifferente: favorevoli a sospendere i brevetti sui vaccini anti-Covid.

L'Organizzazione mondiale della sanità l'ha definita, senza tanti giri di parole, una decisione storica. Le case farmaceutiche, sul fronte opposto, si sono dette - come era facilmente pronosticabile - deluse dalle parole "pronunciate" ieri per conto di Washington da Katherine Tai, rappresentante per il commercio del Paese a stelle e strisce. «Questa è una crisi sanitaria globale e le circostanze straordinarie della pandemia di Covid-19 richiedono misure straordinarie. L'Amministrazione crede fermamente nell'importanza della proprietà intellettuale, ma per mettere fine a questa pandemia sostiene la rinuncia a questa protezione sui vaccini».

E quel «ma», e tutto ciò che ne segue, è di quelli che pesano. Soprattutto perché Kai ha confermato che la Casa Bianca si sta già adoperando «attivamente» nei negoziati in corso presso l'Organizzazione mondiale del commercio «necessari affinché tutto questo avvenga». Negoziati che richiederanno del tempo e che dalle parti di Ginevra, dove ha sede la Federazione internazionale delle aziende farmaceutiche (IFPMA), sono stati probabilmente recepiti come uno schiaffo.

«Risposta semplice e sbagliata a un problema complesso»
«Siamo totalmente allineati con l'obiettivo di assicurare che i vaccini per il Covid-19 siano rapidamente ed equamente distribuiti in tutto il mondo - si legge nella presa di posizione pubblicata dall'IFPMA in risposta alle dichiarazioni americane -. Ma, come abbiamo più volte ripetuto, una sospensione è la risposta semplice ma sbagliata a un problema complesso». Al contrario, secondo la Federazione, la scelta di sospendere i brevetti «non permetterà di incrementare la produzione» ma sarà piuttosto fonte di altre «perturbazioni» nella distribuzione.

Per farla breve, la decisione degli Stati Uniti, secondo le case farmaceutiche, «non risponde alle vere sfide poste dal riuscire a vaccinare il mondo intero». Ma quali sarebbero quindi queste sfide? L'IFPMA ne indica alcune: eliminare le barriere commerciali; trovare una soluzione ai cosiddetti "colli di bottiglia" nelle catene di produzione (dovuti alla scarsità di alcuni componenti) e, non da ultimo, la volontà dei Paesi più ricchi nel condividere le proprie dosi di vaccino con quelli più poveri.

Brevetti e crisi: una vecchia ferita riaperta
Quello della sospensione dei brevetti è un dibattito che la pandemia ha riaperto come fosse una vecchia ferita, mai del tutto cicatrizzata. È giusto proteggere la proprietà intellettuale a ogni costo mentre si attraversa una crisi che cinge in una morsa il mondo intero? Nei Paesi del G7, secondo un recente sondaggio pubblicato dalla People's Vaccine Alliance, il 70% della popolazione si è detto favorevole alla sospensione per velocizzare la produzione di vaccini anche in altri Paesi.

Una richiesta di congelare temporaneamente la proprietà intellettuale sui preparati anti-Covid è stata presentata lo scorso autunno all'OMC da un centinaio di Paesi (con l'India e il Sudafrica in testa). La proposta si era scontrata però con l'opposizione delle nazioni più ricche. Tra le quali si contavano anche gli Stati Uniti, prima della storica retromarcia delle ultime ore.

A Bruxelles: «Pronti a discuterne»
Dopo lo slancio americano però qualcosa sembra essere cambiato anche nel Vecchio Continente. E sulla deroga discuteranno nel corso del prossimo fine settimana anche i leader europei in occasione di un summit informale a Porto. E in questo senso, la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha detto questa mattina che a Bruxelles si è «pronti a discutere qualsiasi proposta che affronti la crisi» pandemica «in modo efficace e pragmatico».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
skypuma 1 mese fa su tio
Ci sono tre industrie dove mai nessuno dovrebbe trarre vantaggi. Quella sanitaria (farmaceutica, cure mediche ecc.), quella della sicurezza (industria delle armi, eserciti, polizia, ecc.) e quella dell’istruzione. Quindi per me ben venga la decisione dell’amministrazione USA e anche quella brasiliana di voler sospendere i brevetti per i vaccini COVID-19!!!
Mattiatr 1 mese fa su tio
@skypuma Il problema alla base è che nessuno, noi compresi, fa qualcosa senza trarne vantaggi. Se non ci sono dei guadagni i lavori non vengono fatti o vengono svolti male (esempio gran parte delle scuole). Io ritengo giusto per esempio che nei settori sanitari ci siano dei vantaggi anche rilevanti, perché sprona le aziende a sviluppare sempre nuovi medicamenti (guarda la velocità con la quale hanno fatto il vaccino covid). Ovviamente però in settori così delicati la sorveglianza statale (e non) deve essere massima.
Ro 1 mese fa su tio
Buon giorno
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 11:16:14 | 91.208.130.89