Archivio Keystone
STATI UNITI
21.02.2021 - 12:550

Valentino chiude la boutique e viene citato in giudizio

Secondo il proprietario dello stabile, la pandemia non è una scusa per interrompere un contratto di locazione

NEW YORK - Il celebre marchio di moda Valentino è stato citato in giudizio per 207,1 milioni di dollari dal proprietario di una boutique - ora chiusa - di Manhattan.

Lo riporta l'agenzia stampa Reuters.

Il proprietario dello stabile afferma che la casa d'alta moda non aveva «alcun diritto» di rompere il contratto di locazione, che deve invece pagare tutti gli affitti fino alla scadenza di esso, e che deve risarcire 12,9 milioni di dollari di danni causati nell'edificio, lasciato in pessime condizioni.

In precedenza, Valentino aveva chiuso il negozio e tentato di invalidare il contratto d'affitto poiché le misure anti-coronavirus avevano «reso impossibile» - a detta del marchio - tenere aperta la boutique, ma un giudice aveva negato al gruppo questa possibilità.

La casa di moda italiana non ha per il momento rilasciato alcun commento riguardo alla causa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-06 07:07:31 | 91.208.130.86