Cerca e trova immobili

ITALIAAmministrative, al centrodestra vanno cinque capoluoghi

15.05.23 - 22:00
Sei sono invece i capoluoghi che si avviano verso il secondo turno.
Imago
Fonte ATS ANS
Amministrative, al centrodestra vanno cinque capoluoghi
Sei sono invece i capoluoghi che si avviano verso il secondo turno.

ROMA - La nuova mappa dei sindaci italiani, mentre è in corso lo scrutinio del primo turno delle amministrative, comincia a prender forma. Diverse sono le amministrazioni che il 28 e 29 maggio andranno al ballottaggio, tema piuttosto caldo anche nella maggioranza dove si spinge per la revisione o addirittura l'abolizione del secondo turno, che attualmente è previsto nei comuni con una popolazione superiore ai 15 mila abitanti.

Dei 595 Comuni che sono andati al voto tra ieri e oggi, 13 sono capoluoghi. Di questi, 5 vanno al centrodestra 2 al centrosinistra. Sei sono invece i capoluoghi che si avviano verso il secondo turno. Solo a Siena è avanti il centrosinistra.

Ad ANCONA, dove la sindaca uscente è del centrosinistra, si prospetta un ballottaggio tra il candidato del centrodestra, Daniele Silvetti (al momento al 45,8%) e quello del Pd e Terzo Polo Ida Simonella (al 40,8%).

BRESCIA festeggia la sua prima sindaca, Laura Castelletti, espressione del centrosinistra, che si attesta attorno al 55%. Fermo al 41% il candidato del centrodestra Fabio Rolfi.

BRINDISI va verso il ballottaggio tra il candidato del centrodestra Pino Marchionna, al momento al 45,4%, e quello del centrosinistra (con il M5s) Roberto Fusco, dietro di oltre dieci punti al 32,2%.

L'ex ministro di Forza Italia e sindaco uscente Claudio Scajola va verso la conferma a primo cittadino di IMPERIA con oltre il 61% delle preferenze.

LATINA, comune commissariato da ottobre 2022, sceglie il candidato di centrodestra Matilde Celentano, che ha surclassato quello del centrosinistra Damiano Coletta affermandosi con il 70% delle preferenze, contro il 30% del suo avversario.

Si profila un ballottaggio a MASSA, dove il sindaco uscente Francesco Persiani, sostenuto da Lega, FI e liste civiche, è avanti di un migliaio di voti sul candidato di Pd e Alleanza Verdi Sinistra Enzo Ricci. Nel centrodestra diviso, resterebbe fuori il candidato indicato da Fratelli d'Italia, Marco Guidi.

A PISA si va verso l'elezione al primo turno del sindaco uscente di centrodestra Michele Conti che, a metà delle sezioni scrutinate, ha il 52% dei voti, contro il 40% del candidato di centrosinistra Paolo Martinelli.

Possibile ballottaggio a SIENA, dove lo scrutinio va a rilento. Avanti con il 40% Anna Ferretti, candidata sostenuta da Pd e Sinistra italiana, seguita dalla sfidante di centrodestra Nicoletta Fabio, ferma al 25%.

A SONDRIO il candidato di centrodestra Marco Scaramellini è al 60% delle preferenze. Segue, con il 37%, il candidato di centrosinistra Simone Del Curto.

A TERAMO si profilo la vittoria del candidato di Pd-M5S Gianguido D'Alberto, al 52%.

Ballottaggio a TERNI tra Orlando Masselli, candidato del centrodestra al 34%, e Stefano Bandecchi, candidato di alcune liste civiche, che si avvia verso il 30%. Fuori al primo turno centrosinistra e Movimento 5 Stelle con il 22% delle preferenze.

TREVISO conferma il sindaco uscente Mario Conte, candidato di centrodestra, con quasi il 65% dei voti.

Ballottaggio a VICENZA dove il primo cittadino uscente, Francesco Rucco (centrodestra), è in testa di tre punti percentuali (è al 46%) sul candidato di centrosinistra Giacomo Possamai (al 43%).

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE