Cerca e trova immobili

STATI UNITISparatoria in un centro commerciale, ci sono nove morti

07.05.23 - 08:28
Si teme che fra le vittime vi siano anche dei bambini.
Foto Keystone
Sparatoria in un centro commerciale, ci sono nove morti
Si teme che fra le vittime vi siano anche dei bambini.

WASHINGTON - L'ennesimo episodio di follia delle armi negli Stati Uniti: ieri pomeriggio intorno alle 15.30, durante quello che sembrava un tipico pomeriggio di shopping all'Allen Premium Outlets, uno dei principali mall dello Stato, un uomo in divisa militare ha aperto il fuoco uccidendo nove persone.

A quell'ora nel centro commerciale c'erano migliaia di persone che si aggiravano tra gli oltre cento negozi.

Testimoni hanno raccontato di aver sentito all'improvviso un forte rumore di spari, poi è scoppiato il caos. L'intervento tempestivo della polizia ha permesso di evitare un bilancio ancora più grave.

Le forze dell'ordine hanno dichiarato che il killer, che indossava "abbigliamento militare", è stato ucciso da un agente intervenuto sul posto. Ignoto al momento il motivo della strage. Un testimone ha raccontato che "«l'aggressore indossava un giubbotto e sembrava avesse ricevuto un addestramento. Sapeva quello stava facendo». Un video shock che circola su Twitter mostra l'uomo, vestito di scuro, uscire da una macchina grigia nel parcheggio del centro commerciale e sparare sulla gente. Le immagini sono sfocate e in lontananza ma il rumore degli spari è nitido.

Non è stato il solo fatto di sangue che ha macchiato il weekend: in California, una ragazza diciassettenne è stata uccisa e altri cinque ragazzi - tra i 18 e i 21 anni - sono rimasti feriti in una sparatoria ad una festa a Chico.

Nelle stesse ore una poliziotta che aveva appena finito il suo turno è stata uccisa a Chicago.

Dall'inizio del 2023 ci sono state oltre 150 sparatorie di massa negli Stati Uniti, più dei giorni trascorsi quest'anno, secondo i dati dell'organizzazione noprofit 'Gun Violence Archive'. L'anno scorso ce ne sono state 647, una media di due al giorno. Alcune stragi, tra le mura di casa, non arrivano neanche sui media.

NOTIZIE PIÙ LETTE