Cerca e trova immobili
Auschwitz, prima volta senza i russi

GIORNO DELLA MEMORIAAuschwitz, prima volta senza i russi

27.01.23 - 16:56
Nessuno invito alla cerimonia di commemorazione del 78esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento
keystone-sda.ch / STR (Michal Dyjuk)
Fonte Ats Ans
Auschwitz, prima volta senza i russi
Nessuno invito alla cerimonia di commemorazione del 78esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento

VARSAVIA - «Ancora una volta persone innocenti vengono uccise in massa in Europa. La Russia, incapace di conquistare l'Ucraina, ha deciso di distruggerla. Lo vediamo ogni giorno, anche mentre siamo qui. E quindi è difficile stare qui oggi». Nel 78esimo anniversario della liberazione di Auschwitz-Birkenau da parte dell'Armata Rossa, il direttore del memoriale del lager nazista, Piotr Mateusz Andrzej Cywinski, ha ricordato gli orrori della guerra di ieri e di oggi in una cerimonia alla quale, per la prima volta, non sono stati invitati i rappresentanti russi.

Un gruppo di sopravvissuti, al collo i fazzoletti a righe a ricordare le divise degli internati, hanno ascoltato Cywinsky che non ha usato giri di parole: «I distretti di Wola, Zamojszczyzna, Oradour, Lidice ora portano nomi diversi: Bucha, Irpin, Hostomel, Mariupol e Donetsk. Simile megalomania malata, simile brama di potere. E miti quasi identici dell'eccezionalità, della grandezza, del primato... ma scritti in russo».

Il capo rabbino della Russia, Berel Lazar, ha condannato il fatto che Mosca non sia stata invitata a partecipare alla cerimonia. «Per noi è sicuramente un'umiliazione perché conosciamo e ricordiamo perfettamente il ruolo dell'Armata Rossa nella liberazione di Oswiecim e nella vittoria contro il nazismo», ha affermato Lazar, citato dall'agenzia Tass, riferendosi alla cittadina polacca presso la quale era situato il campo di sterminio.

«Per il nostro popolo - ha aggiunto il rabbino capo - il ruolo della Russia, dell'Unione Sovietica, è stato a quel tempo decisivo. Non c'è posto per questi giochi politici nel Giorno della Memoria».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Nikko 1 anno fa su tio
Leggendo alcuni commenti pro Putin si rimane basiti per l’immensa ignoranza storica dei loro autori. Anni fa Putin aveva già bombardato a tappeto e raso al suolo Grozny, capitale della Cecenia, che rifiutava l’annessione, mettendo il suo portaborse Kadirov come dittatore supremo. Idem in Siria, dove Putin ha sostenuto l’altro suo amico dittatore Basahr El Assad bombardando varie città che si erano ribellate al tiranno. Guarda caso, in queste “operazioni speciali” era sempre attivo il gruppo Wagner, come adesso in Ucraina… e in Africa… Wagner era il compositore preferito da Hitler e dai suoi accoliti nazifascisti delle famigerate SS…

Nikko 1 anno fa su tio
Anche Stalin era un nazifascista! Ha sterminato milioni di russi nei suoi campi-Gulag. Inoltre con il patto di non aggressione Molotov-Ribbentrop mirava alla spartizione con Hitler dei territori esistenti fra Russia e Germania… poi si sa come è andata… due galli in un pollaio non possono andare d’accordo. Per questo alla fine i Russi sono arrivati a Berlino: per annettersi tutti i territori occupati e perfino un pezzo di Germania. Questo è tipico nazifascismo… di Stalin… maestro di Putin che vorrebbe ricreare la vecchia URSS.

Nikko 1 anno fa su tio
Putin sta seguendo le orme dei suoi maestri nazifascisti: Hitler, Mussolini, Stalin, ecc. sì, anche Stalin, nonostante tentasse di nascondersi dietro il paravento del “Comunismo di facciata”. Ricordate chi costruì il muro di Berlino? E la cortina di ferro? E i carri armati a Praga sguinzagliati dai suoi successori?

Nikko 1 anno fa su tio
Sì, Putin avrebbe dovuto esserci! Ma sul banco degli accusati però! Assieme a tutti i suoi tirapiedi e portaborse criminali come lui. Attualmente Putin è il vertice della Cupola Mondiale Nazifascista.

D 1 anno fa su tio
Bravi! Non invitate coloro che sono i più importanti per questa commemorazione, ovvero coloro grazie al quale quella guerra e quella strage è finita!! Ma si, bolliamo i russi come aggressori mentre noi (sciocchi) occidentali facciamo il gioco della Germania del tempo accogliendo e sostenendo gli ucraini Azov nazifascisti!! Ipocrisia più totale!! Vergogna!!!

tulliusdetritus 1 anno fa su tio
Da giorno della memoria a giorno della vergogna. L'anno prossimo cosa faranno? Metteranno la bandiera del battaglione Azov?

Arcadia7494 1 anno fa su tio
Possono piangere quanto vogliono i sostenitori di Putin (che vergogna!), ma tanto dolore e orrore i russi hanno causato e causano in Ucraina , tanta infamia raccolgono nel mondo. Le sanzioni e le esclusioni da mille ambiti sportivi, culturali, ecc..., ora un'esclusione storica e simbolica alla cerimonia per la Shoah, o l'ammissione in questi giorni di Odessa tra le città protette dall'UNESCO, malgrado l'opposizione russa, ci dicono che i russi sono sempre più reietti e paria a livello internazionale. Non è insistendo con la guerra che miglioreranno le cose.

D 1 anno fa su tio
Risposta a Arcadia7494
sparisci

RV50 1 anno fa su tio
Invitare i criminali Germanici questo si .... ma invitare coloro che per primi liberarono questi campi di concentramento questo mai fate semplicemente schifo e lo vogliono chiamare " Il GIORNO DELLA MEMORIA " invitando coloro, i germanici , che furono la causa di questo genocidio mio Dio come siete ipocriti

Maria Concetta 1 anno fa su tio
adesso c'è l'Ucraina nazista a ricordare auschwitz! che vergogna!

Mat78 1 anno fa su tio
Risposta a Maria Concetta
L’Ucraina ha certo un problema di ultra nazionalismo, su cui dovrà lavorare parecchio se davvero vuole entrare nella UE, quelli che però attualmente si comportano in modo più simile ai nazisti non sono gli ucraini. I russi si sono presi le testate nucleari dell’URSS dislocate in Ucraina, impegnandosi a rispettare la sovranità ucraina, hanno firmato un trattato, ma ora sembra ci abbiano ripensato. Poi c’è chi stupisce che la comunità internazionale insorga…

Tiki8855 1 anno fa su tio
Risposta a Mat78
Ma fammi il piacere!

medioman 1 anno fa su tio
Risposta a Mat78
Spero che parli del trattato di Minsk??

@matterhorn 1 anno fa su tio
🙄

medioman 1 anno fa su tio
Rincorrere i nazisti 80 anni fa faceva comodo all’ Europa, adesso la Russia è considerata lo stato terrorista 😡.

Nikko 1 anno fa su tio
Risposta a medioman
Adesso la Russia É STATO TERRORISTA NAZIFASCISTA.
NOTIZIE PIÙ LETTE