Cerca e trova immobili

STATI UNITILe pillole per l'aborto accessibili anche in farmacia

04.01.23 - 14:21
Una misura per contrastare la decisione della Corte Suprema, a maggioranza repubblicana, di togliere il diritto federale all'aborto.
Keystone
Le pillole per l'aborto accessibili anche in farmacia
Una misura per contrastare la decisione della Corte Suprema, a maggioranza repubblicana, di togliere il diritto federale all'aborto.

WASHINGTON - Le pillole abortive saranno acquistabili anche nelle farmacie al dettaglio americane. Oggi la Food and Drug Administration ha modificato una normativa che limita l'accessibilità allo strumento per sospendere la gravidanza. «Il farmaco può essere dispensato da farmacie certificate sotto prescrizione», spiega il sito dell’istituzione.

Pillole in farmacia - Fino a ieri infatti, in tutto il Paese, le due sostanze necessarie, il mifepristone e il misoprostolo, erano accessibili soltanto in poche farmacie specializzate oppure presso specialisti. Il nuovo regolarmente invece consente a qualsiasi negozio di medicinali di ottenere i requisiti necessari alla vendita del prodotto. 

La prescrizione è ancora necessaria per i pazienti che desiderano comprare le pillole. Ora però è possibile ritirare direttamente il prodotto in negozio oppure per corrispondenza.

Un tema bollente - Un nuovo capitolo di un tema molto sentito negli Stati Uniti e che è diventato bollente durante la scorsa estate quando il partito repubblicano, grazie alla maggioranza nella Corte Suprema ha tolto il diritto federale all’aborto. Molti Stati conversatori dopo la discussa e controversa decisione presa a Washington hanno da allora complicato e in certi casi impraticabile l’interruzione di gravidanza.  

Il presidente Joe Biden aveva già annunciato che, per contrastare la decisione della Corte, avrebbe apportato significative modifiche nel regolamento di vendita delle pastiglie per l’aborto. Il farmaco, assumibile entro 10 settimane, è diventato infatti molto popolare a causa delle complicazioni imposte dalla decisione del partito repubblicano. 

«Una buona notizia» - Più della metà degli aborti negli Stati Uniti viene già eseguita con le pillole piuttosto che con la chirurgia, secondo il Guttmacher Institute pro-choice. L’amministrazione Biden ha mantenuto la sua promessa. 

La mossa è stata salutata come «un importante passo avanti» dall'American College of Obstetricians and Gynecologists. «Sebbene l'annuncio della FDA oggi non risolverà i problemi di accesso per ogni persona che cerca cure per l'aborto, consentirà a più pazienti che hanno bisogno di mifepristone per l'aborto farmacologico opzioni aggiuntive per garantire questo farmaco vitale», ha affermato l'organizzazione in una nota riportata dalla Bbc.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Sarà 1 anno fa su tio
Il divieto non ha mai fermato l'aborto, l'ha solo costretto alla clandestinità, con grossi rischi per la donna. Proibire l'aborto fa bene solo alla coscienza dei benpensanti.

Tracy 1 anno fa su tio
Risposta a Sarà
@sara, esattamente

Isy81 1 anno fa su tio
Nessuno pensa ai diritti di questi bebé “ mai nati” … che tristezza.

seo56 1 anno fa su tio
Risposta a Isy81
No comment!! Sarei volgare..

Mattiatr 1 anno fa su tio
Risposta a Isy81
Ci sono ottime possibilità che una donna che abortisce volontariamente non voglia quel bambino. Altrettante sono le possibilità che un neonato in una famiglia dove la madre non l'avrebbe voluto faccia una vita schifosa.

Tracy 1 anno fa su tio
Apparentemente una buona notizia, non è cosi semplice come sembra. Prima proibiscono l’aborto e ora permettono l'accesso alla pillola abortiva ''che pero sarà soggetto ad alcune condizioni. In primo luogo, sarà disponibile solo su prescrizione medica e nelle farmacie situate negli Stati in cui l'aborto è consentito. In secondo luogo, spetterà ai farmacisti - che dovranno certificare di avere le conoscenze e la capacità di curare le donne che chiedono l'aborto - decidere se accettare le prescrizioni. Infine, tutti i pazienti dovranno compilare un modulo di consenso. Quindi cosi le donne, obbligate al consenso non saranno protette, come per il covid. A dimostrazione che Biden ancora una volta da più valore ai profitti dell'industria dell'aborto che alla sicurezza delle donne e alla vita dei bambini non ancora nati. Altro che passi avanti, uno schifo.

seo56 1 anno fa su tio
Risposta a Tracy
Si vede che ha letto l’articolo 😂😂

Emib5 1 anno fa su tio
Risposta a Tracy
Veramente è stata la corte costituzionale, a maggioranza repubblicana, ad annullare il diritto all'aborto. E gli stati governati dai repubblicani ne hanno subito approfittato. Cosa c'entra Biden, e anche il Covid?

Tracy 1 anno fa su tio
Risposta a Emib5
Emib5, vedo che ti piace attaccarti a qualsiasi cosa scrivo. Ti rispondo visto che fai finta di non capire. Il divieto non ferma l'aborto, ma costringe la donna all’aborto clandestino. Centra Biden che non ha mantenuto la sua promessa ma ha semplicemente accettato l’introduzione della pillola abortiva che un altro modo di discriminare le donne. La stessa Corte che ne ha eliminato il diritto costituzionale’’, con l’introduzione della pillola potrà avere degli impatti anche sui alcuni diritti fondamentali legati alla privacy. In questo momento è aumentato il numero di aborti autogestiti, ovvero quelli che avvengono senza la supervisione formale di un operatore sanitario attraverso l’autosomministrazione di farmaci abortivi e le gravidanze terminate con un aborto farmacologico spesso non possono essere distinte dagli aborti spontanei: per questo motivo esiste la possibilità che i procuratori decidano di indagare su qualsiasi donna che sia stata incinta ma non abbia portato a termine la gravidanza, anche in caso di aborti spontanei ed è pericoloso, non tutela a fatto le donne proprio perché la donna alla richiesta del farmaco in farmacia, deve firmare il consenso quindi se ne assume la responsabilità. Anche per il Covid all’inizio avete firmato il consenso, quando firmi il consenso te ne assumi le responsabilità e in caso di problemi non sei protetto . Storie cosi per il Covid le vediamo e lo stesso per l’autosomministrazione di farmaci abortivi. Esempi cosi purtroppo ce ne sono tantissimi https://www.okayplayer.com/news/latice-fisher-mississippi-woman-charged-murder-for-newborn-death.html https://www.tio.ch/svizzera/attualita/1545815/risarcimento-effetti-stata-berna-ufsp

Emib5 1 anno fa su tio
Risposta a Tracy
Tracy Non ti attacco a prescindere, ho solo precisato che la situazione attuale è dovuta esclusivamente ai reazionari repubblicani, in particolare Trump che ha nominato diversi giudici troppo politicizzati. Per il resto sono completamente d'accordo alla libertà di scelta della donna. Speroche Biden riesca a introdurre una legge moderna, per ora questa soluione è quanto di meglio possano avere le donne.

Tracy 1 anno fa su tio
Risposta a Emib5
@Emib5, allora ci siamo capiti. Aspettiamo la nuova legge ma onestamente dubito che Biden la faccia. Ci resta che aspettare🤷‍♂️

Mattiatr 1 anno fa su tio
Risposta a Emib5
@Emib5 il presunto diritto all'aborto si fondava su una sentenza degli anni ''70. In pratica una casa costruita sulla sabbia con fondazioni di cartongesso. Penso che in 50 anni i dem hanno avuto occasioni per chiarire la questione con qualche articolo costituzionale e/o legge, eppure non l'hanno fatto. Mi pare inopportuno accusare Trump solo perché era un p o r c o in giacca e cravatta, questa volta la responsabilità è da tutt'altra parte.

Emib5 1 anno fa su tio
Risposta a Mattiatr
I democratici non hanno da anni una chiara maggiornaza alla camera e al senato. Poi bisogna anche ricordare che pure i democratici non sono così liberali come quelli europei e quindi la difficoltà a proporre una nuova legge.

seo56 1 anno fa su tio
Bene!!!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE