FRANCIACavallo da contrabbando: tonnellate di carne non adatti al consumo umano

06.06.22 - 18:00
Alla sbarra 18 professionisti del settore che per anni avrebbero fornito e venduto bestiame non idoneo in tutta Europa
Deposit
Cavallo da contrabbando: tonnellate di carne non adatti al consumo umano
Alla sbarra 18 professionisti del settore che per anni avrebbero fornito e venduto bestiame non idoneo in tutta Europa

MARSIGLIA - Non adatta al consumo umano. Per anni una gang di 18 professionisti del settore avrebbe contrabbandato carne di cavallo ottenuta illegalmente, abbattendo animali da corsa e da tiro o ancora dei pony. Gli accusati, che compariranno martedì davanti a un tribunale di Marsiglia, rischiano fino a 10 anni di reclusione.

Sono spagnoli, tedeschi, belgi, olandesi e francesi. Stallieri, macellai e veterinari. Per quasi un decennio avrebbero esportato, abbattuto dei cavalli e immesso sul mercato la loro carne, nonostante non fosse adatta al consumo umano. In tribunale, compariranno in 18. Gli inquirenti, che hanno avviato le indagini nel 2013, in un macello francese, hanno identificato in un commerciante belga «il cuore di un vasto traffico internazionale di cavalli». Alla sbarra anche un venditore all'ingrosso del dipartimento francese del Gard.

Il primo campanello d'allarme è suonato quasi dieci anni fa, quando nel 2013, in un macello di Alès la Brigata investigativa nazionale veterinaria e fitosanitaria aveva segnalato alle autorità che i documenti identificativi sanitari che accompagnavano alcuni cavalli sembravano contraffatti. La questione verificata, era stata quindi aperta un'indagine belga su suolo francese per frode e violazione alla regolamentazione europea circa gli animali importati da Paesi Ue.

Ma da dove arrivavano i cavalli? Si trattava perlopiù di animali da tiro o da corsa in pensione, affidati alle cure del 58enne belga che prometteva una stalla ai clienti che vi si affidavano. In particolare, una donna ha raccontato a LeParisien di essere stata contattata dal commerciante dopo aver pubblicato un annuncio in cui chiedeva la disponibilità di un terreno per far trascorrere in pace al suo cavallo di 28 anni gli ultimi suoi anni di vita.

Affidato alle cure dell'uomo, che le aveva anche fatto visitare una stalla, non ha più saputo nulla di Ténor du Pluvinage. «Dopo lunghe ricerche ho appreso che il mio cavallo era stato ucciso anche se gli erano stati somministrati insetticidi, vermifughi e trattamenti antinfiammatori che lo avrebbero reso totalmente inadatto al consumo alimentare» Questo cavallo fa parte dei 150 che gli inquirenti credono siano finiti in questo modo nelle maglie della gang.

In tutto, gli animali contrabbandati potrebbero superare le mille unità. Le 18 persone che compariranno davanti alla corte di Marsiglia sono accusate di frode con legami alla criminalità organizzata e fornitura e messa in commercio di beni di consumo costituenti un pericolo per la salute umana. Tutti rischiano fino a 10 anni di carcere. Otto di loro sono agli arresti dal 2015.

NOTIZIE PIÙ LETTE