Immobili
Veicoli

THAILANDIASequestrato più di un miliardo di pastiglie di meth in Asia nel 2021

02.06.22 - 12:05
Pandemia e instabilità politica: un rapporto delle Nazioni Unite analizza l'attuale situazione del Triangolo d'Oro
Reuters
Sequestrato più di un miliardo di pastiglie di meth in Asia nel 2021
Pandemia e instabilità politica: un rapporto delle Nazioni Unite analizza l'attuale situazione del Triangolo d'Oro

BANGKOK - Il traffico di droghe sintetiche continua ad espandersi nell'est e nel sud-est asiatico, con la produzione e il traffico che hanno raggiunto livelli record nel 2021. È quanto emerge da un rapporto delle Nazioni Unite. 

Lo studio, che ha analizzato la situazione, conferma che nella regione vengono prodotti, trafficati e utilizzati volumi enormi di metanfetamine, ma soprattutto che il traffico di droghe sintetiche continua a diversificarsi. 

Nonostante il 2021 sia stato caratterizzato da nuovi lockdown, la criminalità non ha mai smesso di lavorare, anzi: «Le organizzazioni criminali e i gruppi armati hanno sfruttato la pandemia e l'instabilità politica nel Triangolo d'Oro (zona montuosa tra il Myanmar, Laos e Thailandia) e nelle zone di confine del Myanmar per espandere la produzione nell'ultimo anno. I laboratori di droga trovati nella regione al di fuori del Triangolo sono ormai pochissimi, l'offerta continua ad aumentare e i governi e le agenzie continuano a segnalare la stessa fonte», ha osservato Jeremy Douglas, rappresentante regionale dell'UNODC (Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine) per il Sud-est asiatico e il Pacifico. 

Sequestrato un miliardo di pasticche
Nel 2021 è stata sequestrata una quantità record di metanfetamine - quasi 172 tonnellate - in Asia orientale e sudorientale, per un totale di più di un miliardo di pasticche di metanfetamine. La cifra è sette volte superiore a quella di dieci anni fa, e oltre 35 volte quella di quasi 28 anni fa. Nel 2021, l'offerta di metanfetamina del Triangolo d'Oro si è estesa anche all'Asia meridionale. La droga in confezioni e compresse è stata sequestrata sempre più spesso nel nord-est dell'India, secondo uno schema simile a quello del Bangladesh di qualche anno fa.

Scendono i prezzi, aumenta l'offerta
Il prezzo della metanfetamina in pasticche e in cristalli continua a scendere nel sud-est asiatico. La Malesia e la Thailandia hanno riferito che i prezzi all'ingrosso e di strada sono scesi ai minimi storici nel 2021, mentre l'offerta è aumentata. «Il calo del prezzo della metanfetamina in cristalli è particolarmente preoccupante perché è diventata molto più accessibile e disponibile per coloro che prima non potevano permettersela. Le conseguenze sociali dell'aumento del consumo sono significative e i servizi sanitari e di prevenzione rimangono limitati in tutta la regione», ha osservato Kavinvadee Suppapongtevasakul, analista regionale delle droghe sintetiche dell'UNODC per il Programma globale SMART. 

Tutti gli ingredienti per far crescere il business
Il Laos è diventato un importante punto di smistamento per il traffico verso la Thailandia e altre zone del Mekong e dell'Asia Pacifica, e anche la Malesia è stata ampiamente utilizzata per il transito e il traffico verso Indonesia, Filippine, Giappone, Australia e Nuova Zelanda. «Le dimensioni e la portata del commercio di metanfetamine e droghe sintetiche nell'Asia orientale e sudorientale sono sconcertanti, eppure possono continuare ad espandersi se la regione non cambia approccio e non affronta le cause profonde che hanno permesso di arrivare a questo punto, tra cui la governance nel Triangolo d'Oro e la domanda del mercato. La criminalità organizzata ha tutti gli ingredienti necessari per continuare a far crescere il business, tra cui il territorio per produrre, l'accesso ai prodotti chimici, le rotte e le relazioni consolidate del traffico per spostare il prodotto, e una popolazione massiccia con capacità di spesa a cui rivolgersi» ha aggiunto Douglas.

Non solo meth
Sebbene la metanfetamina sia la principale preoccupazione delle autorità in tutta la regione, sono ampiamente disponibili anche altre droghe sintetiche che possono causare danni significativi ai consumatori di droga, in particolare la ketamina. «Affrontare il problema della metanfetamina è una priorità assoluta per il governo thailandese e per la regione, ma negli ultimi anni sono emerse altre droghe sintetiche e combinazioni di droghe, e l'allerta tempestiva è più importante che mai», ha sottolineato Thanakorn Kaiyanunta, vicesegretario generale dell'Ufficio per il controllo degli stupefacenti.

NOTIZIE PIÙ LETTE