keystone-sda.ch / STF (ANDY RAIN)
Nuovo picco di contagi nel Regno Unito: i numeri più alti dalla fine di gennaio.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
AFGHANISTAN
4 ore
Afghanistan: l'Isis rivendica gli attentati a Jalalabad
Gli attacchi sono avvenuti negli ultimi due giorni, causando morti e feriti
ISRAELE
6 ore
L'effetto della terza dose in Israele
Ecco i risultati di uno studio che analizza i dati del ministero della salute
ISRAELE
6 ore
La zia di Eitan è in Israele: «Vogliamo riportarlo a casa al più presto»
La donna sarà anche un testimone chiave del procedimento aperto a Tel Aviv, in Italia incriminata una terza persona
AFGHANISTAN
7 ore
A Kabul i talebani hanno lasciato a casa le dipendenti statali
Con solo pochissime eccezioni, riceveranno però la paga: «Le loro posizioni ricoperte da uomini»
FOTO
SPAGNA
8 ore
Così nasce un nuovo vulcano
Scosse, fumo e lapilli per il più giovane vulcano di Spagna. Per ora evacuata solo la popolazione a mobilità ridotta
FOTO
FRANCIA
9 ore
Sulla fune, sopra la Senna fino alla Tour Eiffel
L'impresa spettacolare del funambolo Nathan Paulin per 600 metri in equilibrio a 70 metri dal suolo
FOTO
STATI UNITI
10 ore
In California gli incendi inarrestabili ora minacciano anche le sequoie
In fiamme da agosto, le foreste californiane non sono mai state così martoriate: «È una cosa che ti spezza il cuore»
FILIPPINE
10 ore
Manny Pacquiao si è candidato alla presidenza delle Filippine
Il famosissimo pugile, che è già senatore, correrà l'anno prossimo. Duterte, invece, punta alla vicepresidenza
GERMANIA
12 ore
Questa sera l'ultimo dibattito televisivo prima del voto
Che si terrà il prossimo fine settimana, chiuderà l'era Merkel e che la Cdu potrebbe anche perdere
RUSSIA
13 ore
Oggi si conclude il voto in Russia, Navalny: «Non siate pigri»
Si vota per la Duma, praticamente senza opposizione a Putin, e per i candidati dissidenti la strada è tutta in salita
AUSTRALIA
14 ore
90 miliardi in sottomarini, Francia umiliata e Cina sul chi vive: ecco cos'è l'accordo Aukus
Gli ultimi strascichi di una crisi più strategica che economica e di cui di sicuro sentiremo ancora parlare
STATI UNITI
17 ore
Rientrati sulla Terra i primi 4 turisti SpaceX
L'ammaraggio è avvenuto questa notte al largo della Florida
REGNO UNITO
28.06.2021 - 17:410

Nuovo picco di contagi nel Regno Unito

Gli esperti avvisano: la variante Delta potrebbe prendere il sopravvento senza un'accelerazione della campagna vaccinale

AstraZeneca rassicura: la terza dose funziona

LONDRA - Nuovo picco di contagi da Covid nel Regno Unito, alimentati dall'aggressiva variante Delta: lo certificano i dati diffusi oggi dal governo britannico con altri 22.868 casi nelle ultime 24 ore censite (su 1,2 milioni di tamponi), record nel Paese dal 28 gennaio.

Si tratta di un'impennata evidente, anche se l'effetto dei vaccini continua finora a frenarne l'impatto sui ricoveri negli ospedali, stabili attorno a quota 1.500 in tutti i reparti del Regno, e sui morti giornalieri: che calano addirittura a non più di tre, seppure alleggeriti dal consueto ritardo parziale della raccolta delle statistiche relative al weekend.

La Bbc sottolinea come domenica ci sia stato un problema tecnico, che ha causato un ritardo nel trattamento dei dati del contagio in Inghilterra. Il governo aveva affermato che i casi rimasti in sospeso sarebbero stati comunicati nel successivo aggiornamento.

Gli esperti mettono in guardia - Esperti britannici intervistati dal Guardian avvertono che, se non ci sarà un'accelerazione nelle campagne di vaccinazione e se non si continueranno ad adottare cautele, la variante Delta potrebbe prendere il sopravvento. Anche perché riesce a trasmettersi con una rapidità sorprendente, ossia con un contatto della durata di 5-10 secondi, in base a dati provenienti dall'Australia.

In Gran Bretagna, dove la variante Delta è ormai responsabile del 99% dei casi, e risulta essere il 60% più efficiente della variante Alfa nel trasmettersi, potrebbe essere legata a un maggiore rischio di ricovero per chi ha ricevuto una sola dose di vaccino. «È necessaria una copertura vaccinale più alta per proteggere contro una variante più trasmissibile», ha detto al quotidiano il virologo Stephen Griffin, dell'Università Britannica di Leeds. «Dobbiamo davvero, davvero, ridurre i casi e allo stesso tempo lanciare i vaccini», ha aggiunto.

La velocità dei contagi - A preoccupare sono anche le segnalazioni delle autorità sanitarie australiane, che hanno definito i contagi «spaventosamente rapidi», possibili cioè dopo un contatto di 5-10 secondi, sulla base delle riprese fatte dalle telecamere a circuito chiuso in un centro commerciale di Sydney.

Secondo Griffin una delle contromisure più urgenti è utilizzare il vaccino come un muro per arginare le varianti e fare così in modo che il minor numero di persone sia a rischio di contagio. «Il problema - ha detto al quotidiano - è che non abbiamo raggiunto quel livello di protezione; di conseguenza se i casi positivi continuano ad aumentare, sempre più persone saranno a rischio d'infezione». Questo significa che bisogna utilizzare tutte le risorse possibili e che non è possibile ignorare i bambini nelle campagne di vaccinazione. "Se lo facessimo, potremmo finire in un ciclo di varianti".

Perché la Delta si trasmette così facilmente? - Non è ancora chiaro il motivo per cui la variante Delta si trasmetta così facilmente. Catherine Noakes, membro del Comitato scientifico britannico per le emergenze (Sage), intervistata dal quotidiano britannico, ha detto che le cause potrebbero essere almeno tre: che le persone che si contagiano potrebbero avere una carica virale più alta, che perché il virus si trasmetta è sufficiente l'esposizione a una piccola quantità di virus o ancora che è sufficiente un breve tempo di esposizione perché l'infezione avvenga.

AstraZeneca rassicura, la terza dose funziona - L'aggiunta di una terza dose nella somministrazione del vaccino anti-Covid di Oxford-AstraZeneca rafforza l'effetto immunitario dell'antidoto e la sua capacità di neutralizzare sia la variante Alfa del virus (inglese), sia quella Beta (sudafricana), sia soprattutto quella Delta (indiana) che in questa fase preoccupa e dilaga di più nel mondo.

Lo si legge nel comunicato diffuso oggi dalla stessa AstraZeneca in allegato alla presentazione dei risultati di un nuovo studio sperimentale aggiornato condotto dai ricercatori di Oxford.

Il terzo richiamo, inoculato almeno sei mesi dopo la seconda dose, incrementa gli anticorpi fino a sei volte, viene precisato. Mentre «rivela una più elevata neutralizzazione delle varianti Alfa (B.1.1.7), Beta (B.1.351) e Delta (B.1.617.2)». Non solo: sia la seconda, sia la terza dose fanno registrare una minore reazione nei pazienti agli affetti collaterali rispetto alla prima. Reazioni comunque rare in generale e in larga parte «a basso impatto» e «ben tollerate», si sottolinea.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 01:55:29 | 91.208.130.86