Depositphotos (tiko.photographer@gmail.com)
MONDO
04.08.2020 - 23:480
Aggiornamento : 05.08.2020 - 06:29

Covid e smart working: una "coppia" che piace ai cyber criminali

L'Interpol avverte: «Gli attacchi si stanno verificando a un ritmo allarmante».

Durante la pandemia i malintenzionati della rete hanno cambiato il proprio obiettivo. Ora mirano a governi, grandi aziende e infrastrutture sanitarie.

LIONE - La pandemia di coronavirus ha cambiato anche il modo di agire dei malintenzionati che operano attraverso le pieghe della rete, che in questi mesi hanno deviato il tiro delle proprie azioni.

A lanciare l'allarme è l'Interpol, spiegando che la cyber-criminalità è passata dal colpire singoli individui e piccole realtà aziendali al concentrarsi sui governi, le società di grandi dimensioni e le infrastrutture cardine del sistema sanitario.

«I cyber criminali stanno sviluppando e lanciando i propri attacchi a un ritmo allarmante, sfruttando la paura e l'incertezza causate dalla situazione - socialmente ed economicamente - instabile provocata dal Covid-19», ha affermato il segretario generale Jürgen Stock. A essere sfruttate sono in particolare le sempre più numerose falle nella sicurezza dovute all'implementazione dello smart working.

A concorrere vi è poi «la crescente dipendenza dalla dimensione online» da parte della popolazione mondiale - ha aggiunto Stock - che sta creando una serie di «nuove opportunità» per i malintenzionati, pronti a sfruttare le difese non aggiornate.

Minacce e futuro - In cima alla lista delle minacce, stando a quanto indicato nel report, si piazzano le truffe (scam/phishing), seguite dal binomio malware/ransomware, dai i cosiddetti domini pericolosi e dalla disinformazione provocata dalle fake news.

Secondo le previsioni dell'Interpol, un ulteriore incremento di reati informatici «è molto probabile» nel prossimo futuro. Ed è plausibile attendersene un altro (a tema) nel momento in cui sarà finalmente disponibile un vaccino.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 10:39:19 | 91.208.130.86