Archivio Keystone
ITALIA
17.07.2020 - 16:590

Un incendio svela un capannone degli orrori

Gli agenti hanno trovato carcasse, ossa, pelli, reperti di animale e resti umani risalenti all'800

Un docente e il padre accusati di uso illegittimo di cadavere e plurimi delitti contro gli animali

MILANO - Un piccolo incendio in campagna ha fatto scoprire ai carabinieri un «capannone degli orrori» nel Mantovano.

Una volta spento l'incendio i militari hanno notato che erano stati bruciati materiali plastici ma anche alcuni crani probabilmente di cetacei e hanno sentito un odore nauseabondo, proveniente dal vicino capannone agricolo che conteneva freezer, scatole, cassette, barattoli e provette contenenti centinaia di carcasse, ossa, pelli e reperti di animale e quelli che si presume siano ossa umane dell'800.

I carabinieri della Stazione di Borgo Virgilio con la collaborazione del Gruppo Forestali di Mantova e del Nucleo CITES di Bergamo hanno quindi denunciato due persone - un docente del dipartimento di Scienze biologiche di una università italiana e il padre - con l'accusa di uso illegittimo di cadavere, plurimi delitti contro gli animali, domestici e selvatici ed in parte rientranti nella convenzione di Washington, e anche per deposito incontrollato di rifiuti.

Dopo il primo intervento del servizio veterinario dell'ATS Val Padana, vista la situazione e la varietà delle specie presenti, sono stati chiamati i carabinieri forestali ed in particolare del CITES dell'Armai, reparto specializzato che ha fra i suoi compiti quello di contrastare il traffico di specie protette sul territorio nazionale.

Nel corso delle attività di catalogazione sono stati trovati reperti in parte etichettati, surgelati ed in alcuni casi in cattivo stato di conservazione e in stato avanzato di decomposizione. Tra le specie protette sono stati censiti gusci di tartarughe, pelli di lupo, falchi ma anche parti di rettili, balene e giraffe.

Il tutto è stato «collezionato» senza alcuna autorizzazione ed in assenza di qualsivoglia certificazione ed ora le indagini continuano per risalire alla provenienza degli animali. L'area è stata posta sotto sequestro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 anno fa su tio
Siamo alle solite: questo genere di articoli si può commentare mentre altri argomenti no......
centauro 1 anno fa su tio
@miba Totalmente d'accordo, non riesco a capire perché manca la libertà di opinione su ciascun articolo, chi decide quale sì e quale no?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 08:44:14 | 91.208.130.86