Cerca e trova immobili

CRISI CLIMATICAÈ un 2023 dei record dal punto di vista climatico

30.11.23 - 11:50
I dati fino alla fine di ottobre mostrano che l'anno risulta di circa 1,40 gradi al di sopra del periodo di riferimento preindustriale
keystone-sda.ch / STF (Martin Meissner)
Fonte Ats ans
È un 2023 dei record dal punto di vista climatico
I dati fino alla fine di ottobre mostrano che l'anno risulta di circa 1,40 gradi al di sopra del periodo di riferimento preindustriale

BRUXELLES - Il 2023 ha battuto un insieme di record climatici e sarà l'anno più caldo mai registrato, afferma l'ultimo rapporto sullo stato del clima globale pubblicato oggi dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale (Omm, agenzia dell'Onu). «I livelli di gas serra sono a livelli record. Le temperature globali sono record. L'innalzamento del livello del mare è a livelli record. Il ghiaccio marino antartico è ai minimi storici», ha commentato il segretario generale dell'Omm, Petteri Taalas.

Per il 2023, i dati fino alla fine di ottobre mostrano che l'anno risulta di circa 1,40 gradi celsius al di sopra del periodo di riferimento preindustriale 1850-1900: «La differenza tra il 2023, il 2016 e il 2020 - precedentemente classificati come gli anni più caldi - è tale che è molto improbabile che gli ultimi due mesi influenzino la classifica», scrive l'Omm.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, ha esortato i leader mondiali a impegnarsi in un'azione urgente: «Abbiamo la tabella di marcia per limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5° C ed evitare il peggiore caos climatico. Ma abbiamo bisogno che i leader diano il via alla COP28 a una corsa per mantenere in vita il limite di 1,5 gradi stabilendo aspettative chiare per il prossimo ciclo di piani d'azione per il clima».

Il rapporto ancora provvisorio dell'Omm sullo stato del clima osserva che gli ultimi nove anni, dal 2015 al 2023, sono stati i più caldi mai registrati. Inoltre, il riscaldamento dell'evento El Niño, emerso durante la primavera del 2023 nell'emisfero settentrionale e sviluppatosi rapidamente durante l'estate, alimenterà probabilmente ulteriormente il caldo nel 2024 perché El Niño in genere ha il maggiore impatto sulle temperature globali dopo il suo picco.

Il rapporto segnala che i livelli di anidride carbonica sono più alti del 50% rispetto all'era preindustriale e che il tasso di innalzamento del livello del mare dal 2013 al 2022 è più del doppio del tasso del primo decennio registrato da satellite (1993-2002), a causa del continuo riscaldamento degli oceani e dello scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali.

Inoltre, l'estensione massima del ghiaccio marino antartico per il 2023 è stata la più bassa mai registrata, ben un milione di chilometri quadrati (più della dimensione di Francia e Germania messe insieme) in meno rispetto al minimo record precedente e i ghiacciai del Nord America e dell'Europa hanno subito ancora una volta una stagione di scioglimento estremo.

"Queste sono più che semplici statistiche. Rischiamo di perdere la corsa per salvare i nostri ghiacciai e frenare l'innalzamento del livello del mare. Non possiamo tornare al clima del XX secolo, ma dobbiamo agire ora per limitare i rischi di un clima sempre più inospitale in questo e nei prossimi secoli", ha insistito il Segretario generale dell'Omm.

COMMENTI
 

s1 3 mesi fa su tio
dopo i fantastici progetti di abbattimento degli alberi e interramento per catturare la co2 stoccata negli alberi, e i quasi pronti succhiatori meccanici della c02 direttamente dall'aria che poi stoccano la c02 sotto terra o sotto il mare, aspettiamo nuovi mirabolanti progetti per spostare l'asse terrestre o per spostare il sole dove scaldi meno

Dred 3 mesi fa su tio
Risposta a s1
Beh, allo studio ci sono dei progetti per posizionare delle vele solari riflettenti davanti al sole per ridurre la radiazione solare che colpisce la Terra del 2-4 %. Sono ancora difficili da realizzare ma magari in futuro si potranno fare.

s1 3 mesi fa su tio
Risposta a Dred
mi sembra una buona idea, spero che avanzino anche bene i progetti per la creazione di astronavi per lasciare la terra alla ricerca di migliori pasture, ho sentito dire che dietro tutti questi progetti c'è vanna marchi
NOTIZIE PIÙ LETTE