keystone-sda.ch / STF (Alexander Zemlianichenko)
Lunedî scorso, alcuni parlamentari europei avevano chiesto di sospendere (o limitare) la partecipazione ai lavori della delegazione russa.
UNIONE EUROPEA / RUSSIA
28.01.2021 - 14:400

Caso Navalny, il Consiglio europeo chiude la procedura

La delegazione russa potrà partecipare ai lavori dell'assemblea.

Strasburgo ha chiesto a Mosca di liberare Alexey Navalny e i sostenitori dell'oppositore che sono stati arrestati.

STRASBURGO - L'assemblea del Consiglio d'Europa ha stabilito che la delegazione russa può partecipare a pieno titolo ai suoi lavori, ma chiede tra l'altro che Mosca liberi l'oppositore Alexey Navalny e i suoi sostenitori.

Questo chiude la procedura con cui una parte dei parlamentari aveva chiesto lunedì scorso di sospendere o limitare la partecipazione della delegazione russa a causa delle gravi violazioni commesse dal Paese.

La decisione di accettare la delegazione russa è passata con 107 voti a favore, 36 contro e 24 astensioni, ed è accompagnata da precisazioni e richieste.

Strasburgo dice che «l'accettazione della delegazione russa non costituisce in alcun modo un riconoscimento, anche implicito, dell'annessione della Crimea» e che si augura che la sua «offerta di un dialogo significativo sarà colta da Mosca in modo da condurre a risultati concreti» sulle questioni sollevate.

Oltre a richiedere la liberazione di Navalny e dei suoi sostenitori, l'assemblea chiede a Mosca di dare seguito a tutte le raccomandazioni rivoltegli dal 2016, di non commettere altre violazioni, in particolare del diritto alla libertà d'espressione, e di manifestare.

Inoltre la Russia deve astenersi dall'introdurre altre leggi che restringano ulteriormente le attività della società civile, giornalisti e oppositori politici ed emendare quelle già in vigore. Infine l'assemblea domanda di rimuovere dalla lista di organizzazioni non governative indesiderate la scuola per studi politici del Consiglio d'Europa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 10:05:51 | 91.208.130.89