Deposit
ITALIA
17.11.2020 - 13:230
Aggiornamento : 14:11

Invita i dipendenti a venire al lavoro nonostante la positività al coronavirus

L'uomo, che ha mostrato un falso reperto medico per confermare la propria negatività, è ora nei guai

Uno dei dipendenti è in seguito risultato contagiato.

ROMA - Ha usato un referto manomesso per convincere i suoi dipendenti che era negativo al Covid e farli tornare a lavoro. Per questo un imprenditore 50enne è stato denunciato a Roma dalla polizia italiana. Dopo gli accertamenti è risultato contagiato uno dei lavoratori.

La positività al Covid di uno dei due titolari e di un dipendente di un'azienda in provincia di Roma aveva gettato nel panico gli altri tre lavoratori i quali, così come il socio del malato, si erano sottoposti subito al previsto tampone.

I dipendenti, risultati tutti negativi, hanno chiesto al titolare di conoscere anche l'esito del suo test: lo stesso, dopo qualche reticenza, ha inviato loro, tramite whatsapp, la foto di un referto che lo dichiarava negativo. Visto ciò l'azienda, che opera nel settore commerciale, fin dall'inizio del mese ha ripreso a funzionare regolarmente e i dipendenti hanno continuato a lavorare a stretto contatto con il titolare.

Gli investigatori del Distretto Aurelio, diretto da Alessandro Gullo, hanno però deciso di approfondire la questione: i poliziotti hanno acquisito presso una vicina struttura sanitaria il vero risultato del tampone, ossia quello con la positività al Covid-19, ed il relativo consenso informato debitamente sottoscritto dal cinquantenne che, tra le altre cose, lo obbligava all'isolamento domiciliare.

Tale documento era identico, salvo nella parte manomessa, a quello inviato nel gruppo whatsapp per far tornare i dipendenti a lavoro. Il titolare è stato denunciato in stato di libertà all'Autorità Giudiziaria. I dipendenti hanno ripetuto il tampone ed uno dei tre è ora positivo al Covid-19.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 00:06:01 | 91.208.130.86