DEPOSITPHOTOS
Amnesty International: Twitter non protegge abbastanza le donne dalle aggressioni online.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
AUSTRALIA
23 min
Sgominata maxi rete di pedofili: 44 uomini coinvolti
Condividevano materiale di abusi a minori tra i più estremi e violenti. Soccorsi 16 bambini
STATI UNITI
2 ore
Scontro in TV, vince Joe Biden
Lo rivela il sondaggio della Cnn al termine dello contro elettorale in tv tra Trump e Biden
ITALIA
2 ore
L’ombra del lockdown alle 21, e Milano a rischio a “zona rossa”
Se entro sette giorni non calano i contagi si potrebbe uscire solo per andare a scuola o al lavoro
CINA
2 ore
«Non permetteremo a nessuno di invadere la nostra sacra madre patria»
Mentre Trump sfidava Biden, dall'altra parte del mondo Xi Jinping esprimeva il suo patriottismo
CINA
2 ore
Huawei: risultati in calo, ma come previsto
La rete di fornitura globale è sottoposta a forti pressioni a causa della pandemia
Attualità
3 ore
Lotta al Covid, il Remdesivir è il primo farmaco ufficiale
Approvato nella notte l'antivirale Remdesivir della Gilead.Sarà utilizzato per i pazienti ricoverati
STATI UNITI
4 ore
Trump-Biden: l'ultimo dibattito è andato in scena
Il presidente: «Ho fatto per i neri più di qualsiasi altro presidente». Il democratico regge l'accusa di corruzione
ITALIA
4 ore
Mancata zona rossa in Val Seriana: ci sono i primi indagati
Acquisito il contenuto del telefono dell'assessore al Welfare lombardo Gallera
STATI UNITI
14 ore
Trump voterà sabato (e in Florida)
West Palm Beach è dove si trova la residenza di Mar-a-Lago, di proprietà del presidente
MONDO
14 ore
Il "motore" della pandemia? Un mosaico di fattori
I ricercatori sottolineano come la gran parte dei contagi avvenga in casa
STATI UNITI
15 ore
Caso George Floyd, confermate le accuse di omicidio volontario per l'ex agente
Il giudice ha lasciato cadere solo l'accusa di omicidio di terzo grado
UNIONE EUROPEA
15 ore
Il Premio Sakharov all'opposizione bielorussa
Lanciato un messaggio forte dal Parlamento europeo, che condanna così l'autoritarismo di Lukashenko
STATI UNITI
17 ore
Wall Street ha investito meno per la rielezione di Trump
A scaricare l'inquilino della Casa Bianca sono molti investitori degli ambienti conservatori
ITALIA
17 ore
Contagi ancora in aumento: oggi 16'079 casi, 136 morti
La Lombardia resta, per il decimo giorno consecutivo, la regione più colpita
FRANCIA
17 ore
Il coprifuoco ora tocca 46 milioni di persone
Nuovo record di contagi: sono più di 41mila in 24 ore
BRASILE
17 ore
Il volontario deceduto del vaccino Oxford-Astrazeneca aveva il Covid-19
All'uomo, un medico di 28 anni, era stato somministrato il placebo
POLONIA
18 ore
L'aborto a causa di malattie e malformazioni «è incostituzionale»
La decisione odierna, che arriva tre anni dopo un ricorso, renderà le interruzioni di gravidanza quasi impossibili
FRANCIA
18 ore
Donna minaccia di farsi esplodere, isolata la stazione di Lione
Sul posto sono giunte le teste di cuoio antiterrorismo e gli artificieri
MONDO
22.09.2020 - 00:010

Amnesty International accusa Twitter: non fa abbastanza per proteggere le donne dalle aggressioni online

Il social ha fatto qualche progresso ma ha implementato solo una delle dieci raccomandazioni dell'organizzazione

LONDRA / LUGANO - «A dispetto delle ripetute promesse, Twitter non fa ancora abbastanza per proteggere le donne dalla violenza e dagli insulti online». È Amnesty International a denunciarlo, sulla base di nuove analisi effettuate sul social network.

Si tratta della Twitter Scorecard, che valuta l'implementazione di una serie di misure raccomandate per affrontare il problema delle offese verbali contro le donne sulla piattaforma. La Scorecard esiste da quando, nel 2018, Amnesty ha evidenziato per la prima volta la portata del fenomeno nel proprio rapporto Toxic Twitter. «Nonostante alcuni progressi, Twitter deve fare molto di più per affrontare il problema. L'azienda ha pienamente implementato solo una delle dieci raccomandazioni concrete, con progressi limitati nell'incrementare la trasparenza sulla gestione delle segnalazioni delle ingiurie».

«Twitter non sta ancora facendo abbastanza» - Rasha Abdul Rahim, co-direttrice di Amnesty Tech, ha dichiarato: «Twitter non sta ancora facendo abbastanza per affrontare il diluvio d'insulti che le donne si trovano ad affrontare sulla piattaforma. La nostra analisi mostra che, nonostante alcuni progressi, Twitter non fa abbastanza per proteggere le utenti donne, portando molte di loro a tacere o a censurarsi sulla piattaforma. Abbiamo delineato dei passi chiari e diretti che Twitter può mettere in atto per rendere la sua piattaforma un luogo più sicuro per le donne. Twitter può e deve fare di più per proteggere le donne dalle aggressioni verbali».

Compromesso il diritto di espressione - Amnesty International rileva che gli insulti continui che le donne subiscono sulla piattaforma ne compromettono il diritto di esprimersi in modo equo, libero e senza paura. Sulla piattaforma le donne provenienti da minoranze etniche o religiose, caste emarginate, donne lesbiche, bisessuali o transessuali - così come gli individui non binari - e le donne disabili sono colpite in modo sproporzionato dalle aggressioni verbali.

L'autrice e attivista indiana Meena Kandasamy ha dichiarato: «Essere una donna tamil, di casta mista, che si esprime contro il sistema di caste discriminatorie dell'India, si è dimostrata una miscela esplosiva su Twitter.  Ricevo un fiume d'insulti razzisti e misogini, incluse minacce di stupro. Twitter sembra sempre giocare a rimpiattino ed è troppo lento nell’affrontare i diversi tipi d'ingiurie con cui le donne sono confrontate. Twitter è un luogo potente dove esprimerci, ma l'azienda deve fare di più per ripulire la piattaforma e renderla un luogo sicuro per le donne».

Le raccomandazioni e la Scorecard - Amnesty International ha fornito a Twitter raccomandazioni concrete su come meglio adempiere alle sue responsabilità in materia di diritti umani, evidenziandone dieci che l’organizzazione ritiene fondamentali per aiutare ad affrontare la questione degli attacchi contro le donne. La Twitter Scorecard utilizza un sistema a semaforo per valutare i progressi dell'azienda nell'attuazione delle raccomandazioni, che riguardano la trasparenza, i meccanismi di segnalazione e il miglioramento della privacy e della sicurezza. Il rosso significa che la raccomandazione non è stata implementata, l'ambra indica i lavori in corso e il verde significa che la raccomandazione è stata pienamente implementata.

Allo stato attuale, «causa della mancanza di dati significativi forniti da Twitter», è difficile anche solo valutare la portata del problema, osserva l'organizzazione con sede a Londra. «Per esempio, Twitter non fornisce ancora una ripartizione dettagliata a livello nazionale delle segnalazioni d'ingiurie da parte degli utenti, né fornisce dati sul numero di utenti che segnalano specifici tipi di linguaggio abusivo, come ad esempio attacchi legati al genere o alla razza. Twitter è anche reticente nel divulgare informazioni dettagliate sul numero di moderatori di contenuti che impiega, compreso il tipo di copertura fornita nei diversi paesi e nelle diverse lingue».

Maggiore trasparenza - Amnesty International chiede che il social media sia più trasparente riguardo il modo in cui progetta e implementa processi automatizzati per identificare le ingiurie contro le donne. Anche se Twitter ha divulgato dettagli su come utilizza gli algoritmi per combattere la disinformazione durante la pandemia di COVID-19, deve ancora fornire lo stesso livello di trasparenza su come gli algoritmi sono impiegati per affrontare il problema dei tweet violenti.

Progressi in alcuni settori - L'analisi non è completamente negativa: Twitter ha fatto notevoli progressi in alcuni settori, tra cui il miglioramento del processo di ricorso, e offre agli utenti maggiori indicazioni su come funziona il processo e su come vengono prese le decisioni. L'azienda è stata inoltre premiata per gli sforzi volti ad aumentare la consapevolezza degli utenti sulle caratteristiche di privacy e sicurezza e nell'educare degli utenti sui danni causati dagli abusi.

La responsabilità del social - L'organizzazione afferma che il social media ha la responsabilità di rispettare i diritti umani, compreso il diritto di vivere liberi da discriminazioni e violenza e la libertà di espressione e di opinione. «Sta a Twitter mettere in atto cambiamenti che farebbero una reale differenza per l'esperienza di milioni di donne sulla piattaforma», ha detto Michael Kleinman, Direttore della Silicon Valley Initiative di Amnesty International. «Il CEO di Twitter Jack Dorsey deve far coincidere le parole con i fatti per dimostrare che è sinceramente impegnato a rendere Twitter un luogo più sicuro per le donne. Continueremo a fare pressione sull'azienda fino a quando non vedremo altri cambiamenti che dimostrino veramente le offese nei confronti delle donne non sono i benvenuti sulla piattaforma».  

La risposta di Twitter - In risposta all'analisi, Twitter ha riconosciuto di dover fare di più. «Tuttavia, l'azienda ha detto che la sua combinazione di moderazione umana e l'uso della tecnologia, le permette di prendere una risposta più proattiva alle ingiurie online.  Sulla pubblicazione di dati disaggregati per paese o regione, Twitter ha sostenuto che questo potrebbe essere aperto a interpretazioni errate e dare un'impressione fuorviante del problema».

Sebbene Amnesty International riconosca che il contesto è importante, non c'è nulla che impedisca a Twitter di fornire un contesto accanto ai dati «e le responsabilità dell'azienda in materia di diritti umani implicano il dovere di essere trasparente nel modo in cui tratta le segnalazioni di violenza e offese».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-23 11:16:29 | 91.208.130.86