DEPOSITPHOTOS
Amnesty International: Twitter non protegge abbastanza le donne dalle aggressioni online.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
7 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
MONDO
7 ore
«La pandemia è lungi dall'essere finita»
Le considerazioni emerse durante l'incontro del comitato d'emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità
REGNO UNITO
8 ore
Niente CoP26 per la Regina Elisabetta
Sua Maestà invierà però un messaggio registrato in video ai delegati in assemblea
Stati Uniti
10 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
13 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
FOTO
GERMANIA
14 ore
Il Bundestag ha una nuova presidentessa
Si tratta della socialdemocratica Bärbel Bas
ITALIA
15 ore
Si cerca una mamma in fuga che potrebbe aver ucciso le due figlie
Le piccole sono state trovate prive di vita in una casa famiglia, la dinamica non è ancora chiara
STATI UNITI
15 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
ITALIA
17 ore
Attacco hacker alla San Carlo
L'azione è già stata rivendicata, l'azienda non ha intenzione di pagare
SUDAN
17 ore
«Tornare al passato non è un'opzione», 10 morti nelle proteste
I manifestanti contro il golpe sono nuovamente scesi in strada, tra scontri e barricate
CINA
18 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
19 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
FOTO
GIAPPONE
20 ore
La principessa Mako si è sposata
Per l'unione con il non nobile Kei Komuro, molto criticata, rinuncia al suo status e si trasferirà a New York
ITALIA
21 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
STATI UNITI
22 ore
Quella pistola era stata usata poco prima, con munizioni vere
Emergono altri dettagli riguardanti la tragedia sul set del film “Rust”
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
SVEZIA
1 gior
Tornano dallo spazio, ma manca un pezzo
Uno studio su cinque astronauti russi mostra i danni alle cellule del cervello provocate dai viaggi spaziali
ARABIA SAUDITA
1 gior
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
MONDO
22.09.2020 - 00:010

Amnesty International accusa Twitter: non fa abbastanza per proteggere le donne dalle aggressioni online

Il social ha fatto qualche progresso ma ha implementato solo una delle dieci raccomandazioni dell'organizzazione

LONDRA / LUGANO - «A dispetto delle ripetute promesse, Twitter non fa ancora abbastanza per proteggere le donne dalla violenza e dagli insulti online». È Amnesty International a denunciarlo, sulla base di nuove analisi effettuate sul social network.

Si tratta della Twitter Scorecard, che valuta l'implementazione di una serie di misure raccomandate per affrontare il problema delle offese verbali contro le donne sulla piattaforma. La Scorecard esiste da quando, nel 2018, Amnesty ha evidenziato per la prima volta la portata del fenomeno nel proprio rapporto Toxic Twitter. «Nonostante alcuni progressi, Twitter deve fare molto di più per affrontare il problema. L'azienda ha pienamente implementato solo una delle dieci raccomandazioni concrete, con progressi limitati nell'incrementare la trasparenza sulla gestione delle segnalazioni delle ingiurie».

«Twitter non sta ancora facendo abbastanza» - Rasha Abdul Rahim, co-direttrice di Amnesty Tech, ha dichiarato: «Twitter non sta ancora facendo abbastanza per affrontare il diluvio d'insulti che le donne si trovano ad affrontare sulla piattaforma. La nostra analisi mostra che, nonostante alcuni progressi, Twitter non fa abbastanza per proteggere le utenti donne, portando molte di loro a tacere o a censurarsi sulla piattaforma. Abbiamo delineato dei passi chiari e diretti che Twitter può mettere in atto per rendere la sua piattaforma un luogo più sicuro per le donne. Twitter può e deve fare di più per proteggere le donne dalle aggressioni verbali».

Compromesso il diritto di espressione - Amnesty International rileva che gli insulti continui che le donne subiscono sulla piattaforma ne compromettono il diritto di esprimersi in modo equo, libero e senza paura. Sulla piattaforma le donne provenienti da minoranze etniche o religiose, caste emarginate, donne lesbiche, bisessuali o transessuali - così come gli individui non binari - e le donne disabili sono colpite in modo sproporzionato dalle aggressioni verbali.

L'autrice e attivista indiana Meena Kandasamy ha dichiarato: «Essere una donna tamil, di casta mista, che si esprime contro il sistema di caste discriminatorie dell'India, si è dimostrata una miscela esplosiva su Twitter.  Ricevo un fiume d'insulti razzisti e misogini, incluse minacce di stupro. Twitter sembra sempre giocare a rimpiattino ed è troppo lento nell’affrontare i diversi tipi d'ingiurie con cui le donne sono confrontate. Twitter è un luogo potente dove esprimerci, ma l'azienda deve fare di più per ripulire la piattaforma e renderla un luogo sicuro per le donne».

Le raccomandazioni e la Scorecard - Amnesty International ha fornito a Twitter raccomandazioni concrete su come meglio adempiere alle sue responsabilità in materia di diritti umani, evidenziandone dieci che l’organizzazione ritiene fondamentali per aiutare ad affrontare la questione degli attacchi contro le donne. La Twitter Scorecard utilizza un sistema a semaforo per valutare i progressi dell'azienda nell'attuazione delle raccomandazioni, che riguardano la trasparenza, i meccanismi di segnalazione e il miglioramento della privacy e della sicurezza. Il rosso significa che la raccomandazione non è stata implementata, l'ambra indica i lavori in corso e il verde significa che la raccomandazione è stata pienamente implementata.

Allo stato attuale, «causa della mancanza di dati significativi forniti da Twitter», è difficile anche solo valutare la portata del problema, osserva l'organizzazione con sede a Londra. «Per esempio, Twitter non fornisce ancora una ripartizione dettagliata a livello nazionale delle segnalazioni d'ingiurie da parte degli utenti, né fornisce dati sul numero di utenti che segnalano specifici tipi di linguaggio abusivo, come ad esempio attacchi legati al genere o alla razza. Twitter è anche reticente nel divulgare informazioni dettagliate sul numero di moderatori di contenuti che impiega, compreso il tipo di copertura fornita nei diversi paesi e nelle diverse lingue».

Maggiore trasparenza - Amnesty International chiede che il social media sia più trasparente riguardo il modo in cui progetta e implementa processi automatizzati per identificare le ingiurie contro le donne. Anche se Twitter ha divulgato dettagli su come utilizza gli algoritmi per combattere la disinformazione durante la pandemia di COVID-19, deve ancora fornire lo stesso livello di trasparenza su come gli algoritmi sono impiegati per affrontare il problema dei tweet violenti.

Progressi in alcuni settori - L'analisi non è completamente negativa: Twitter ha fatto notevoli progressi in alcuni settori, tra cui il miglioramento del processo di ricorso, e offre agli utenti maggiori indicazioni su come funziona il processo e su come vengono prese le decisioni. L'azienda è stata inoltre premiata per gli sforzi volti ad aumentare la consapevolezza degli utenti sulle caratteristiche di privacy e sicurezza e nell'educare degli utenti sui danni causati dagli abusi.

La responsabilità del social - L'organizzazione afferma che il social media ha la responsabilità di rispettare i diritti umani, compreso il diritto di vivere liberi da discriminazioni e violenza e la libertà di espressione e di opinione. «Sta a Twitter mettere in atto cambiamenti che farebbero una reale differenza per l'esperienza di milioni di donne sulla piattaforma», ha detto Michael Kleinman, Direttore della Silicon Valley Initiative di Amnesty International. «Il CEO di Twitter Jack Dorsey deve far coincidere le parole con i fatti per dimostrare che è sinceramente impegnato a rendere Twitter un luogo più sicuro per le donne. Continueremo a fare pressione sull'azienda fino a quando non vedremo altri cambiamenti che dimostrino veramente le offese nei confronti delle donne non sono i benvenuti sulla piattaforma».  

La risposta di Twitter - In risposta all'analisi, Twitter ha riconosciuto di dover fare di più. «Tuttavia, l'azienda ha detto che la sua combinazione di moderazione umana e l'uso della tecnologia, le permette di prendere una risposta più proattiva alle ingiurie online.  Sulla pubblicazione di dati disaggregati per paese o regione, Twitter ha sostenuto che questo potrebbe essere aperto a interpretazioni errate e dare un'impressione fuorviante del problema».

Sebbene Amnesty International riconosca che il contesto è importante, non c'è nulla che impedisca a Twitter di fornire un contesto accanto ai dati «e le responsabilità dell'azienda in materia di diritti umani implicano il dovere di essere trasparente nel modo in cui tratta le segnalazioni di violenza e offese».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 05:23:20 | 91.208.130.85