keystone-sda.ch (VATICAN MEDIA HANDOUT)
Il Papa ha pregato affinché mafiosi, usurai e sfruttatori si convertano.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
Messico
14 ore
Esplodono due laboratori pirotecnici, 4 morti e 20 feriti
Gli incidenti si sono verificati in meno di 24 ore, il primo a Juan C. Bonilla e il secondo a General Felipe Angeles
RUSSIA/STATI UNITI
14 ore
Summit a due fra Biden e Putin, si parlerà di Ucraina
I due leader si stanno incontrando in videocall in un momento di tensione internazionale estrema
Italia
14 ore
Uccide un anziano con accetta e motosega, arrestato
Il killer ha cercato di dare fuoco all'appartamento della vittima, senza successo. Oggi è stato arrestato
GERMANIA
16 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
18 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
GERMANIA
18 ore
«Siamo alla partenza, dovremo affrontare subito un compito difficile»
Il programma c'è, la firma anche. Da domani, il nuovo Governo tedesco di coalizione si metterà al lavoro
STATI UNITI
19 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
SPAGNA
21 ore
68 operatori sanitari contagiati... a una cena di Natale
È stato rilevato un focolaio in seguito ad una cena aziendale dei colleghi dell'Ospedale universitario di Malaga
LE IMMAGINI
INDONESIA
22 ore
Eruzione del vulcano Semeru, i morti sono almeno 34
Peggiora il bilancio delle vittime, mentre sono 17 le persone che risultano ancora disperse
LE FOTO
FRANCIA
22 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
CINA
23 ore
«Che veniate o no, i Giochi ci saranno e saranno un successo»
Gli Stati Uniti hanno annunciato ieri un «boicottaggio diplomatico» dei Giochi Olimpici di Pechino, del 2022
MONDO
1 gior
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
STATI UNITI
1 gior
Harvard aggiunge la casta tra le categorie protette
Molti gli studenti di origine indiana che hanno dichiarato di aver subito discriminazioni all'interno dell'ateneo
GERMANIA
1 gior
Il nuovo governo di Scholz non si dimentica le donne
Presentato oggi il nuovo esecutivo dell'alleanza “semaforo” ha 8 ministre e 8 ministri
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
ITALIA
1 gior
Minacce dai "No vax", il Governatore Fedriga è sotto scorta
Il Presidente della Conferenza delle Regioni Italiane: «Spero la situazione si risolva presto»
VATICANO
08.04.2020 - 08:510
Aggiornamento : 13:34

Papa Francesco invita a superare «la cultura dello scarto»

Il pontefice prega affinché mafiosi, usurai e sfruttatori si convertano

CITTÀ DEL VATICANO - «Alcuni governi hanno preso misure esemplari, con priorità ben definite, per difendere la popolazione. Ma ci stiamo rendendo conto che tutto il nostro pensiero, ci piaccia o non ci piaccia, è strutturato attorno all'economia. Si direbbe che nel mondo finanziario sacrificare sia normale. Una politica della cultura dello scarto. Da cima a fondo». Lo dice papa Francesco in un'intervista allo scrittore e giornalista britannico Austen Ivereigh sulla crisi mondiale provocata dalla pandemia, la cui traduzione italiana è pubblicata da Civiltà Cattolica.

«Penso per esempio alla selettività prenatale - spiega il Pontefice -. Oggi è molto difficile incontrare per strada persone con la sindrome di Down. Quando la si vede nelle ecografie, li rispediscono al mittente. Una cultura dell'eutanasia, legale od occulta, in cui all'anziano le medicine si danno fino a un certo punto».

«Penso all'enciclica di papa Paolo VI, la Humanae vitae - continua nell'intervista -. La grande problematica su cui all'epoca si concentravano i pastoralisti era la pillola. E non si resero conto della forza profetica di quell'enciclica, anticipatoria del neomalthusianismo che stava preparandosi in tutto il mondo. È un avvertimento di Paolo VI riguardo all'ondata di neomalthusianismo che oggi vediamo nella selezione delle persone secondo la possibilità di produrre, di essere utili: la cultura dello scarto».

«I senzatetto restano senzatetto - aggiunge Francesco -. Giorni fa ho visto una fotografia, di Las Vegas, in cui erano stati messi in quarantena in un parcheggio. E gli alberghi erano vuoti. Ma un senzatetto non può andare in un albergo. Qui la si vede all'opera, la teoria dello scarto».

Discorsi populisti di oggi e Hitler nel 1933 - «Oggi, in Europa, quando si cominciano a sentire discorsi populisti o decisioni politiche di tipo selettivo non è difficile ricordare i discorsi di Hitler nel 1933, più o meno gli stessi che qualche politico fa oggi».

«Dice un proverbio spagnolo: "Dio perdona sempre, noi qualche volta, la natura mai" - risponde il Pontefice alla domanda se nell'attuale crisi si possa scorgere una prospettiva di conversione ecologica -. Non abbiamo dato ascolto alle catastrofi parziali. Chi è che oggi parla degli incendi in Australia? E del fatto che un anno e mezzo fa una nave ha attraversato il Polo Nord, divenuto navigabile perché il ghiaccio si era sciolto? Chi parla delle inondazioni? Non so se sia la vendetta della natura, ma di certo è la sua risposta».

«Abbiamo una memoria selettiva - osserva -. Vorrei insistere su questo. Mi ha impressionato la celebrazione del settantesimo anniversario dello sbarco in Normandia. C'erano personaggi di punta della politica e della cultura internazionale. E festeggiavano. Certo, è vero che fu l'inizio della fine della dittatura, ma nessuno si ricordava dei 10'000 ragazzi caduti su quella spiaggia».

«Quando sono stato a Redipuglia, nel centenario della fine della Prima guerra mondiale, si vedeva un bel monumento e nomi sulla pietra, e nient'altro - ricorda Francesco -. Ho pianto pensando a Benedetto XV (alla 'inutile strage'), come pure ad Anzio, nel giorno dei defunti, pensando a tutti i soldati nordamericani sepolti là. Ognuno aveva una famiglia, al posto di ciascuno di loro potevo esserci io».

«Mi viene ancora in mente un verso di Virgilio: Meminisce iuvabit - aggiunge -. Farà bene recuperare la memoria, perché la memoria ci aiuterà. Oggi è tempo di recuperare la memoria. Non è la prima pestilenza dell'umanità. Le altre sono ormai ridotte ad aneddoti».
 
«Dio converta mafiosi e chi sfrutta i poveri» - «Preghiamo oggi per la gente che in questo tempo di pandemia fa commercio con i bisognosi: approfittano della necessità degli altri e li vendono, i mafiosi, gli usurai e tanti altri. Che il Signore tocchi il loro cuore e li converta». Lo ha detto papa Francesco all'inizio della messa del mattino a Casa Santa Marta.

«Mercoledì santo - ha detto il Papa nell'omelia, commentando le letture - è chiamato anche 'mercoledì del tradimento', il giorno nel quale si sottolinea nella Chiesa il tradimento di Giuda». «Giuda vende il maestro - ha proseguito -. Quando noi pensiamo al fatto di vendere gente, viene alla mente il commercio fatto con gli schiavi dall'Africa per portarli in America, ma è cosa vecchia... Poi il commercio per esempio delle ragazze yazide vendute a Daesh, ma è cosa lontana... Anche oggi si vende gente, tutti i giorni», ha avvertito il Pontefice. «Ci sono dei Giuda che vendono i fratelli, le sorelle, sfruttandoli nel lavoro, non pagando il giusto, non riconoscendo i doveri - ha spiegato -. Anzi, vendono tante volte le cose più care. Io penso che per essere più comodo un uomo è capace di allontanare i genitori, e non vederli più, metterli al sicuro in una casa di riposo, e non andare a trovarli. Vende. C'è un detto molto comune, parlando di gente così, dice che questo è capace di vendere la madre. E la vendono, per essere tranquilli».

«Oggi il commercio umano è come i primi tempi, si fa - ha affermato Francesco -. E questo perché? Perché Gesù lo ha detto, lui ha dato al denaro una 'signoria', Gesù ha detto 'non si può servire Dio e il denaro', due signori. E ognuno di noi deve scegliere: o servi Dio, sei libero, nell'adorazione e nel servizio, o servi il denaro, e sarai schiavo del denaro. Questa è l'opzione». «Tanta gente vuol servire Dio e il denaro, e questo non si può fare - ha continuato -. Alla fine fanno finta di servire Dio per servire il denaro. Sono gli sfruttatori nascosti, sono socialmente impeccabili, ma sotto il tavolo fanno il commercio anche con la gente, non importa».

Secondo il Pontefice, «lo sfruttamento umano è vendere il prossimo. Giuda se ne è andato ma ha lasciato dei discepoli, che non sono discepoli suoi ma del diavolo». Parlando di Giuda, il Papa ha detto che «l'amore al denaro lo aveva portato fuori delle regole, a rubare. E da rubare a tradire c'è un passo, piccolino. Chi ama troppo i soldi tradisce per averne di più, sempre, è una regola, è un dato di fatto». «Il diavolo entrò in Giuda - ha osservato -. È stato il diavolo a condurlo a questo punto. E come finì la storia? Il diavolo è un cattivo pagatore, non è un pagatore affidabile. Ti promette tutto, ti fa veder tutto e alla fine ti lascia solo nella tua disperazione, per impiccarti».

«Pensiamo a tanti Giuda istituzionalizzati in questo mondo, che sfruttano la gente - ha concluso Francesco -. E pensiamo anche al piccolo Giuda che ognuno di noi ha dentro di sé, e allora deve scegliere fra lealtà o interesse. Ognuno di noi ha la capacità di tradire, di vendere, di scegliere per il proprio interesse, ognuno di noi ha la possibilità di lasciarsi attirare per l'amore dei soldi, o dei beni, o del benessere futuro. Giuda dove sei? Ma la domanda la faccio a ognuno di noi. Tu Giuda, il piccolo Giuda che ho dentro, dove sei?».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 06:56:38 | 91.208.130.85