Keystone
Una manifestazione in suo supporto
MAROCCO
16.10.2019 - 19:320

Il re grazia la giornalista condannata per aborto

Il caso aveva sollevato una reazione a catena nella società civile: manifestazioni, raccolte di firme e lettere di autoaccusa

RABAT - Con un comunicato del Ministero della Giustizia, il re Mohammed VI del Marocco annuncia di aver concesso la grazia alla giornalista Hajar Raissouni. La donna, redattrice del quotidiano Akhbar al Yaoum, era stata condannata a un anno per aborto e convivenza, come prevede il codice penale.

Il caso ha sollevato una reazione a catena nella società civile: manifestazioni davanti al Parlamento, raccolte di firme, persino lettere di autoaccusa di personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo.

Il malcontento popolare contro la vicenda della giornalista che ha 28 anni, ha con ogni probabilità influito sulla decisione del sovrano, arrivata nel pomeriggio. Il comunicato ufficiale parla di perdono concesso per favorire la nascita di una nuova famiglia, secondo la legge, nonostante l'errore commesso.

Il provvedimento di clemenza è esteso anche al fidanzato della donna, al ginecologo e allo staff medico accusati in vario modo di complicità e condannati come la principale imputata.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 19:28:04 | 91.208.130.89