Cerca e trova immobili

MENDRISIOSan Martino: tutto a norma di regolamento?

17.11.23 - 09:27
Claudia Crivelli Barella interroga il Municipio di Mendrisio
Foto TIPress
Fonte Comunicato
San Martino: tutto a norma di regolamento?
Claudia Crivelli Barella interroga il Municipio di Mendrisio

MENDRISIO -  

«La fiera di San Martino è una tradizione che alla Città costa molto in termini finanziari (oltre centomila franchi), ma che permette a varie società di rimpinguare le proprie casse, e dà occasione di incontro e di divertimento. Crediamo che questi buoni intenti vadano perseguiti in ogni caso nel rispetto delle regole».

Così Claudia Crivelli Barella, Daniela Carrara, Jacopo Scacchi, Andrea Stephani nell'interrogazione con cui chiedono lumi al Municipio riguardo il rispetto di due importanti regole previste nell'Ordinanza municipale relativa all’organizzazione e alla gestione delle manifestazioni cittadine: quella della richiesta di apertura di una mescita provvisoria e quella che intende promuovere l'utilizzo di stoviglie e bicchieri multiuso.

 

Crivelli Barella, «avendo personalmente assistito durante i giorni della fiera di San Martino, e avendo avuto varie segnalazioni di contravvenzioni a tali ordinanze» chiede se «durante la fiera di san Martino sono stati effettuati controlli di polizia per quanto riguarda la mescita a minorenni e/o a persone in evidente stato di ubriachezza» e se vi siano stati «interventi di polizia e/o ricoveri a seguito di abuso alcolico?»

Inoltre, i firmatari domandano se «è stata rispettata l’ordinanza che vieta di utilizzare stoviglie monouso?».

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Cula 8 mesi fa su tio
Povera gente solo per far parlare di sè si attaccano a queste cose è una festa campestre non una cena REALE.Fate pulizia nei vostri garage e soffitte che trovate tanta m…a da buttare.

G&N 8 mesi fa su tio
È ora che la smettete di fare interpellanze inutili, solo per giustificare la vostra presenza in municipio! Alla fiera di S. Martino ci si va anche per fare festa e magari bere un bicchiere in più, e se non siete contenti di come gestiscono le stoviglie potete andare di persona a dare una mano (fisicamente non con la lingua) ai vari organizzatori. Oppure CITU!

Rigel 8 mesi fa su tio
La maggior parte delle associazioni sportive e ricreative vive di volontariato, di pochi sponsor e di ancor meno aiuti da parte dei Comuni o del Cantone. Un modo per racimolare qualche soldino e permettere le attività (che tra l'altro offrono un aiuto sociale non indifferente, facendo risparmiare la cosa pubblica) è quello di organizzare sagre, tornei, tombole e quant'altro,dove vendere cibo e bibite. Non ci piove che bisogna chiedere i permessi. Per le stoviglie avrei qualcosa da dire. Il costo di quelle ecologiche è piuttosto importante e va ad assottigliare le entrate delle associazioni, ma per l'ambiente questo e altro. Spero però che venga concessa la possibilità di usare le stoviglue monouso ecologiche a quelle associazioni che avrebbero un onere troppo gravoso se fosse obbligatorio l'uso di quelle riutilizzabili. L'acquisto o il noleggio, lo stocaggio e la pulizia di queste ultime si porterebbeto via praticamente tutto quel poco guadagno. Permettete alle associazioni che volontariamente si occupano di giovani e meno giovani di sopravvivere!

gufo 8 mesi fa su tio
mamma mia ragazzi, sempre q.cuno che deve rovinare tutto... una volta si faceva la fiera di S. Martino e si cantava e rideva e soprattutto beveva alla grande!!! vivi e lascia vivere.

Mgrazia60 8 mesi fa su tio
Sempre a lamentarsi 😴😴😴complimenti a chi ha lavorato x regalarci delle belle giornate di festa 👏👏👏👏

Dylan Dog 8 mesi fa su tio
Dopo ci si chiede perché i verdi hanno perso consensi... hanno sempre e solo da rompere le ⚽️⚾️🥎🏀

Jillo 8 mesi fa su tio
e così parte la campagna...

Mastro78 8 mesi fa su tio
Quanti ball…

John Wayne 8 mesi fa su tio
Quella delle stoviglie sono problemi grassi, in Ticino abbiamo almeno 2 aziende che forniscono e lavano le stoviglie in azienda, ma c'è ancora chi preferisce andare oltre San Gottardo per dimostrarsi ecologico e siamo talmente ridicoli da far spendere fr. 2.50 per un sacco di plastica per gettare la plastica, ma i sedicenti ecologisti non vanno di certo in India a vedre come viene trattata la tematica ecologia, oppure già solo a 50m dalla dogana di Brusata dove c'è chi getta il sacco dei rifiti a bordo strada. Gli interroganti sanno benissimo le risposte, visto che le hanno poste magari grazie alle solite soffiate sottobanco da parte di chi non ha il coraggio di metterci la faccia, sicuramente avranno saputo della rissa; come qualche bicchiere di plastica girava ma anche a giusta ragione mi vien da affermare. Ricovero per abuso alcolico, perché non fanno la stessa domanda a carnevale?

WhatwrongCH 8 mesi fa su tio
Un bel Kafischnaps a tutti!

Ri-educa 8 mesi fa su tio
Personalmente sono per il rispetto delle regole, per me significa rispettarmi. Detto ciò, mi piace meno il continuo lamentarsi di ciò che gli altri fanno, se ci si mettesse a disposizione come fanno tante persone, spesso gratuitamente, per mantenere tradizioni locali, si potrebbero anticipare le problematiche intervenendo direttamente ed in anticipo (durante la progettazione e preparazione). Criticare a evento terminato è troppo facile ameno che sia fatto con il buon proposito di migliorare.

Marking 8 mesi fa su tio
le segnalazioni lasciano il tempo che trovano!!

nNano 8 mesi fa su tio
Sé ci andavi anche tu aiutavi a lavare i piatti

nNano 8 mesi fa su tio
Claudia che problemi GRASS. Bisogna invece ringraziare chi ci ha messo del suo per tenere in piedi una manifestazione carissima ai MOMÒ . Sé andavi anche tu ad aiutare magari accettavi tante bazzecole. Grazie GIOVENTÙ RURALE che come al solito si impegna a lavorare GRATIS. Le critiche devono essere costruttive e non solo blablabla pro voti.
NOTIZIE PIÙ LETTE