Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
20 min
Le finanze cantonali vanno (un po') meglio del previsto
Con l'aggiornamento del preventivo 2021, si stima ora un disavanzo di 175,5 milioni di franchi
CANTONE
1 ora
Svelato il quarto nome di Castle On Air
Si tratta del cantante/trapper milanese Ernia a Castelgrande per il tour del suo album “Gemelli”
CANTONE
3 ore
Un altro giorno senza decessi, ma ci sono due ricoveri
Nove i nuovi casi. Gli ospedali accolgono attualmente tre pazienti. Le cure intense sono vuote da oltre due settimane.
FOTO
CANTONE
3 ore
Gemellaggio in Vaticano
A Roma per assistere alla partita di stasera fra Italia e Svizzera, Stefano Tonini ha incontrato il Pontefice.
FOTOGALLERY
CADENAZZO
3 ore
Rogo all'ex postribolo: è stato un errore militare
L'incendio è stato causato da un'esercitazione dei militi. Lo rende noto la Polizia cantonale
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Il mondo visto attraverso l'obiettivo di una macchina fotografica
Ultimi giorni per ammirare la World Press Photo Exibition 2021 a Monte Carasso.
CANTONE
6 ore
Arresti cardiaci sui campi da calcio: «I defibrillatori ci sono, manca la formazione»
Episodi paragonabili a quanto accaduto al calciatore della Danimarca Christian Eriksen capitano anche in Ticino.
LUGANO
7 ore
Come ti trasformo lo Splendide con 25 milioni
È in pubblicazione il progetto per il rinnovamento dello storico albergo in Riva Caccia
FOTO E VIDEO
CADENAZZO
14 ore
Violento incendio al Monna Lisa
La zona è stata isolata dalla polizia. L'intervento ha determinato la chiusura della strada del Ceneri.
CANTONE
09.06.2021 - 07:580
Aggiornamento : 11.06.2021 - 12:19

Appalti e lavoro interinale: «Mettiamo dei paletti»

Una nuova iniziativa parlamentare interpartitica punta a limitare la precarizzazione e il dumping salariale in Ticino.

«Gli appalti pubblici devono essere concessi ad aziende solide e responsabili nei confronti dei propri lavoratori», così Claudio Isabella, primo firmatario.

BELLINZONA - Il lavoro su agenzia. Per alcuni, una risorsa, per altri, uno strumento del quale non abusare, «che può impattare negativamente sul mercato del lavoro locale». La pensano così Claudio Isabella e altri sette granconsiglieri*, che hanno presentato un’iniziativa parlamentare volta a limitare l’impiego di personale interinale quando si parla di commesse pubbliche.

L’obiettivo - L’iniziativa prevede una modifica della Legge sulle commesse pubbliche per «garantire condizioni lavorative di qualità e accessibili anche ai residenti». L’idea è di mettere un freno al dumping salariale e alla precarizzazione che, secondo gli iniziativisti, genera il ricorso massiccio al lavoro interinale adottato da molte aziende in Ticino, siccome, come recita il testo dell’iniziativa, «la maggioranza dei lavoratori interinali risiede oltre confine ed è disposta ad accettare condizioni di lavoro inferiori allo standard svizzero». 

Qualità e responsabilità - La qualità dei lavori realizzati con personale interinale sarebbe inoltre, spiega Isabella, più difficile da garantire, perché «a volte queste persone vengono assunte, così come licenziate, dall’oggi al domani». «Noi vogliamo che le aziende che ottengono gli appalti pubblici abbiano una solidità e una certa responsabilità verso i propri lavoratori».  

L’iniziativa - Sono tre le clausole normative che i granconsiglieri si prefiggono di inserire nella Legge sulle commesse pubbliche attualmente in vigore nel nostro cantone, e prevedono:
- Che il committente possa esigere dalla ditta offerente la stabilità sotto il profilo del personale impiegato, e che la commissione venga svolta da personale con esperienza nel campo e già da tempo alle dipendenze della suddetta azienda. 
- Che il committente possa esigere che la ditta aggiudicataria dell’appalto abbia già sotto contratto la maggior parte dei lavoratori impiegati per portare a termine la commessa e che gli stessi siano già alle dipendenze della ditta e non siano invece assunti appositamente a tal fine.
- Che il committente abbia la facoltà di effettuare controlli per assicurare il rispetto di questi due criteri. 

I precedenti - L’iniziativa si fonda su una precedente versione della stessa, denominata “Interinali: il Cantone dia il buon esempio!” e approvata il 10 aprile 2017 dal Gran Consiglio. Una prima proposta, questa, che era stata ritenuta contraria all’accordo sulla libera circolazione dal Tribunale Federale di Losanna, su ricorso dell’Associazione mantello delle agenzie interinali e di altre sei agenzie di prestito di personale. I giudici di Mon Repos avevano infatti ritenuto che la modifica di legge fosse discriminatoria in virtù del fatto che buona parte dei lavoratori interinali impiegati in Ticino risiede oltre confine.

* Lorenzo Jelmini, Giorgio Fonio, Sabrina Aldi, Roberta Soldati, Tamara Merlo, Laura Riget e Marco Noi

Claudio Isabella
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-16 13:28:20 | 91.208.130.86