Ti Press (archivio)
Matteo Buzzi e Samantha Bourgoin, coordinatori dei Verdi
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 ore
Lo sfogo del broker: «Il Covid ha fatto scappare i clienti»
Le difficoltà di chi lavora a provvigione. «Non abbiamo uno stipendio minimo, e nessun aiuto».
CANTONE
10 ore
Incidente nella galleria del San Gottardo
Il tunnel resta chiuso almeno fino alle 17.40
FOTO
BELLINZONA
11 ore
Ecco i candidati PLR al Municipio
Sono giunti a conclusione i lavori di completamento della lista per la prossima elezione.
CANTONE
12 ore
«Vogliamo controlli sistematici alla frontiera»
È la rinnovata richiesta del Governo ticinese a Berna. Anche se la situazione epidemiologica sta migliorando
BISSONE
14 ore
Incidente in A2: chiuso il tunnel
Circolazione bloccata nella galleria di San Nicolao, disagi al traffico
TICINO
16 ore
«Sono orgoglioso del mio Ticino»
Ignazio Cassis parla da ex medico cantonale e da ticinese. «Bene la gestione della pandemia, ma la morte non sia tabù»
SOLETTA
17 ore
Le due bimbe uccise erano ticinesi
Dramma tra le mura domestiche: forti legami con la Svizzera italiana.
CANTONE
18 ore
In Ticino altri 6 decessi
Il bollettino del medico cantonale sulle ultime 24 ore. I contagi da Covid-19 calano a 24
CANTONE
18 ore
Dopo 175 anni si cambia, il Foglio ufficiale diventa digitale
Una decisione presa in nome della sostenibilità, ma che permetterà pure di passare a una diffusione giornaliera
CASTEL SAN PIETRO
19 ore
Buoni pasto per tutta la popolazione
Il Municipio di Castel San Pietro ha deciso di sostenere i suoi esercizi pubblici.
CANTONE
19 ore
Strutture private «lacunose»: «Meglio requisire personale e materiale»
Il Partito comunista chiede al Governo di valutare i limiti nella gestione della pandemia nelle cliniche private
CHIASSO
20 ore
Sequestrati in dogana 272 confezioni di integratori alimentari
Alla donna è stata inflitta una sanzione pari a 30'000 euro
CANTONE
07.01.2021 - 13:240

«Un programma d'agglomerato poco ambizioso e senza obiettivi vincolanti»

I Verdi del Locarnese hanno inoltrato alle autorità le loro osservazioni sul PALoc 4

LOCARNO - I Verdi del Locarnese hanno inoltrato alle autorità le loro osservazioni sul programma d’agglomerato del Locarnese di quarta generazione (PALoc 4). Nell’ambito della mobilità pur condividendone gli obiettivi generali i Verdi del Locarnese ritengono che vi sia una importante lacuna metodologica e d’approccio: «Da un lato si evita di applicare il principio di pianificazione dell’offerta di traffico e dall’altro mancano degli obiettivi vincolanti e misurabili da raggiungere, in particolare nella ripartizione modale degli spostamenti».

La pianificazione dell’offerta di mobilità in particolare per il traffico individuale motorizzato è invece fondamentale: «Si adeguano le strutture, parcheggi compresi, in funzione del tipo e quantitativo di traffico voluto. In questo senso è molto critico il fatto che la pianificazione dei parcheggi non sia parte integrante del PALoc4».

Il contenimento del traffico individuale motorizzato va quindi perseguito anche con misure volte a diminuire l’offerta. «La strategia dei parcheggi che il Municipio di Locarno (ma anche Muralto, Minusio, Tenero e Ascona non si sottraggono da questa linea) intende perseguire nei prossimi anni, rischia infatti di rendere vane le positive misure nella mobilità alternativa (lenta e collettiva) e quindi di far fallire gli obiettivi generici di cambiamento della ripartizione modale». I Verdi del Locarnese ritengono che il PALoc4 e il suo scenario di riferimento non permetteranno purtroppo di raggiungere la sostenibilità in tempi utili e ragionevoli. Inoltre gli obiettivi non sono quantitativamente vincolati e misurabili.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico considerata la vocazione turistica della regione tutte le tratte e le linee dovrebbero essere ulteriormente potenziate soprattutto nel periodo estivo sia durante il giorno che la sera tardi o nelle prime ore della notte. I VDL propongono di modificare la linea urbana 3 che collega Locarno Monti con dei piccoli bus navetta elettrici (frequenza ogni 15min) che possano anche fare la spola tra i posteggi di San Antonio, Piazza Castello, Largo Zorzi i principali punti nevralgici del centro storico.

La via di trasporto lago va inoltre valorizzata maggiormente con un potenziamento del servizio. «I recenti licenziamenti del personale della navigazione Lago Maggiore indicano chiaramente che va data maggiore priorità a questo servizio pubblico durante tutto l'anno», sottolineano i Verdi del Locarnese. Che ritengono poi fondamentale rendere possibile e potenziare il trasporto di biciclette su tutti i bus FART a lunga percorrenza e sulle linee dove vi sia un dislivello importante.

I Verdi del Locarnese condividono invece gli obiettivi della mobilità lenta, «anche se bisognerebbe agire con maggiore velocità per ridurre la frammentarietà della la rete ciclabile che ne limita la capillarità». Molti incroci non considerano ancora in modo completo e appropriato le biciclette. In generale vanno evitate le soluzioni ciclopedonali dove le biciclette possono entrare in conflitto con i pedoni. Per contro, ritengono estremamente lacunoso e deludente che non sia stata presentata una soluzione in priorità A con ciclopista dedicata sul lungolago di Muralto. «Questo tratto deve essere una assoluta priorità. Inoltre il tracciato per ciclisti veloci su Via Simen a Minusio non è ancora stato messo in sicurezza dopo anni che il problema è stato identificato».

Infine per quanto riguarda gli insediamenti, i Verdi del Locarnese ritengono che dar per scontato un aumento della popolazione residente è errato in quanto in netta contraddizione con gli ultimi scenari della Confederazione che prevedono una diminuzione della popolazione in Ticino. «Le basi di analisi e quindi gli scenari previsti del PALoc4 vanno quindi completamente rivisti anche tenendo presente la devastante speculazione edilizia. Uno sviluppo maggiormente centripeto è sicuramente auspicabile solo se vi è effettivamente una vera necessità di abitazioni sia a corto che a medio lungo termine, ciò che attualmente non è il caso». I Verdi del Locarnese ritengono quindi fondamentale introdurre delle misure incisive per bloccare la speculazione edilizia sia di abitazioni primarie che secondarie.  


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-19 04:23:33 | 91.208.130.86