Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
45 min
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
CANTONE
2 ore
Frontalieri e compensazione finanziaria, versati oltre 90 milioni
La cifra è stata comunicata oggi, in occasione della riunione delle delegazioni italiana e svizzera
LUGANO
3 ore
GAM, a casa 17 dipendenti
Il gestore patrimoniale zurighese ridimensiona le attività a Lugano
MENDRISIO
3 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
LUGANO
3 ore
Polo turistico congressuale, le proposte non sono conformi
Gli esperti hanno ritenuto che non vi sono le basi per aggiudicare il concorso.
CHIASSO
3 ore
Troppa incertezza, nessuna Espérance
L'edizione 2021 di Espérance in Musica non avrà luogo
CANTONE
7 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
8 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
9 ore
Isole di Brissago: il giardino ha un nuovo responsabile scientifico
Si tratta di Alessio Maccagni di Tenero. È entrato in servizio lo scorso 1. agosto
CANTONE
9 ore
I Giudici di pace hanno un nuovo manuale
La pubblicazione rappresenta un sussidio didattico essenziale per svolgere la funzione.
MENDRISIO
9 ore
Moglie del municipale, Robbiani non molla la presa
Il Consigliere comunale di Lega-UDC-UDF biasima il comportamento dell'esecutivo: «Non esistono cittadini di Serie A e B»
CANTONE
9 ore
Punizioni corporali, il Governo ticinese scrive a Berna
Il Consiglio di Stato vuole iscrivere nel Codice civile delle normative che proibiscano tutte le punizioni corporali.
CANTONE
9 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE / SVIZZERA
11.12.2020 - 20:190

Organizzazioni e partiti divisi fra comprensione e collera

C'è chi è soddisfatto perché la salute deve essere la priorità e chi non le manda a dire.

Il PLR ticinese parla di «federalismo smontato» e si distanzia dalla posizione nazionale. Per l'UDC si tratta di misure «inaccettabili».

LUGANO/BERNA - Le misure prese dal Consiglio federale per lottare contro la pandemia e comunicate quest'oggi non hanno evidentemente lasciato indifferenti i partiti, i sindacati e varie associazioni di categoria. Oltre a Gastrosuisse, una dura reazione arriva ad esempio da PLRT e UDC. Di avviso diametralmente opposto PS e Verdi del Ticino.

PLRT: «Federalismo smontato» - «Berna archivia i principi del federalismo e ignora gli sforzi dei Cantoni più responsabili», commentano i liberali-radicali ticinesi, secondo cui le decisioni odierne rappresentano - malgrado le eccezioni - «un’ingiusta punizione per realtà come il Ticino e la Svizzera romanda, che molto hanno fatto a tutti i livelli nella lotta al virus». Secondo il PLRT non si può vivere nell’incertezza di decisioni che potrebbero cambiare ancora tra pochi giorni generando ulteriore confusione. Decisamente più sfumata la posizione a livello nazionale, che parla di «passo nella buona direzione, anche se sono necessari dei chiarimenti».

Verdi del Ticino: «Misure insufficienti» - Per i Verdi del Ticino le misure decise oggi invece non bastano. «Essere gli ultimi della classe a difendere la salute delle nostre cittadine e dei nostri cittadini non ci fa migliori garanti dell’economia, anzi». Gli ecologisti criticano la mancanza di scelte chiare e l’assenza di garanzia delle giuste protezioni economiche per aziende e collaboratori che si vedono limitare le attività, ipotecando più a lungo termine la ripresa economica del Paese.

PS: «La salute è la priorità» - Il PS ha invece accolto con favore le misure annunciate oggi dal Consiglio federale, che sono in linea con le sue richieste: «La protezione della salute della popolazione rimane la priorità assoluta». Secondo i socialisti il governo, così facendo, si è assunto un ruolo guida, tenendo comunque conto delle specificità regionali. «Tuttavia - viene precisato - le misure sanitarie decise questa settimana verranno accettate dalla popolazione solo se saranno accompagnate da misure economiche sostanziali che garantiscano a chi ne ha bisogno un risarcimento rapido, non burocratico e sufficiente delle perdite subite». 

PPD: «Fuori dalla crisi solo insieme» - Anche il PPD ha affermato che le nuove misure sono fondamentali per proteggere salute, economia e società. Anche in questo caso è apprezzato il fatto della differenziazione in base alla situazione cantonale. I popolari-democratici hanno invece criticato le aspre polemiche che si sono scatenate in Svizzera, in un «tutti contro tutti, ognuno per sé». Solo insieme infatti, hanno detto, si può uscire dalla crisi.

UDC: «Misure inaccettabili» - L'UDC ha dal canto suo definito la strategia del governo «assurda, senza speranza, non basata sui fatti e contro la maggioranza dei Cantoni». Si tratta di misure «inaccettabili», che equivalgono a una sentenza di morte per molte attività della gastronomia.

Travail.Suisse: «Evitare un vero lockdown» - Per quanto riguarda le organizzazioni, Travail.Suisse sostiene le nuove misure decide oggi dal Consiglio federale, sottolineando come sia necessario evitare a tutti i costi un vero e proprio lockdown. Per arrivare a questo, tutti devono fare la loro parte. Servono però misure di sostegno per le imprese colpite dalle nuove limitazioni, dal lavoro ridotto finanziato al 100% fino alla riattivazione dei crediti Covid. Secondo Travail.Suisse, l'aumento dei mezzi finanziari a disposizione per i casi di rigore, evocato dal governo, è solo un primo passo.

USS: «Misure economiche e sociali supplementari» - Proprio quest'ultima misura non basta per garantire salari e posti di lavoro, secondo l'Unione sindacale svizzera (USS). A detta dell'organizzazione servono misure economiche e sociali supplementari per contrastare la crisi scatenata dalla pandemia. Bisogna attendersi sia ondate di licenziamenti sia perdite di reddito: i più colpiti saranno quelli che guadagnano di meno.

I direttori della sanità approvano - La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), infine, approva l'armonizzazione delle misure. Era in effetti questa la strada auspicata dalla maggioranza dei Cantoni durante la consultazione svoltasi in settimana. La CDS inoltre accetta l'introduzione di provvedimenti più severi.
 
 


 
 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 19:56:26 | 91.208.130.85