Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
27 min
Da domani si può tornare sul Generoso
La linea ferrovia è stata ripristinata dopo la frana caduta ieri.
CANTONE
37 min
Vaccini on the road: «Più di 2'700 inoculazioni»
Da oggi il bus itinerante toccherà alcune località del Luganese e delle Valli del Ticino.
CANTONE
45 min
Si entra nella stanza 501: tutti i dettagli
Giallo dell'hotel La Palma Au Lac di Muralto, al processo la versione dell'imputato. Dal gioco erotico all'allarme.
ASCONA
2 ore
L'hotel Castello del Sole è il migliore di tutta la Svizzera
È la seconda volta che la struttura riceve il prestigioso riconoscimento della guida GaultMilliau.
FOTOGALLERY
LUGANO
2 ore
Pregassona ha una nuova area di svago
Si trova in via Industria e va a inserirsi nel futuro parco fluviale "Raggio Verde"
MURALTO/LUGANO
3 ore
Spese folli, e pagava sempre lei
Processo per il delitto in hotel: ripercorse le ultime ore della "strana coppia". La cena, la discoteca, la cocaina.
CANTONE
4 ore
I tatuaggi, il lusso, il sesso, gli scatti d'ira e quella ragazza con tanti soldi
Morte in hotel: il 32enne accusato di avere ucciso una giovane inglese è davanti alla Corte delle assise criminali.
CANTONE
5 ore
Orientamento professionale, anche dopo i 40 anni
La prestazione "viamia" permette di beneficiare gratuitamente di una valutazione della situazione individuale.
AROGNO
6 ore
Anche Arogno ammaina l'arcobaleno
Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un cittadino
FOTO
CHIASSO
6 ore
Chiasso, Tavolino Magico festeggia i dieci anni
Ogni settimana nella città di confine vengono distribuiti ottocento chili di cibo a duecento residenti.
CANTONE
11.11.2020 - 08:420

«Catene di approvvigionamento in pericolo? Invochiamo l'intervento dell'UFAE»

Il Partito Comunista rivendica un deciso intervento statale per far fronte alla seconda ondata della pandemia.

Massimiliano Ay: «Il mercato ha dimostrato di non essere efficiente: lo Stato deve quindi vigilare su questi fenomeni, assicurando le catene di approvvigionamento del Paese e bloccando sul nascere la speculazione».

BELLINZONA - Di fronte all'arrivo della temuta seconda ondata pandemica, il Partito Comunista rivendica un «deciso intervento» da parte dello Stato nella gestione dell’economia nazionale. «La Confederazione - scrivono i comunisti in una nota - sembra infatti non aver appreso a sufficienza dalla prima ondata di questa primavera, rinunciando a prepararsi adeguatamente alla recrudescenza della pandemia tanto sul piano sanitario quanto su quello economico. Numerose sono infatti le voci levatesi nelle scorse settimane per mettere in guardia il Paese dal serio rischio di penuria dei beni di consumo di base». 

Tra queste vi è quella del direttore di Commercio Svizzera - federazione che riunisce oltre 4000 aziende attive nel settore della vendita - Kaspar Engeli che ha recentemente dichiarato che «se dovessero mancare parametri affidabili e un minimo di programmabilità, le catene di approvvigionamento in Svizzera rischierebbero di saltare».

Un rischio, questo, che preoccupa anche il PC: «Vi è il concreto rischio che si ripetano i fenomeni speculativi e le penurie avvenute la scorsa primavera, quando il prezzo di alcuni prodotti sanitari è esploso mentre alcuni grossisti si arricchivano grazie all’export», sottolineano i comunisti ricordando il caso delle mascherine,«giunte a costare fino a 20 franchi l'una, mentre alcuni intermediari ne esportavano a tonnellate verso l’estero, realizzando lauti guadagni grazie a queste operazioni di compravendita».

Secondo Massimiliano Ay, segretario politico del Partito Comunista, «il mercato ha dimostrato di non essere efficiente: lo Stato deve quindi vigilare su questi fenomeni, assicurando le catene di approvvigionamento del Paese e bloccando sul nascere la speculazione».  Ecco perché, aggiunge Ay, «le forniture di materiale sanitario e di beni essenziali devono essere garantite dalla Confederazione».

Il Partito Comunista sottolinea come esista già uno strumento attraverso cui agire in tal senso: «L'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico (UFAE) ha infatti il mandato costituzionale di "assicurare l'approvvigionamento del Paese in beni e servizi vitali in caso di gravi situazioni di penuria cui l'economia non è in grado di rimediare da sé”; in caso di necessità, esso può inoltre derogare al principio della libertà economica».

Benché il mandato di questo ufficio sia chiaro, la sua «(in)attività» a fronte della pandemia da COVID-19 ha destato non poche perplessità: «Oltre a non essere intervenuto per mettere fine alle pratiche speculative di cui sopra - spiegano i comunisti - l’UFAE non si è ad esempio opposto alla liquidazione delle riserve di etanolo (essenziale per la produzione di disinfettante) decisa dall’ex regia federale degli alcool (privatizzata nel 2018)». 

Su questo punto, Lea Ferrari, deputata del PC al Gran Consiglio ticinese, ricorda che «sono gli stessi commercianti a lanciare l’allarme e a ricordare le difficoltà affrontate in primavera, richiedendo a gran voce l’intervento della Confederazione. Il Consiglio federale deve dunque attivare immediatamente l’UFAE e assicurarsi che esso non venga meno al suo mandato come avvenuto in passato»

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Duca72 10 mesi fa su tio
Se fossimo nell’UE questo problema non ci sarebbe. Vogliamo sempre prendere le distanze da Germania Italia Francia ecc. ma poi ci si rende conto che da soli non si va da nessuna parte e che siamo dipendenti da loro.
Güglielmo 10 mesi fa su tio
faremo la fila a partire dalle 3 di mattina come nei supermercati COMUNISTI per accaparrarci un tozzo di pane e chel che resta... ma per piasé....
marco17 10 mesi fa su tio
Oh signur! Adesso ci si mettono anche loro a immaginare scenari catastrofici basati sui "potrebbe", "sarebbe" "se si dovesse", ecc.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 16:16:33 | 91.208.130.89