Keystone
Il presidente del Governo retico Christian Rathgeb.
GRONO (GR)
16.04.2020 - 12:280

«Nessuna eccezione per il Moesano»

Il Governo grigionese ha deciso di non dar seguito alla petizione lanciata da un'infermiera della regione.

Il testo, che ha raccolto 4'450 firme in tutta la Svizzera, chiedeva l'adozione per Mesolcina e Calanca di misure analoghe a quelle attuate in Ticino.

GRONO (GR) - Il Governo grigionese, pur manifestando la massima comprensione per la situazione nelle valli italofone, ha deciso di non dar seguito alla petizione "Sostegno ticinese al Moesano", che chiedeva l'adozione per Mesolcina e Calanca di misure anti-coronavirus analoghe a quelle attuate in Ticino, più severe di quelle ordinate dal Consiglio federale.

La petizione, promossa da Michela Ahmed Ranzi, un'infermiera residente nel Moesano, appartenente a un gruppo a rischio per la malattia Covid-19, fino a ieri aveva raccolto 4'450 firme in tutta la Svizzera, di cui 1'950 dal Moesano e dal Ticino.

Ranzi aveva lanciato la petizione il 27 marzo, giorno in cui il Consiglio federale aveva deciso che i Cantoni sono abilitati, in casi eccezionali, ad adottare provvedimenti che vanno oltre quanto previsto dall'ordinanza del governo sul coronavirus. La decisione aveva fatto seguito alla chiusura di imprese e cantieri decisa da Bellinzona e, in un primo tempo, giudicata da Berna non conforme al diritto federale. L'infermiera chiedeva che il Governo retico ammettesse questa prassi restrittiva anche per il Moesano.

Non dando seguito alla richiesta dei firmatari, l'esecutivo retico ricorda prima di tutto che lo Stato maggiore di condotta della Regione Moesa ha deciso di non avvalersi della possibilità eccezionale offerta dal Consiglio federale, si legge in un comunicato odierno della Cancelleria dello Stato.

Il Governo, afferma la nota, ha la massima comprensione per la situazione nelle valli meridionali e in particolare nella Regione Moesa. Per via della prossimità al Ticino e all'Italia, le valli del Grigioni italiano si trovano ad affrontare sfide particolari dovute al coronavirus. L'esecutivo ne ha piena consapevolezza anche grazie alle due visite di una sua delegazione in loco, che hanno permesso di evidenziare la buona collaborazione tra Coira e la regione nonché l'attuazione delle misure volte a limitare la diffusione del virus.

Il Governo ribadisce che all'occorrenza l'assistenza ospedaliera per la Regione Moesa sarebbe garantita anche dall'ospedale di Thusis e dall'ospedale cantonale di Coira, qualora le capacità del Cantone Ticino non dovessero più essere sufficienti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 1 anno fa su tio
I Mesolcinesi si sono fatti contagiare il cervello dai Ticinesi che a loro volta si ispirano alla Lombardia , che si sta rivelando il peggior esempio in materia di sanità pubblica e di misure atte a combattere il coronavirus. Per fortuna, il governo retico ragiona con la propria testa.
seo56 1 anno fa su tio
E fanno bene!
miba 1 anno fa su tio
Il Canton Grigioni segue le direttive svizzere per la Svizzera emanate dal Consiglio federale mentre il Ticino prende quale esempio l'Italia e la Lombardia.....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 17:53:52 | 91.208.130.87