Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
34 min
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
1 ora
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
3 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
6 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
8 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
9 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
11 ore
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
BERNA / COMANO
1 gior
Rsi accusata di copertura elettorale sbilanciata
L'AIRR ha accolto il ricorso di Xenia Peran in merito alle elezioni federale del 20 ottobre 2019
CANTONE
1 gior
L’UDC difende i ticinesi per la sanità cantonale
«Veglieremo che misure e potenziamenti di posti di formazione e di impieghi supplementari siano destinati ai residenti»
CANTONE
1 gior
Colonie artistiche confermate al MAT
Il semaforo verde è scattato grazie agli allentamenti voluti dal Consiglio federale.
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
1 gior
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
CANTONE
1 gior
Attenti ai radar
Controlli mobili in quattro distretti. I semi-stazionari a San Nazzaro, Minusio e Curio
CANTONE
1 gior
«Mergoscia non odia gli svizzero-tedeschi»
La sindaca si difende dagli attacchi seguiti alle multe comminate per posteggi irregolari
CANTONE
1 gior
Cambio ai vertici dell'EOC
L'attuale presidente della Camera di commercio è stato nominato oggi dal Cda.
LUGANO
1 gior
Bertini non esclude una Lugano marittima "light"
Il problema resta sempre lo stesso: «Temiamo che possa diventare ingestibile il flusso di visitatori»
CANTONE
06.11.2018 - 16:290
Aggiornamento : 07.11.2018 - 14:52

Titoli di coda per la LIA

La controversa legge è stata abrogata oggi dal Gran Consiglio. Pronta un’iniziativa per la creazione di un albo compatibile con il diritto superiore

BELLINZONA - Dopo sei anni e un giorno cala infine il sipario sulla Legge sulle imprese artigianali (LIA). Il Gran Consiglio ticinese, al termine di un lungo dibattito, ha deciso oggi di abrogare la controversa legge con 47 voti a favore, 11 contrari e 13 astenuti.

Nonostante i rischi di un vuoto legislativo, in Parlamento ha quindi prevalso la volontà di prendersi il tempo necessario, evitando «soluzioni affrettate», come ribadito nel corso della discussione da più granconsiglieri. Un’iniziativa parallela per la creazione di un albo che sia compatibile con il diritto superiore - come confermato dalla relatrice di maggioranza Amanda Rückert (Lega) - è già pronta per essere depositata.

Il sostegno del Governo - Nel suo intervento prima del voto, il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali ha portato l’adesione del Governo all’abrogazione della legge, affermando però come «al di là dei rimpalli di responsabilità, oggi perdiamo tutti». Il consigliere di Stato ha inoltre confermato il sostegno alla proposta di Maurizio Agustoni (PPD), che chiedeva di restituire la tassa per l’anno 2018 alle ditte.

La stoccata a Zali - Le discussioni sul controverso albo hanno pure fatto da sfondo all'ennesimo "scontro" (oggi unilaterale) tra Pronzini e il direttore del DT, con il deputato MPS che ha pesantemente puntato il dito contro i responsabili della «mostruosità giuridica».

«La LIA è un prodotto del DT, capitanato da quel genio del diritto che risponde al nome di Claudio Zali», ha tuonato Pronzini, poi bacchettato sia dalla prima cittadina che dal collega Giorgio Galusero (PLR), che - tra gli applausi - lo ha invitato a smetterla di denigrare il Consiglio di Stato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
albertolupo 1 anno fa su tio
"al di là dei rimpalli di responsabilità, oggi perdiamo tutti" una bella M! Spiacente, ma da subito c'è stata gente che ha detto che era una boiata pazzesca. Perdono quelli che la boiata l'hanno pensata, creata, votata.
beta 1 anno fa su tio
....... e manica, ma tanta, ma tanta ...... o soliti ignoti .
tip75 1 anno fa su tio
ma insomma...non si tratta di denigrare ma di costatare l operato di tutto il cds a partire dalla lia,poi dai mandati diretti,poi dal siamo sereni,poi dai posteggi poi poi poi....ci vuole coraggio a indispettirsi...un cds serio aveva rassegnato le dimissioni da un pezzo
ciapp 1 anno fa su tio
finalmente !!!!! si spera !!! e adesso !!! oli da gombat a recuperare il lavoro perso !! votazioni di aprile sono a tiro e di dare un voto al capo del territorio non entra più nel mio idolo !!!
Donatofiorella 1 anno fa su tio
Forse è arrivata l'ora alle nuove elezioni di cambiare radicalmente queste politica, naturalmente i politicanti !!!!!
F/A-18 1 anno fa su tio
@Donatofiorella Dovresti proporti, farti votare e dopo potresti cambiare le cose però arrivare lassù non è facile, la trafila passa in mezzo a tanti compromessi, impegno, conoscenza, promesse e quant'altro, dopo di che il popolo ti vota, prova.
ugobos 1 anno fa su tio
bravo pronzini alla fine ti sei rilevato per quello che sei. mi hai deluso. uno che sostiene leggi illegali va mandato a lavorare. era ora che toglievano sta menata. in ticino sempre più posto per giovani in assitenza e chi ha voglia di fare se ne va per i troppi problemi creati dal cantone.
albertolupo 1 anno fa su tio
@ugobos Guarda che Pronzini ha dato a Zali dell'incapace, proprio perché è Zali che ha creato la LIA. Poi non so se a sua tempo l'avesse votata pure lui (in aula del Gran Consiglio mancavano almeno una trentina di Granconsiglieri…).
noci 1 anno fa su tio
In aprile chi dobbiamo eleggere?
Biagio 1 anno fa su tio
Prendersi la responsabilità di una norma che ha creato problemi ecc... cosa vuol dire? Sicuramente non dimettersi, ci mancherebbe. Scommetto che lo stesso verrà fatto per la tassa di collegamento. Zali è stato e sicuramente sarà un ottimo giudice, ma forse la politica è altra cosa.
Bandito976 1 anno fa su tio
Libidine.....doppia libidine..... libidine coi fiocchi
Amina Domeniconi 1 anno fa su fb
Ci saranno dei rimborsi alle persone che hanno dovuto chiudere la propria attività e verranno rimborsate le tasse incassate ingiustamente? Non credo proprio!
Iron 883 1 anno fa su tio
E adesso vediamo di far sparire la tassa di collegamento. Altra mostruosità del Consigliere di Stato già giudice avv. Zali!
Lore62 1 anno fa su tio
@Iron 883 Esatto! E ce ne sono altre da far sparire, ad esempio la precedenza assoluta ai pedoni introdotta da qualche inetto, infatti ne schiacciano più di prima! Il genio invece di tornare sui suoi passi (vecchio e buon sistema) ha reso obbligatorio i fari accesi di giorno...si vedono i risultati XD
Tarok 1 anno fa su tio
godo
curzio 1 anno fa su tio
La solita paciugata alla ticinese. Invece di imparare la lezione, volete inventarvi un nuovo albo? Ma possibile che in Ticino al posto di snellire la burocrazia ci si intestardisce per crearne della nuova?
patrick28 1 anno fa su tio
FINALMENTE ! ECONOMIA LIBERA !!!!!!!!!!!!!!!!
gabola 1 anno fa su tio
@patrick28 E via a riempire i cantieri di furgoni targati i
albertolupo 1 anno fa su tio
@gabola Le imprese serie "targate" ( I ), pagacano ed erano tranquillamente iscritte alla LIA. Gli unici a perderci sono stati i ticinesi. Chi ha pagato per una roba inutile (da cui gli svizzero tedeschi sono stati da subito esentati…) e chi ha dovuto smettere di lavorare per un qualche cavillo.
gabola 1 anno fa su tio
@albertolupo Dici bene,le imprese serie,uguale da noi,daccordo che cosi non era perfetta,ma la si poteva sistemare,ora...terra bruciata e quelli seri la prenderanno dove non batte il sole(anche se spero di no,da padroncino e conoscente di parecchi padroncini che la Lia l'avevano)
KilBill65 1 anno fa su tio
Il tendone cambia ma il circo e' sempre quello!!!....
skorpio 1 anno fa su tio
Giusto o sbagliato che sia settimana prossima arriva il circo. Cari consiglieri , so che cercano dei pagliacci...
BillieJoe 1 anno fa su tio
@skorpio Hahahahahahahahaha, se facessero Notre Dame, il GOBB è perfetto...
albertolupo 1 anno fa su tio
@BillieJoe Gobb tropp smagrit per essere divertent

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-30 20:27:58 | 91.208.130.87