TiPress - foto d'archivio
CANTONE
12.09.2018 - 16:060
Aggiornamento 18:35

Si cercano alternative all’abrogazione della Lia

Il Gran Consiglio ha tolto dall’ordine del giorno la discussione prevista la prossima settimana per approfondire la questione. Caprara: «Basta con i proclami per compiacere la gente»

BELLINZONA - La Commissione della legislazione ha deciso di approfondire le alternative per salvaguardare gli intenti della Lia. Lo annuncia il PLR in un comunicato stampa.

Il Gran Consiglio ha pubblicato l’ordine del giorno modificato, escludendo la discussione sul Messaggio per l’abrogazione della Legge sulle imprese artigianali. Discussione che è quindi stata rimandata, in quanto la Commissione ha deciso a maggioranza di darsi ancora un mese di tempo «con l’idea di apportare gli indispensabili correttivi, affinché la legge sia rispettosa del diritto superiore».

Per il PLR la decisione di sospendere l’abrogazione della LIA - giunta anche dopo l’annuncio da parte dell’UAE di lanciare un referendum - è «un segnale di sostegno e vicinanza alle aziende e agli artigiani».

Bixio Caprara ha accolto favorevolmente la decisione della Commissione della legislazione: «L’abrogazione frettolosa avrebbe significato alzare bandiera bianca. Ma vanno prima approfondite le alternative». Il presidente del PLR non risparmia un monito: «Sarebbe ora di smetterla di lavorare in modo declamatorio, volendo a tutti i costi compiacere la gente».

2 sett fa «Congelare la Lia anziché abrogarla»
2 sett fa La lotta per salvare la Lia non si ferma: «Sarà referendum»
Commenti
 
ciapp 1 sett fa su tio
che schifo e io dovrei andare a rivotare questa gente ????? uno peggio dell'altro !!! e hanno anche il coraggio di scriverlo sul domenicale che mantenere in piedi sta M... di LIA costa 3000fr al giorno !! no comment vergognatevi !!!!!
Um999 1 sett fa su tio
Ma perché in questo Cantone ci sono problemi seri a seguire o meglio allinearsi con le regole e leggi Federali? Non riesco proprio a capirlo... se qualcuno mi potrebbe aiutare. Grazie
Cleofe 1 sett fa su tio
VORREI RICORDARE CHE ....Ogni mese in più di LIA significa costi pari a 100mila franchi al mese a carico dei contribuenti. Vedete un po voi cosa costa sta baggianata....
Libero pensatore 1 sett fa su tio
Meno burocrazia, più etica e buonsenso. Negli ultimi anni si è assistito all’introduzione di leggi, tasse, studi per la mobilità, artifizi fiscali... tutto ció ha creato costi enormi, burocrazia e alimentato false speranze ma, di fatto, nulla è cambiato. Anzi: forse siamo messi peggio di qualche anno fa
tip75 1 sett fa su tio
che ipocrisia...non si tratta di alzare la bandiera bianca ma di fare un passo indietro ridare i soldi e scusarsi...ma in Ticino si sa,piace aver ragione anche quando si ha torto...tutti sereni
bananasplit 1 sett fa su tio
Cavolo ... ma che arroganza e cocciutaggine sti fautori .. di tener in piedi la LIA, morta e sepolta :- ) Amen
Cleofe 1 sett fa su tio
l'unica alternativa e' abolire questo scempio di pseudo legge. E magari restituire il mal tolto ai poveri artigiani. o ancora sperate di mangiarci alle spalle, piu di quello che avete fatto finora ? !!
Equalizer 1 sett fa su tio
CTRL+ALT+CANC ?
Potrebbe interessarti anche
Tags
abrogazione
lia
plr
discussione
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-21 18:21:53 | 91.208.130.86