Tipress
CANTONE
22.02.2018 - 06:300
Aggiornamento : 07:24

Sì alla preferenza indigena "light"

Dopo aver bocciato "Prima i nostri", il Gran Consiglio ha accolto questo principio nel settore pubblico e parapubblico

BELLINZONA - Dopo aver bocciato la legge di applicazione di "Prima i nostri" nel pomeriggio, il Gran Consiglio ha invece accettato - in tarda serata - il principio della preferenza indigena nel settore pubblico e parapubblico.

Con questa scelta il Parlamento ticinese intende mettere in atto una serie di limitazioni che però rispettano il diritto superiore. Le misure concerneranno - tra gli altri - il personale dell'EOC, di BancaStato, dell'ATT, dell'OTR, di USI e Supsi e pure per le aziende di trasporto che beneficiano di sussidi.

Quest'iniziativa - ricordiamo - era stata proposta dall'UDC ed era stata approvata dai ticinesi nella votazione tenutasi nel settembre del 2016.

Commenti
 
falcodellarupe 1 anno fa su tio
credo che vigilante ha colto perfettamente il problema, forse ha un pò esagerato sul modello antropologico, ma non più di tanto!! Coraggio, viviamo.
vigilante 1 anno fa su tio
"Prima i nostri" già dal nome è la più grande manifestazione di ignoranza culturale e finanziaria mai sentita... Dovrebbe essere una grandissima opportunità per le aziende quella di poter scegliere dipendenti, collaboratori e specialisti da un bacino d'utenza più ampio.. europeo e anche mondiale, per aumentare qualità e produttività! Il vero problema non è l'eventuale preferenza "straniera" ma il DUMPING SALARIALE!!! Su questo non vedo alcuna proposta nè passi avanti. Ma è così difficile da capire?!! Se ci fosse una regolazione salariale minima per categorie lavorative, non si correrebbe il rischio che uno straniero/frontaliere venga assunto solo perchè costa meno, ma perchè realmente è stato considerato migliore (e la possibilità di scegliere è un grande valore aggiunto per le aziende.. ma va fatto in modo regolamentato a livello salariale, per non penalizzare "i nostri"). E invece qua è pieno di ticinesotti ignoranti coi capelli unti e l'orecchino, che parlano solo in dialetto, e che non sono in grado di fare alcun lavoro e danno la colpa di tutto ai frontalieri, in una guerra fra poveri onestamente penosa.. :(
Trasp 1 anno fa su tio
@vigilante Ignoranza è anche chi generalizza dicendo che "qua è pieno di ticinesotti ignoranti coi capelli unti e l'orecchino, che parlano solo in dialetto, e che non sono in grado di fare alcun lavoro...". E prima di tutto mancanza di rispetto.
gmogi 1 anno fa su tio
Il diritto superiore cos’è? Qualcosa che riguarda il signore degli anelli? E poi con 78 milioni ne potete assumere di gente...
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 16:57:02 | 91.208.130.85