Ti Press
CANTONE
20.12.2017 - 15:170
Aggiornamento : 16:29

Il Museo cantonale di storia naturale sarà a Locarno

Il Consiglio di Stato ha scelto la nuova sede fra le nove possibilità a sua disposizione

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha terminato la procedura di analisi delle idoneità strategico-paesaggistiche, pianificatorie, infrastrutturali e architettoniche delle candidature per la nuova sede del Museo cantonale di storia naturale. Candidature che, fra enti pubblici e privati, erano in totale sette (AIL, Balerna, Bellinzona, Claro, Faido, Losone e Lugano), alle quali l’autorità cantonale aveva aggiunto due ulteriori proposte su sedimi di sua proprietà (Locarno, Santa Caterina, Via delle Monache e Viganello, Scuola media, Via Boscioro 7).

Preso atto dei risultati dell’analisi comparativa tra i vari scenari all’esame, nonché di una prima valutazione dei costi di investimento e dei tempi di realizzazione, il Consiglio di Stato ha ritenuto l’ipotesi più interessante quella di spostare il Museo cantonale di storia naturale dalla sua attuale ubicazione presso il Palazzetto delle scienze di Lugano al comparto Santa Caterina in Via delle Monache in centro a Locarno.

La scelta resta dunque in linea con le passate decisioni governative, che già avevano individuato nel Locarnese la destinazione della struttura museale (Museo del territorio, progetto poi abbandonato a favore di un nuovo Museo di storia naturale) quale polo a maggiore vocazione turistica e culturale del Cantone ai sensi degli obiettivi strategici del Piano direttore cantonale.

Al fine di approfondire tale scelta, verificare costi di investimento e tempi di realizzazione, il Consiglio di Stato ha incaricato la Sezione della logistica, in collaborazione con i Servizi interessati del Dipartimento del territorio, di presentare il complemento allo studio di fattibilità già eseguito sul comparto di Santa Caterina e il rapporto di programmazione che permetteranno di allestire il messaggio governativo per la richiesta del credito per il concorso d’architettura e per il progetto di massima per la sede di Locarno entro l’estate 2018.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 3 anni fa su tio
Gente di Valle, votate Lega. Questi saranno i risultati: oltre ai 10 milioni per le fermate dei mezzi pubblici nei centri e, ora, Museo a Locarno. Povera Leventina, per Zali sembra non esistere!
pontsort 3 anni fa su tio
@Gus Sinceramente non la trovo una cattiva soluzione. Poteva anche essere interessante farlo a faido, ma di sicuro non funzionale per essere visitato da tutti gli studenti del ticino ( e non parlo solo di quelli dei centri, ma anche quelli della valle maggia che per arrivarci avrebbero dovuto girare tutto il ticino). In ogni caso é stato trasferito nel sopraceneri, che é gia una bella cosa. Per il fatto che la Leventina sembra non esistere per Zali, notizia di due giorni fa verra rifatto un ponte sopra ticino trovandosi su un versante in movimento, cose che si aggiunge alla copertura dell'autostrada ad airolo, e ad altri progetti in valle.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 12:27:09 | 91.208.130.85