Cerca e trova immobili

CANTONEAlla guida di un'auto di lusso non sdoganata, fermato

14.06.24 - 09:37
Un cittadino ucraino si è visto sequestrare il suo SUV Lamborghini all'aeroporto di Agno. Per lui anche una multa salata.
udsc
Fonte UDSC
Alla guida di un'auto di lusso non sdoganata, fermato
Un cittadino ucraino si è visto sequestrare il suo SUV Lamborghini all'aeroporto di Agno. Per lui anche una multa salata.

LUGANO - È stata breve la corsa per un'automobilista a bordo di un'auto di lusso - una Lamborghini Urus - immatricolata nel Principato di Monaco.

Venerdì scorso è stato fermato dagli agenti dell'Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (Udsc) all'aeroporto di Agno: non era autorizzato a circolare in territorio svizzero, in quanto cittadino ucraino residente in Ticino. Il veicolo non era stato sdoganato all'importazione.

Secondo le disposizioni doganali, scrive nel comunicato diffuso l'UDSC, i veicoli che vengono importati in Svizzera devono essere dichiarati spontaneamente all’importazione.

L’auto è stata quindi posta sotto sequestro e l’uomo dovrà versare una multa di diverse migliaia di franchi.

Importazione di veicoli in Svizzera - L’importazione di veicoli in Svizzera prevede il rispetto di determinate formalità e il versamento dei tributi previsti. I veicoli che vengono importati in Svizzera devono essere dichiarati spontaneamente presso un ufficio doganale competente per le merci commerciali. I veicoli sottostanno al pagamento dell’IVA (8.1%) e dell’imposta sugli autoveicoli (4%).

Merci, persone e mezzi di trasporto - Fa parte del mandato dell’UDSC controllare merci, persone e mezzi di trasporto, in base all’analisi della situazione e dei rischi. Il programma di trasformazione DaziT mira a digitalizzare i processi dell'UDSC e a uniformare la formazione nelle tre aree di controllo.

In futuro, l'UDSC sarà ancora più in grado di garantire la sicurezza globale alla frontiera per la popolazione, l'economia e lo Stato.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE